Nokia 3310: una inutile “operazione nostalgia” o un degno ritorno dello storico telefono?

Leonardo Banchi

Il lancio del nuovo Nokia 3310 è stato senza dubbio uno degli eventi più attesi del Mobile World Congress 2017, probabilmente anche più dello stesso sbarco di Nokia con Android nel mondo occidentale: d’altronde non c’è da stupirsi, visto che il Nokia 3310 è senza dubbio uno dei telefoni più iconici (e più venduti) dell’era pre-smartphone.

Le caratteristiche del telefono non hanno però sorpreso troppo, e proprio come ci si attendeva il marchio finlandese ha presentato un feature phone con a bordo Snake, Nokia Tune… e poco di più.

LEGGI ANCHE: Nokia 3310, la nostra anteprima dal MWC 2017

Impossibile quindi non scatenare reazioni contrastanti fra gli utenti: c’è chi ha apprezzato “l’operazione nostalgia”, e chi invece avrebbe preferito che Nokia 3310 rimanesse negli archivi della memoria (qualcuno nei commenti ai nostri articoli ha perfino azzardato che il nuovo modello “offenda l’originale 3310”). Ma cosa pensano i professionisti di questo rilancio? Fra le voci più autorevoli possiamo leggere quella di Marta Valsecchi, Direttore dell’Osservatorio Mobile B2c Strategy del Politecnico di Milano.

L’analista non si mostra troppo favorevole alla mossa di Nokia, evidenziando come lo stacco con i moderni smartphone e con le possibilità a cui gli utenti si sono ormai abituati sia ormai anacronistico (tanto da paragonare l’operazione alla presentazione di un auto con caratteristiche di 70 anni fa), per poi concludere che il nuovo 3310 “farà parlare di sé più sulla stampa che tra i consumatori”.

Al link della fonte trovate il testo integrale del commento, ma saremmo curiosi di conoscere anche la vostra opinione: cosa pensate del ritorno dello storico 3310? Nokia ha fatto bene a riesumare il nome, fosse anche solo per “sfizio” e per alzare l’attenzione sul suo ritorno nei mercati mondiali, oppure il glorioso telefono sarebbe dovuto rimanere soltanto nei ricordi e nei numerosi meme a lui dedicati?

Fonte: ipresslive