Contro ogni luogo comune, gli iPhone continuano a dar più problemi di Android

Giuseppe Tripodi

Abbiamo parlato più volte di Blancco, società di sicurezza informatica che sviluppa il software di diagnostica SmartChk, utilizzato da parecchi centri assistenza che si occupano sia di iPhone che di smartphone Android.

Proprio dai dati raccolti tramite questo tool, Blancco pubblica ogni trimestre delle analisi sui tassi di failure dei due sistemi operativi: il software marca come fail diversi tipi di problemi software, come crash delle applicazioni, disconnessioni dalla rete wireless, malfunzionamenti alla fotocamera e così via.

Fino all’inizio del 2016 Android aveva sempre registrato un tasso di failure sensibilmente più alto di iOS, ma dal secondo trimestre dello scorso anno c’è stata un’importante svolta e, da allora, il trend non si è più invertito. A tal proposito, anche nel Q4 del 2016 gli iPhone hanno registrato più problemi di Android.

In particolare nell’ultimo trimestre dello scorso anno, gli smartphone del robottino verde che hanno registrato problemi sono il 47%, contro 62% degli iPhone. È interessante vedere come siano cambiate queste percentuali nel tempo: nel Q4 2015 la tendenza era letteralmente opposta, con un tasso di failure dell’85% per Android e 15% per iOS.

Per quel che riguarda i singoli modelli, lo smartphone della mela a dare più problemi è iPhone 6 (15%), seguito da iPhone 6s a pari merito con iPhone 5s (8%); per quel che riguarda Android, invece, i dispositivi con il più alto numero di problemi registrati sono stati quelli Samsung (16%), ma c’è da ricordare che l’azienda coreana è anche al primo posto per numero di modelli venduti. In questa classifica negativa è seguita da Xiaomi (5%) e Motorola (4%).

Passando ai singoli modelli, invece, il dispositivo che ha collezionato più problemi nell’ultimo trimestre è stato Xiaomi Redmi 3S (3%), seguito da Samusng Galaxy S7 Edge (2%) e Xiaomi Redmi Note 3 (2%).

Per quanto riguarda i problemi più comuni, per iOS sono i crash delle applicazioni (32%), le temperature troppo alte (14%) e malfunzionamenti delle cuffie (7%); su Android, invece, la fotocamera è al primo posto tra le cause di fail del robottino verde a parimerito con i problemi all’USB (10%) e seguiti da problemi di segnale.

LEGGI ANCHE: Cresce l’uso delle app: nel 2016 gli incassi della categoria intrattenimento sono raddoppiati

Infine, le app che hanno dato più problemi su iOS sono Instagram (12%), Facebook (11%) e Snapchat (9%); al contrario, è interessante sottolineare che su Android i software che danno più problemi sono preinstallati, con IMS Service in prima linea (16%), Rubrica (6%) e Google Play Services (5%).

Di seguito potete trovare un po’ di tabelle riassuntive che mostrano le statistiche relative all’ultimo trimestre.