Fino a 3 mesi di patente sospesa per chi usa lo smartphone alla guida

Giuseppe Tripodi - I nuovi provvedimenti per chi usa lo smartphone alla guida potrebbero essere attivi già da maggio

Secondo quanto riportato dal Corriere delle Comunicazioni, il Ministero dei Trasporti potrebbe varare a breve un decreto che andrebbe a sanzionare esplicitamente chi utilizza lo smartphone alla guida con una sospensione fino a 3 mesi.

Attualmente la sanzione prevista per chi si distrae utilizzando il proprio dispositivo è una multa compresa tra 160€ e 646€ (che scende però a 112€ se pagata entro 5 giorni), più la decurtazione di 5 punti dalla patente. Tuttavia, sembra che queste misure non siano sufficienti: secondo i dati della Polizia Stradale e dell’Ania la percentuale degli incidenti causati dall’utilizzo di smartphone alla guida è cresciuta fino al 20,1% del totale.

LEGGI ANCHE: Recensione Android Auto

Per questo motivo, secondo quanto dichiarato dal viceministro dei Trasporti Riccardo Nencini, sono previsti provvedimenti che arriveranno in tempi brevissimi:

Il cammino del nuovo codice della strada è finalmente ripreso al Senato, dov’era rimasto fermo per la mancata copertura finanziaria di alcune voci. Ora è ripartito, ma abbiamo fatto una considerazione: potremmo intervenire con un decreto già a maggio, per anticipare quelle che sono le due grandi emergenze da affrontare il più rapidamente possibile

Via: CorriereComunicazioni
  • sekkyo

    Bisognerà vedere cosa i legislatori intendono x distrazione alla guida dovuta all’uso dello smartphone. Un conto é se uno scrive messaggi, ben diverso se uno usa il navigatore, altrimenti non si potrebbero + usare nemmwno i navigayori stand alone

    • Fabio Petrini

      Il navigatore lo setti prima di partire poi poggi il telefono… Se cambi qualcosa durante il viaggio ti becchi giustamente l’infrazione

      • Oppure ti fermi e regoli l’app, come tutte le persone rispettose delle leggi e dei codici.

        • LeNNyNERo

          Oppure usi gli eventuali comandi vocali;)

          • (domanda da ignorante: GMaps ha i comandi vocali? E’ anche vero che in moto è dura darli 😀 )

          • LeNNyNERo

            Credo che nella modalità “auto” siano disponibili.

          • Grazie 🙂
            (e vedrò come e se funziona in moto 😀 )

  • Manuele Da Prato

    Trovo comunque incredibile che non sia obbligatorio mettere di serie almeno il vivavoce in tutte le vetture, posso capire Android Auto o Carplay che non sono necessari ma bene o male in auto può capitare una chiamata

    • Beh, bastano un paio di auricolari da 5€ per rispondere. Non vedo come possa essere “colpa” di chi fa auto che non mettono il Bluetooth di serie obbligatorio 😉

      • Manuele Da Prato

        Non ho dato colpe a nessuno, ma come sono obbligatori tutti gli altri sistemi di sicurezza come le DRL, le cinture, l’ ABS ecc. non vedo perchè non mettere obbligatorio pure il vivavoce

  • dataghoul

    Io invece della multa e della sospensione della patente proporrei la distruzione immediata a martellate dello smartphone.
    Per l’italiota imbecille sarebbe uno smacco molto più grave della multa e poi sarebbe un provvedimento per far girare l’economia, dato che il suddetto imbecille correrebbe subito a comprarne un’altro, non potendo restare senza Fessobuc per più di dieci minuti.

    • vicioman

      Esatto: ancora chi ci governa non ha capito che l’italiano tiene di più al bene che non ai soldi in assoluto. Capra.

  • Stephen

    o finalmente così un po’ di youtubers smetteranno di fare il video tenendo in mano la camera o il telefono mentre guidano.

  • vicioman

    Sono totalmente d’accordo, perchè qualsiasi modalità per limitare gli incidenti e punire chi pensa di essere al di sopra delle regole è ben accetta.
    Ma la legge c’era già, ed è stato necessario fare qualcosa di esemplare, sembra fatto apposta per una certa platea di cittadini (ed elettori) sensibili a certi argomenti (penso a mia nonna o mia madre, come immagino abbia fatto il 90% di voi). Mi chiedo però se certe misure non partano da situazioni legate a quello di cui si parla nei vari tg magari delle volte “leggeri”, oppure dalle varie trasmissioni per la famiglia (quella anziana però…): fa scena e scalpore in tv o nel clickbait su web “CELLULARE ALLA GUIDA: MORTO IN CARREGGIATA. Guarda..” e tutti i caproni a compulsare costernati in modo ostentato; quindi non mi stupisco se alcune tematiche importanti legate al codice della strada si facciano largo più facilmente e velocemente perchè fanno leva sulla pancia delle persone.
    A differenza magari della legge sull’omicidio stradale, cosa sacrosanta e di buon senso ma che evidentemente non aveva fatto poi cosi breccia nelle persone (e nei vecchi, che sono la maggioranza dei votanti). Mi sembrano tutti proclami come a dire “vedete quanto teniamo ai nostri automobilisti e pedoni? che perdano la patente quei fetenti con il cellulare in mano!vi piace, e godete, vero?Tutti con quei cellulari in mano, ma cosa avranno da starci tutto il giorno! CHE PAGHINO!” ovviamente ho esagerato per sottolineare il senso di rivalsa che si scatena da certe situazioni, e siamo italiani quindi non negate che lo sappiamo tutti come la pensiamo.
    Eppure mi chiedo: non sarebbe segno di civilità e sicurezza nonchè di abbassamento degli incidenti, far fare come alle vetture anche alle persone un piccolo richiamino per revisionare la conoscenza di basilari regole del codice della strada? Non dico tanto, giusto precedenze e i cartelli più importanti, magari ogni 10 o 15 anni, e dopo la pensione ogni 5.
    Perchè non so se temo di più chi volontariamente si distrae alla guida e non da la precedenza o chi proprio NON LO SA che deve dare la precedenza.
    “Eh cavolo, però se fai così sai quante patenti sospese per mesi? e se fai così sai che diminuiscono le auto circolanti e le assicurazioni conseguenti? E i bolli auto?! E chi paga poi?!!”
    CLICCA QUI…