Altro che Fitbit e Xiaomi, Apple supera tutti: la battaglia degli smartwatch è più viva che mai

Giuseppe Tripodi - Lo dice Strategy Analytics, che stima 3,5 milioni di Apple Watch venduti negli ultimi tre mesi. Ma Fitbit non può sbagliare un colpo, se vuol tornare in cima alle classifiche.

Qualche giorno fa Apple ha pubblicato i risultati finanziari relativi al primo trimestre del 2017: come al solito, la società di Cupertino non ha svelato quanti Apple Watch ha venduto, ma il CEO Tim Cook ha parlato del doppio di unità spedite rispetto allo scorso anno. Le ottime vendite dello smartwatch della mela hanno anche compensato le vendite di iPhone, che sono andate leggermente peggio del previsto.

Al contrario, per Fitbit il Q1 del 2017 è andato un po’ peggio: la società statunitense ha venduto 2,9 milioni di dispositivi e, nonostante il CEO James Park si sia detto ottimista (le analisi degli investitori prevedevano ricavi inferiori), si tratta comunque di un importante calo rispetto al Q1 dello scorso anno, quando l’azienda aveva venduto ben 4,5 milioni di unità.

Tornando all’orologio della mela, nonostante non ci siano dati ufficiali, secondo le stime della società di analisi Strategy Analytics, durante il Q1 2017 sarebbero stati venduti 3,5 milioni di Apple Watch. Stando a queste cifre, Apple è balzata in cima alle classifiche di vendita dell’ultimo trimestre, stravolgendo le posizioni consolidate.

Fino al Q4 2016, infatti, la situazione era diametralmente opposta, con Apple al terzo posto, sotto Fitbit e Xiaomi: mentre la società cinese ha mantenuto il secondo posto (con 3,4 milioni di wearable), Apple è balzata in testa, con il 15,9% del mercato.

LEGGI ANCHE:Xiaomi ha lanciato un clone dell’Apple Watch da 70€

Non si tratta di numeri così lontani dalle altre due aziende (anzi, la situazione è tutt’altro che stabile) ma, considerando che Fitbit sta lottando per imporre il suo predominio nel settore, si tratta di statistiche importanti.

Vale la pena ricordare che dopo l’acquisizione di Pebble, Fitbit sta lavorando duramente al suo prossimo smartwatch (che potrebbe arrivare entro l’estate!): con questo dispositivo, la società vorrebbe finalmente lasciare il segno nel campo degli wearable e staccare Apple Watch. Tuttavia, nonostante il CEO abbia negato i problemi allo sviluppo, alcune fonti riferivano di gravi problemi hardware, che potrebbero ritardare il lancio fino all’autunno: riuscirà Fitbit a realizzare lo smartwatch definitivo (o quasi) e convincere la maggioranza degli utenti?

Immagine via: Flickr

  • Psyco98

    Giustamente l’alternativa peggiore è la più venduta solo perché di una marca famosa…

    • Peppe Dell’Aquila

      No aspetta alternativa peggiore cosa … a me non è mai piaciuta Apple per il comportamento ed il prezzo più elevato della concorrenza per via della forza del marchio, ma i suoi prodotti sono indubbiamente validissimi … detto questo il mio gear s3 è una bomba 🙂

      • Psyco98

        Apple watch è quello col sistema meno completo e autonomia peggiore, oltre che costare di più…

        • silvio vutea

          è evidente che non sai di cosa parli ; di funzioni ,differenze e speculazioni campate così in aria possiamo stare a parlarne per tempo indeterminato .Quello che davvero conta a conti fatti è la soddisfazione cliente e fidati che per un mercato non ancora maturo come quello dei werable il watch ha un ottimo punteggio superiore alla concorrenza , pari o inferiore giusto in ambito sportivo di un certo livello a prodotti specifici e con un costo comunque alto .per chiudere l’autonomia non è il problema dell’apple watch , io lo tolgo dal polso e lo metto in carica unicamente durante le due docce giornaliere che mi faccio e mi basta ; se voglio essere sicuro che non mi abbandoni durante le sessioni sportive lo metto in carica la notte per averlo al 100% al mattino e non mi abbandona mai .

          • silvio vutea

            e visto che ci sono chiudo questa filippica parlando del design, l’apple watch non è bello da portare al polso , può piacere o meno ma indubbiamente tra i possibili accessori da portare al polso non è una scelta di stile .Però è quello che è : immediatamente riconoscibile come smartwatch , abbastanza discreto e in linea col design degli altri prodotti apple(questo è il punto che apprezzo maggiormente), sembra un iphone quadrato in miniatura al polso e spero non facciano la cavolata di farlo tondo perchè farebbe lo stesso errore dei competitor cioè inseguire le linee degli orologi classici ma creare solo patacche . Dite quello che vi pare ma è quello che sono , pataccone , bellissimi nei render e nelle immagini pubblicitarie ma osceni al polso (gear s3, quello di huawai, i fossil e simili .

          • ジョン ポール

            Se fossero le ricariche giornaliere e quella notturna che ti obbligano alle 2 docce ;)… allora noi con il pebble ci laveremmo solo la Domenica

          • ilo

            Ma che vuoi che gli importi..soddisfazione del cliente…lo comprano perché è di moda e ci guardano forse l’ora

          • 2 volte al giorno per almeno 30 minuti più la notte… non mi sembra esattamente poco.
            Comunque beato te che hai tempo e voglia di farti 2 docce al giorno, cerca però di non lavare i capelli 2 volte, si rovinano in fretta.

        • m477

          Questa affermazione è falsa. Forse poteva essere vera nel 2014, quando watchOS era incredibilmente lento e mal ottimizzato. Ma ora non è più così. Confrontando Apple Watch con tutti gli Android Wear, l’Apple Watch ha sicuramente un numero maggiore di app, un’autonomia maggiore (anche se di non molto), sensori più precisi, ed è più integrato con il telefono. Confrontandolo invece con il Gear S3, sicuramente perde per numero di funzioni e autonomia, ma vince per fluidità ed ecosistema.
          Non è assolutamente il prodotto peggiore.

  • DanieleCannova

    Ma qualcosa di paragonabile al pebble invece di questi aggeggi troppo costosi con funzioni fitness inutili che durano un giorno solo e si vedono male sotto il sole?

    • The βist

      amazfit pace

    • Il Falso

      Io ho preso da poco un tomtom run e mi trovo benissimo batteria sui 4 giorni poi dipende dalle sessioni che fai e dai sensori che lasci attivi, unico difetto niente notifiche. cmq di dispositivi ce ne sono tanti il problema è che se vuoi schermi ultra risoluti e funzioni molto smart vedi android wear li la batteria non dura ma c’è poco da fare.

      • DanieleCannova

        Se hai avuto un pebble, hai un altra unità di misura per definire la qualità dello smartwatch. È un orologio che legge benissimo le notifiche e dura una vita, dovrebbe essere questa quanto meno la base per definire uno smartwatch.

  • undertherain

    Se non ho i risvoltini funziona comunque?