L’assistente vocale Amazon Alexa arriva su iPhone, ma ovviamente solo negli Stati Uniti

Andrea Centorrino

Mentre Apple è al lavoro per rendere Siri più intelligente, diverse società si preparano per realizzare gli assistenti vocali di domani: Google espande Assistant anche ad altri smartphone Android, Samsung si appresta a lanciare Bixby su Galaxy S8, ed Alexa di Amazon, dopo lo sbarco su Huawei P10 (e prossimamente su qualche Motorola), arriva anche su iPhone.

Lanciata negli Stati Uniti ormai più di due anni fa come intelligenza artificiale cloud alla base dello speaker da tavolo Amazon Echo, Alexa si è pian piano ritagliata una fetta di fedelissimi utenti, grazie anche all’ecosistema di dispositivi smart (in particolare relativi alla domotica) con i quali riesce ad interagire.

A partire da oggi, Amazon ha iniziato il rollout di una modifica lato server che permetterà agli utenti iPhone di interagire con Alexa attraverso un pulsante dedicato dell’app del colosso dell’e-commerce: a causa di limitazioni imposte da Apple, non sarà possibile sostituire Siri con Alexa.

LEGGI ANCHE: Google Home ed Amazon Echo saranno i futuri telefoni fissi?

Come spesso accade in questo sempre più affollato ambiente degli assistenti vocali, Alexa non parla (ancora) italiano, quindi l’integrazione del servizio è limitata al momento agli Stati Uniti, per poi diffondersi pian piano nei paesi dove l’assistente è già attivo.

Via: The Verge