Il settore wearable cresce: Fitbit è ancora in cima, ma Xiaomi marca stretto

Giuseppe Tripodi

Circa un mese fa abbiamo parlato della lenta crescita del settore smartwatch: questa volta, invece, diamo un’occhiata ai dati dell’analisi di IDC, che svela com’è andato il mercato dei wearable nell’ultimo trimestre dello scorso anno.

Tra smartwatch, smart band e, in generale, aggeggi smart da indossare, il settore è cresciuto del 16,9% rispetto al Q4 del 2015, con 33,9 milioni di unità spedite negli ultimi tre mesi del 2016. Dando un’occhiata alle cifre dell’intero anno, invece, la crescita è anche superiore: IDC riporta 102,4 milioni di modelli venduti lo scorso anno, con un incremento delle vendite del 25% rispetto al 2015.

LEGGI ANCHE: Fitbit Alta HR, il nuovo e sottile wearable con rilevazione continua del battito

Passando invece ai singoli brand, Fitbit mantiene saldamente il suo primo posto, ma l’ultimo trimestre del 2016 è andato peggio rispetto a quello del 2015, con un calo del -22,7%; al contrario, Xiaomi ha raddoppiato le vendite, passando da 2,6 milioni di unità vendute nel Q4 2015 a 5,2 milioni nel Q4 2016.

D’altronde, anche dando uno sguardo all’andamento dell’intero anno, l’azienda cinese ha venduto molto, con una crescita del 31% rispetto al 2015.

Al terzo posto di questa classifica c’è Apple, che con il suo Apple Watch ha dato una spinta al mercato smartwatch: nell’ultimo trimestre del 2016 l’orologio intelligente della mela ha venduto leggermente più del Q4 2015, ma su base annua è calato del -7,9%.

Via: Fonearena