Google ha ostacolato lo sviluppo di Tizen?

Giuseppe Tripodi

La South Korea Fair Trade Commission (FTC) sta investigando sulla possibilità che Google abbia ostacolato lo sviluppo della piattaforma Tizen. In particolare, le analisi si concentrano sul Mobile Application Distribution Agreement firmato da Samsung e Google nel 2011: questo documento vincola Samsung ad utilizzare Google come motore di ricerca predefinito sui suoi smartphone Android, oltre che a preinstallare le app di BigG, tra cui Google Play, Gmail e YouTube.

Inoltre, nello stesso accordo, Samsung si impegna a non realizzare un sistema operativo basato su Android (ossia un fork, come hanno fatto Amazon e Xiaomi) per contrastare la frammentazione di Android.

LEGGI ANCHE: Samsung SM-Z250F sarà il primo smartphone con Tizen 3.0

Secondo le investigazioni del FTC, questo accordo avrebbe contrastato lo sviluppo di Tizen, impedendo anche il supporto alle app Android. Un portavoce della commissione ha dichiarato al Korea Times:

Stiamo attualmente verificando se Google abbia ostacolato la libera competizione nel mercato dei sistemi operativi mobile

A tal proposito, un portavoce Google ha risposto sullo stesso giornale:

Android è una piattaforma open source. I nostri partner accettano le licenze in maniera del tutto volontaria – chiunque può usare Android senza Google. […] L’OS può essere scaricato liberamente, modificato e utilizzato per realizzare uno smartphone. Molte compagnie hanno utilizzato Android come base di partenza per i loro sistemi operativi.

Via: SamMobile