Le app cambiano la mobilità: il 75% degli utenti si sposta in città con lo smartphone

Giuseppe Tripodi

Non è certo una novità che le applicazioni mobile abbiano cambiato radicalmente il nostro modo di vivere nella quotidianità, modificando abitudini e aiutando gli utenti ad ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo (almeno in teoria).

Probabilmente, uno degli aspetti su cui le app hanno influito di più è quello della mobilità: fino a dieci anni fa (e anche meno!) era letteralmente impossibile pensare di visitare una nuova città senza una cartina, affidandosi unicamente al proprio cellulare.

A tal proposito, secondo quanto riportato dallo studio globale Kantar Tns (con la consulenza di Le Bipe) condotto su 24.000 persone, il 75% degli utenti utilizza app mobile per organizzare i propri spostamenti. Leggermente superiori alla media i cittadini milanesi, di cui il 78% usa software per smartphone per programmare i propri smartphone.

LEGGI ANCHE: La maggioranza relativa degli italiani spende più di 400€ per un nuovo smartphone

Per quel che riguarda il carpooling, il 22% delle persone intervistate ha abbandonato la propria auto per utilizzare servizi di condivisione delle vetture. Infatti, una buona parte delle persone che hanno partecipato al sondaggio hanno riferito che guidano meno di quanto non facessero in passato: a Milano il 22% degli intervistati guida meno di sei mesi fa e questa cifra cresce in altri paesi; ad esempio, a New York i numeri aumentano fino al 24%, a Shangai 29%, a Parigi 33%, a San Paolo 37% e a Mubai si arriva al 43%.

Inoltre, tornando alle risposte relative all’area di Milano, un terzo delle persone intervistate che non possiedono una vettura sostengono che avere un’auto sia una costosa scocciatura. Siete d’accordo con questa affermazione? E com’è cambiato il vostro rapporto con il trasporto pubblico da quando avete uno smartphone? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Via: CorriereComunicazioni
  • Simone

    Dipende sempre dall’ utilizzo che si fa della macchina. I mezzi pubblici sono comodi nelle città, ma se abito verso la periferia o devo recarmi in luoghi dove i mezzi pubblici non passano, la vedo dura.