niantic

Intervista a Niantic: tante novità in arrivo per Pokémon Go e Ingress

Vezio Ceniccola -

Forse non tutti conoscerete il nome Niantic, ma basteranno solo due titoli per farvi capire di cosa stiamo parlando: Pokémon Go e Ingress. Niantic Inc. è infatti la software house che ha prodotto i due giochi in realtà aumentata più famosi del mondo, coinvolgendo milioni e milioni di utenti grazie alla loro strutturazione su scala globale.

In occasione dell’evento Anomaly Via Noir che si sta svolgendo proprio in questi giorni a Roma, abbiamo avuto modo di fare due chiacchiere con il Chief marketing officer di Niantic Inc., mister Mike Quigley, che ha risposto alle nostre domande rivelandoci alcune curiosità su Ingress e Pokémon Go, regalandoci anche molti spunti interessanti sul futuro della sua azienda.

Parlando di Ingress, Quigley ha messo l’accento sull’importanza degli eventi di massa, che Niantic organizza periodicamente in varie città del mondo. Il gioco festeggia quest’anno il suo quarto compleanno, ma è già riuscito a creare un movimento cross-culturale in diversi paesi, diventando popolare praticamente ovunque. Gli eventi servono a coinvolgere maggiormente i giocatori, permettendo loro un’interazione non solo virtuale ma anche nella vita vera: incontrandosi essi possono pianificare le strategie, sia a livello globale che regionale, possono vivere il gioco come un vero team ed influenzare la storia in maniera sostanziale. La storyline di Ingress è assolutamente indipendente da Niantic, ma sono appunto gli utenti a crearla tramite le loro azioni, ed anche la stessa società si diverte a vedere come cambiano le cose nel tempo.

LEGGI ANCHE: Intervista ai creatori di Ingress

Dopo l’uscita di Pokémon Go, Niantic ha avuto sicuramente molta più attenzione a livello globale, anche da chi non aveva ancora mai provato alcun prodotto della società. Proprio questa maggior esposizione ha aiutato anche Ingress, che ha visto crescere a dismisura i suoi utilizzatori, molti dei quali provenienti dall’esperienza di Pokémon Go.

Nonostante l’enorme successo del più recente gioco con i mostriciattoli da catturare, la società non sta mettendo da parte Ingress. Quigley ha dichiarato che entrambi i titoli sono molto importanti per Niantic e che il team di sviluppo sta costantemente lavorando a nuovi aggiornamenti. Ovviamente non ci sono stati rivelati dettagli specifici, ma ci è stato assicurato che alcune delle novità arriveranno già tra qualche settimana.

La struttura di gioco di Ingress è certamente più complessa e matura rispetto a quella di Pokémon Go. Niantic lo sa, ma conosce anche le enormi potenzialità della sua nuova IP. Per adesso siamo solo all’inizio, “abbiamo solo scalfito la superficie” e c’è molto da migliorare. Si possono fare tante ipotesi su come potenziare le meccaniche di gioco, e la società sta lavorando molto su questi aspetti.

LEGGI ANCHE: John Hanke di Niantic Labs parla di Pokémon GO

Sempre parlando delle possibili novità per il mondo Pokémon, una delle maggiori critiche al gioco è la scarsa interazione tra utente ed utente. I giocatori hanno spesso lamentato la mancanza di funzioni come lo scambio di Pokémon o le battaglie PVP, e lo stesso Quigley riconosce come le meccaniche di combattimento siano ancora molto semplici. Il CMO parla dello sviluppo di questa piattaforma come una “maratona”, non uno sprint: il gioco deve maturare in maniera graduale, aggiungendo via via nuove possibilità e modalità, proprio come sta già avvenendo con gli aggiornamenti costanti ad esso dedicati. All’interno del team Niantic si sta già parlando di combattimenti PVP e altro ancora, ma è sempre importante mantenere un equilibrio tra le funzioni richieste dagli utenti e lo sviluppo reale del gioco, senza correre il rischio di snaturare il brand Pokémon.

Spostando l’attenzione dal campo dei giochi, abbiamo chiesto a Mike se il suo team fosse già a lavoro su nuovi progetti, magari riguardanti la realtà aumentata. Anche apprezzando le grandi potenzialità di questa tecnologia, che sicuramente verranno sempre più sfruttate dalla società in futuro, per adesso il focus è dedicato interamente ad Ingress e Pokémon Go, che richiedono già uno sforzo molto importante per essere supportati a dovere.

Niantic non vuole deludere gli utenti, e sta facendo di tutto per gestire il grande riscontro avuto. Nemmeno la società stessa si aspettava un successo di questa portata per Pokémon Go, e Quigley è davvero entusiasta di come il gioco sia riuscito ad appassionare persone di ogni età, paese ed estrazione sociale.

LEGGI ANCHE: Pokémon GO, la nostra recensione

E proprio parlando di questo aspetto, abbiamo avuto modo di riflettere anche sulle capacità di monetizzazione di un gioco così popolare tra gli utenti. Oltre agli acquisti in-app e alle partnership già avviate con negozi e grandi catene, Niantic è sempre aperta a nuove forme di sponsorizzazione. Si stanno studiando collaborazioni con gli operatori telefonici o con altre aziende tecnologiche, anche se la società rimane molto selettiva riguardo ai brand con cui stringere alleanze.

Per finire, abbiamo domandato a Mike se avesse un sogno nel cassetto, ovvero se ci fosse un brand o una IP già esistente su cui desiderasse lavorare, così come successo per Pokémon Go. Mister Quigley non ci ha voluto rivelare quale fossero i suoi preferiti, ma ha affermato che ci sono molte IP che potrebbero essere sfruttate per creare un nuovo gioco sullo stile dei prodotti già rilasciati da Niantic. Anche in questo caso, le possibilità sono davvero numerose, ma non è ancora il momento di pensare a nuovi progetti. Per adesso le attenzioni della società sono dedicate interamente ad Ingress e Pokémon Go, e siamo sicuri che nei prossimi mesi ci saranno molte novità per entrambe le piattaforme.

Ringraziamo Sara Magri per la gentile assistenza durante l’intervista

  • Kent572

    Troppo tardi.

  • TheJedi

    Snaturare il brand Pokémon? Ovvero quello che avete già fatto?