Apple cita Qualcomm in giudizio: chiesto 1 miliardo di dollari per pratiche scorrette (aggiornato: Qualcomm risponde)

Andrea Centorrino -

Qual è il prezzo della verità? Doveste chiederlo ai legali Apple, vi risponderebbero 1 miliardo di dollari: a tanto ammonta infatti la cifra trattenuta da Qualcomm nei confronti della società di Cupertino a seguito delle rivelazioni su un’indagine in corso.

In realtà, la vicenda ha avuto inizio diverso tempo fa, e ha raggiunto il culmine lo scorso dicembre, quando Apple testimoniò contro Qualcomm nel corso di un’indagine in Corea del Sud per possibili violazioni delle leggi antitrust.

Qualcomm, nel corso degli anni, avrebbe chiesto royalty “inutili” ad Apple: alcune tecnologie licenziate sarebbero risultate, infatti, obsolete, ed in alcuni casi sono stati richiesti pagamenti superiori a 5 volte rispetto al dovuto.

Dopo la deposizione di dicembre, però, Qualcomm ha “fatto traboccare il vaso”: avrebbe infatti indebitamente trattenuto 1 miliardo di dollari provenienti dalle casse di Cupertino (ma non è chiaro come – NdR), soldi che ora Apple vuole indietro.

LEGGI ANCHE: iPhone 7 straccia ogni Android, secondo AnTuTu

Sarà per queste vicende che con iPhone 7, e probabilmente proseguendo con gli iPhone in arrivo quest’anno, Apple abbia affiancato Intel a Qualcomm come fornitore di modem. Come tutte le cause, passerà del tempo prima che si arrivi ad un verdetto: nel frattempo, potrete leggere le motivazioni date da Apple nella dichiarazione qui in basso.

Aggiornamento: La risposta di Qualcomm non si è fatta attendere: Don Rosenberg, General Counsel ed Executive Vice President della società, sostiene che le accuse di Apple siano infondate; la società di Cupertino non avrebbe dato il giusto valore alle tecnologie sviluppate e date in licenza da Qualcomm, ed a sua volta l’accusa di aver incoraggiato controlli regolatori non necessari in varie parti del mondo.

For many years Qualcomm has unfairly insisted on charging royalties for technologies they have nothing to do with. The more Apple innovates with unique features such as TouchID, advanced displays, and cameras, to name just a few, the more money Qualcomm collects for no reason and the more expensive it becomes for Apple to fund these innovations. Qualcomm built its business on older, legacy, standards but reinforces its dominance through exclusionary tactics and excessive royalties. Despite being just one of over a dozen companies who contributed to basic cellular standards, Qualcomm insists on charging Apple at least five times more in payments than all the other cellular patent licensors we have agreements with combined.

To protect this business scheme Qualcomm has taken increasingly radical steps, most recently withholding nearly $1B in payments from Apple as retaliation for responding truthfully to law enforcement agencies investigating them.

Apple believes deeply in innovation and we have always been willing to pay fair and reasonable rates for patents we use. We are extremely disappointed in the way Qualcomm is conducting its business with us and unfortunately after years of disagreement over what constitutes a fair and reasonable royalty we have no choice left but to turn to the courts.

Via: 9to5MacFonte: CNBC