Confronto smartphone final

Italia da record: le tariffe mobile più economiche d’Europa

Giuseppe Tripodi Che ci crediate o meno, è proprio così.

Nonostante le nostre lamentele (o, forse, anche grazie a queste!), l’Italia è il paese dell’Europa Occidentale con le tariffe più economiche per la telefonia mobile. Questo è quanto emerge dallo studio relativo al primo trimestre del 2017 condotto da Telecompaper, che ha confrontato oltre 1.600 promozioni in 16 paesi diversi.

Il report si focalizza su tariffe per SIM mobile senza smartphone incluso, ma con almeno 1.000 minuti e almeno 10 GB di traffico inclusi: tra tutte le opzioni confrontate, l’Italia è il paese dove si paga di meno, ossia una media di 18€ al mese. Nel report si legge che questo calo dei prezzi è dovuto anche alle offerte concorrenziali di 3.

Ma anche senza tirare in ballo un singolo gestore, è evidente che la situazione italiana sia ben più rosea di quanti molti consumatori non direbbero: la spesa media europea per avere 1.000 minuti e 10GB è di 48€ al mese e in Grecia, il paese di gran lunga più caro in tal senso, si arriva addirittura a 237€ al mese.

Senza dubbio i cugini ellenici sono un caso limite ma, anche senza volersi spingere al fondo della classifica, nel nostro paese ce la passiamo nettamente meglio rispetto ai paesi vicini: il paese più vicino a noi è la Danimarca, dove si spendono mediamente 21€ al mese, seguito da Regno Unito (23€) e Finlandia (25€). In fondo, oltre la Grecia, abbiamo il Portogallo (70€ al mese) e la Germania (58€).

In ogni caso, mediamente paghiamo tutti meno rispetto al primo trimestre del 2016: i prezzi, infatti, sono scesi del 4% rispetto allo scorso anno.

Sempre più GB

Mettendo da parte il confronto sui costi, lo studio di Telecompaper registra un significativo incremento nel numero di GB inclusi nelle piani tariffari di tutta Europa, influenzato anche dalla diffusione di smartphone e reti 4G.

Nella maggior parte dei paesi, è stata ormai superata la canonica soglia dei 2GB al mese e, contemporaneamente, è diminuito il numero di abbonamenti che non includono il traffico dati. Il caso più importante in tal senso è l’Irlanda, dove il 63% dei piani offre più di 10 GB: nettamente di più del Q1 2016, quando solo il 27% delle opzioni tariffarie arrivava ad un simile ammontare di dati inclusi.

LEGGI ANCHE: In Italia si naviga più da smartphone che da PC

Inoltre, è cresciuto il numero di operatori che offrono dati illimitati: nel primo trimestre del 2016 i soli paesi che offrivano GB illimitati erano Finlandia, Irlanda e Svizzera. Al contrario, già dai primi mesi del 2017 si erano aggiunti all’elenco Paesi Bassi e Germania e, in generale, il trend è in crescita, come dimostrano anche Free Mobile, Tele2 e T-Mobile, che hanno introdotto recentemente delle promozioni senza un tetto massimo di GB.

Infine, Telecompaper riscontra che la nuova normativa europea per il roaming gratuito all’estero ha già dato i primi frutti: un operatore su tre (ossia il 33%) include già il roaming gratuito in UE, mentre nel primo trimestre dello scorso anno solo il 22% offriva una possibilità simile.

Via: CorriereComunicazioniFonte: Telecompaper