Abbiamo davvero bisogno di un secondo display sugli smartwatch Gear?

Giuseppe Tripodi Un brevetto Samsung sembra suggerire che l'azienda possa trasformare la ghiera in uno schermo circolare aggiuntivo.

Come spesso accade, ancora una volta un brevetto potrebbe svelare quel che ci aspetta dal futuro della tecnologia: oggi parliamo di smartwatch e di come Samsung potrebbe piazzare un secondo display lungo la ghiera.

Per quanto strano possa sembrare, infatti, la società coreana ha ottenuto un brevetto che illustra proprio uno scenario del genere: un piccolo schermo laterale, lungo la ghiera che sugli attuali smartwatch della serie Gear viene utilizzata per interagire con il dispositivo. D’altronde, ricordiamo che Samsung sta investendo moltissimo sui display circolari e un utilizzo in questo senso potrebbe rappresentare una sorta di banco di prova.

 

Come si può leggere chiaramente nel documento e come suggeriscono anche le immagini (ne potete vedere una qui sopra), questo display servirebbe per mostrare informazioni rapide e immediate, ad esempio il meteo, la data e l’ora, la canzone attualmente in riproduzione e così via.

LEGGI ANCHE: Samsung vuole trasformare i wearable in carte prepagate

Vale la pena precisare che, a differenza di altri brevetti circolati in passato, il documento depositato da Samsung è abbastanza tecnico e spiega in dettaglio come verrebbe disposto il chip, oltre a precisare che la rotazione possibile sarebbe di “soli” 90 gradi.

Questo ci fa pensare che la società coreana stia davvero valutando di implementare una soluzione simile, nonostante fatichiamo un po’ ad immaginarne la reale utilità. Ricordiamo infatti che si tratterebbe di un display sul lato dello smartwatch, che probabilmente risulterebbe un po’ innaturale da tenere d’occhio (insomma, per scoprire la data chi guarderebbe la ghiera invece del display?). In ogni caso, siamo curiosi di scoprire cosa ha in serbo Samsung per il mercato degli indossabili e, pur con qualche dubbio, attendiamo fiduciosi lo sviluppo di questa tecnologia.

Via: PatentlyMobile
  • Stefano

    avete ragione 🙂 però dai io apprezzo la fantasia