ZeTime conquista Kickstarter: raccolti più di 5 milioni di dollari

Giuseppe Tripodi

Nonostante al MWC non fosse ancora pronto, uno dei dispositivi che ci aveva incuriosito di più durante la fiera di Barcellona è il MyKronoz ZeTime, uno smartwatch ibrido, dotato di display touchscreen a colori, ma anche di due lancette analogiche, che possono indicare l’ora per circa un mese prima di dover essere ricaricate.

Insomma, questo orologio svizzero promette di fondere al meglio il mondo smart (notifiche, meteo, funzioni per il fitness…) con le esigenze di un orologio, ossia indicare l’ora il più a lungo possibile. E, stando ai risultati, MyKronoz ha convinto anche gli utenti di Kickstarter: durante la campagna, ZeTime ha raccolto 5,3 milioni di dollari, diventando il progetto europeo più finanziato nella storia della piattaforma. Giusto per sparare qualche altro numero, la cifra raccolta corrisponde al 10668% di quanto richiesto.

LEGGI ANCHE: MyKronoz ZeTime: ecco il nuovo smartwatch svizzero ibrido

Ma, fino al termine della produzione, la raccolta fondi continua su Indiegogo, dove è ancora possibile acquistare uno ZeTime al prezzo di 149$ (più spedizione), con consegna stimata ad ottobre 2017.

  • LucioFred

    quando metteranno schermi eink a colori su smartwatch con lancette, allora sarà interessante. ora puoi usare lo smartwatch poco e poi ti trovi un grosso e brutto oggetto al polso. esteticamente comunque meglio lo smartwatch ibrido meizu

  • Fabio Mariotti

    Vorrei aggiungere qualcosa in merito all’idiozia pubblicata su questo sito al riguardo del MyKronoz. Non è assolutamente vero quanto si riporta, la società (start up) che lavora al progetto ha tra i suoi sostenitori un fondo di venture partner denominato Green Capital, la quale è partner di kickstarter per numerosi progetti. Questo fondo di investimento ha creato una sezione specifica denominata Deep Machinery on Time Technology che annovera 4 società coreane e 2 cinesi, oltre a 2 americane (una di queste è proprio quella relativa al mykronoz). Kickstarter è partner di questa iniziativa (vedasi programma di corporate partnership in lingua americana reperibile sul sito), quindi i capitali sono trasferiti sia da quest’ultimo che da Green Capital…..Invito chi ha scritto questo articolo di non fare copia incolla o scrivere bufale, ma di svolgere il proprio lavoro in modo professionale senza trasferire agli utenti informazioni che non sa o addirittura false.