icona-whatsapp-instagram-facebook-istock

WhatsApp non condividerà più i dati degli utenti inglesi con Facebook

Giuseppe Tripodi

Lo scorso agosto WhatsApp ha annunciato che inizierà a condividere i dati degli utenti con Facebook: tra le informazioni che verranno inviate alle società di Mark Zuckerberg, troviamo il numero di telefono, gli orari di ultimo accesso, la lista contatti e altro.

Tuttavia, questa novità non è stata vista di buon grado da associazioni dei consumatori e istituzioni, specialmente perché l’informativa agli utenti non è stata molto chiara: quasi da subito Germania e Italia hanno sollevato diversi dubbi in merito.

A tal proposito, il Regno Unito si è spinto ancora oltre ed ha ottenuto il blocco della condivisione dei dati: una commissione britannica, infatti, ha richiesto la sospensione di questa procedura poiché le informative di Facebook e WhatsApp non sono chiare.

LEGGI ANCHE: L’UE è “seriamente preoccupata” per la condivisione dati WhatsApp – Facebook

Come si legge da quanto scritto da Elizabeth Denham, che ricopre il ruolo di Information Commissioner:

È importante avere il controllo delle proprie informazioni personali, anche se il servizio che le utilizza è gratuito. Possiamo essere d’accordo che una compagnia usi le nostre informazioni in un certo modo per consentirci di utilizzare il servizio gratuitamente, ma se queste informazioni vengono carpite invece che concesse, per un obiettivo che non condividiamo, allora abbiamo il diritto di preoccuparci.

Via: TheNextWeb
  • Psyco98

    Dubito che noi otterremo mai un traguardo simile…

    • Principe Azzurro

      basta cambiare app.. 😉

      • Psyco98

        Per quanto posso uso telegram infatti, ma la gente nemmeno legge le notifiche…

      • Mattexx

        Fosse così facile cambiare app 80% delle persone usa principalmente Whatsapp, se devo tenermi in contatto con amici e parenti mi risulta difficile e scomodo utilizzare un’altra app. Telegram lo uso solo per alcuni gruppi di tecnologia a cui sono stato aggiunto.

      • malapropysm

        ne riparliamo quando la Brexit sarà effettiva e il GDPR entrerà nell’ordinamento europeo

  • Fra Lu

    “Severo ma giusto”

    • scumm78

      severo, giusto ma gia’ bypassabile. In pratica sono stati bloccati per il “modo” e non per il “cosa” quindi basta che whatsapp cambio il modo ed ecco che potra’ riavere le informazioni che vuole. Inoltre vorrei ricordare quanto e’ ipocrita il governo inglese visto che praticamente spiano tutto il traffico inglese senza nemmeno avere un mandato.