Il nuovo iPad Pro 10.5 smontato e passato (letteralmente) ai raggi X da iFixit

Cosimo Alfredo Pina

Dopo aver messo sotto torchio i nuovi iMac 21,5 2017, con qualche piacevole sorpresa, iFixit punta i suoi cacciavite verso il nuovi iPad Pro 10.5, anche questo presentato la scorsa settimana durante il keynote del WWDC 2017.

Cosa si cela quindi dentro la scocca di alluminio e dietro lo schermo HDR a 120 Hz de nuovo iPad professionale? In verità l’analisi di iFixit non aggiunge molto alle caratteristiche svelate in fase di presentazione, se non la quantità di RAM ossia 4 GB di LPDDR4 cloccata a 1.600 Mhz. Ci sono comunque alcune accortezze tecniche e costruttive inedite.

LEGGI ANCHE: I nuovi iMac 21.5 hanno CPU e RAM removibili

Ad esempio il display ha ben quattro cavi ribbon, necessari probabilmente per trasportare la grande quantità di dati necessari a tenere animati i 2224 × 1668 pixel aggiornati fino a 120 volte al secondo. Ad iFixit ha fatto piacere vedere qualche vite in più (sugli speaker), la batteria non saldata (ma con adesivo troppo forte) ed il posizionamento di certi cavi, messi più al sicuro dai movimenti degli strumenti duranti le fasi di smontaggio.

Nonostante questo il severo giudizio degli specialisti dei teardown non ha superato 2/10. Se aveto lo spirito degli smanettoni e volete approfondire vi rimandiamo all’analisi completa di iFixit.