Arriva Sticky, la nuova app per selfie-sticker dai creatori di Prisma

Giuseppe Tripodi

Prisma è un’app che non dovrebbe aver bisogno di troppe presentazioni, ma facciamo comunque un riassunto per i più distratti: lanciata poco più di un anno fa, il software utilizza l’intelligenza artificiale per applicare dei pattern artistici (ispirati a quadri famosi o stili pittorici particolari) alle foto.

Tuttavia, dopo parecchi mesi sulla cresta dell’onda, Prisma è stata ampiamente imitata (o sarebbe meglio dire copiata) da tanti giganti del settore, incluso Facebook. Per questo motivo, dopo aver cercato senza troppo successo di trasformare il software in una piattaforma, adesso il team si è spostato su un nuovo progetto, chiamato Sticky AI.

Lo scopo di questa nuova applicazione, già disponibile per iOS e in arrivo nella prossima settimana per Android, è creare dei selfie sticker, ossia degli adesivi con il proprio volto e, magari, qualche aggiunta di testo.

Facce sorprese dalla redazione

Per il momento le possibilità sono molto limitate: è possibile scegliere solo tra due filtri per modificare i volti e lo sfondo può essere semplicemente ritagliato o sostituito con un colore (noi abbiamo scelto un bel giallo acceso).

LEGGI ANCHE: Snapchat: arrivano link, filtri per la voce e sfondi per arricchire gli Snap

Tuttavia, il punto di forza dell’applicazione è usare l’intelligenza artificiale per ritagliare i volti dallo sfondo: nonostante possa sembrare poca cosa, è incredibile quanto questa operazione avvenga rapidamente, ottenendo dei risultati davvero interessanti (noi non abbiamo avuto nessun problema neanche nel ritaglio dei capelli, che solitamente danno parecchio filo da torcere).

Inoltre, Sticky AI non si limita ai soli selfie, ma permette di creare anche delle GIF animate (ovviamente eliminando lo sfondo) tenendo premuto sul tasto di scatto.

Attualmente l’app si trova ancora in una fase embrionale, ma ovviamente verrà arricchita di funzionalità in futuro, tra cui la possibilità di attaccare il proprio sticker ad un’altra foto.

L’applicazione è gratuita (badge per iOS qui sotto, Android prossimamente) e, secondo quanto dichiarato ai colleghi di TechCrunch, attualmente il team non sta neanche pensando a come monetizzare: per il momento lo scopo è diffondere più possibile l’applicazione.

Via: TechCrunch