Il prossimo SoC di punta di Qualcomm potrebbe essere Snapdragon 845

Giuseppe Tripodi - Nel frattempo, però, accontentiamoci dei nuovissimi Snapdragon 630 e 660

Nonostante la versione europea monti un chip Exynos, Galaxy S8 è stato il primo smartphone al mondo ad essere lanciato con lo Snapdragon 835, ultima fatica di Qualcomm e SoC di riferimento per tutti i top di gamma dell’anno. Ma il fatto che il nostro primo confronto di benchmark con Snapdragon 835 sia arrivato solo un mese fa, ovviamente non ha impedito a Qualcomm di lanciarsi nello sviluppo del prossimo chip: inutile dire che ancora non sappiamo nulla in proposito, eccetto che potrebbe chiamarsi Snapdragon 845.

Questo, infatti, è il nome apparso per un breve periodo di tempo su CreatePoint, un portale di Qualcomm in cui vengono riportati tutti i prodotti disponibili e che, per un po’ di tempo, ha mostrato in elenco anche la voce SDM845, accanto ai nuovi SDM630 e SDM660.

Snapdragon 835 è stato lanciato ufficialmente a gennaio, quindi ci sarà da attendere ancora parecchi mesi prima di leggere rumor concreti in merito al suo successore: le prime voci di corridoio riferiscono che Samsung lo abbia già scelto per il futuro Galaxy S9 e che la società coreana sia in competizione con TSMC per chi dovrà realizzare il prossimo SoC progettato da Qualcomm. Samsung avrebbe già pronto il nuovo processo costruttivo a 10 nm di seconda generazione annunciato qualche settimana fa, ma vale anche la pena ricordare che sia Samsung che TSMC stanno lavorando sul processo costruttivo a 7 nm.

LEGGI ANCHE: Qualcomm presenta Snapdragon 660 e 630: nuovi SoC di punta per i medio gamma

Ma lasciamo da parte il prossimo, incerto, dubbioso Snapdragon 845 e torniamo con i piedi per terra, ricordando che ieri Qualcomm ha presentato Snapdragon 630 e Snapdragon 660. Oltre i consueti miglioramenti in termini di performance, risparmio energetico e tutto il resto, i due chip introducono il supporto al Quick Charge 4.0, che finora avevamo visto solo su Snapdragon 835. Proprio per questo motivo, questo standard è ancora piuttosto nuovo, tanto che i produttori di terze parti non hanno ancora lanciato alcun caricabatterie compatibile: tuttavia, ci auguriamo che lo facciano al più presto, poiché Qualcomm ha confermato che entro metà del 2017 avremo diversi smartphone sul mercato con Quick Charge 4.0. E non parliamo solo dei top di gamma che già conosciamo, quali Sony Xperia XZ Premium o Xiaomi Mi6, ma anche di diversi medio gamma che monteranno i nuovi Snapdragon 630 e 660 che non vediamo l’ora di provare.

Fonte: AndroidHeadlines