Le nuove cuffie Lightning di Sennheiser permettono anche di registrare audio binaurale

Andrea Centorrino - Sennheiser presenta le cuffie Lightning Ambeo Smart Surround: audio di qualità, con microfoni per registrazioni binaurali.

Come fa il nostro cervello a determinare la provenienza di un suono nello spazio? Semplificando, calcola il ritardo nella percezione della vibrazione per il singolo orecchio: in questo modo, già da parecchio tempo i ricercatori hanno scoperto di poter creare un “audio surround”, detto binaurale, utilizzando delle semplici cuffie stereo; tuttavia la registrazione, per essere efficace, deve essere effettuata attraverso due microfoni montati in corrispondenza del padiglione auricolare della testa di un manichino (o di qualcuno che, con molta pazienza, resti fermo per tutta la durata della registrazione).

Le nuove cuffie Lightning di Sennheiser, le Ambeo Smart Surround, promettono di semplificare la registrazione dell’audio binaurale grazie a dei microfoni posti sulla cuffia stessa: il produttore le propone come ottimo complemento alle videocamere a 360°, anche se non è chiaro se adattino la registrazione nel caso in cui chi le indossa ruoti la testa (head tracking). Ovviamente, possono essere utilizzate come normali cuffie per la riproduzione audio.

LEGGI ANCHE: Tutte le novità del CES 2017

Un telecomando sul filo principale permetterà di eseguire le classiche operazioni di controllo sulla riproduzione, mentre non dovrebbe mancare un ulteriore microfono per le chiamate. La disponibilità, così come il prezzo, non sono stati comunicati, ma per ques’ultimo immaginiamo una cifra non propriamente contenuta.

Fonte: The Verge