Dbrand Zebra Wood

Quale marchio di telefonia vi ispira più fiducia sul lungo periodo?

Emanuele Cisotti

Ognuno ha sicuramente una preferenza in fatto di tecnologia e molti di voi hanno sicuramente posseduto smartphone di brand anche molto differenti. Ma arrivati a fine 2016 qual è il produttore di telefoni che vi ispira più fiducia nel lungo periodo? La domanda può sicuramente suonare particolare e complessa ma la verità è che per quanto un utente possa preferire in questo momento un certo marchio, in cuor suo potrebbe comunque apprezzare maggiormente altri marchi sul lungo periodo.

Il più classico degli esempi potrebbe essere Apple che aggiorna i dispositivi molto a lungo, Huawei che sta crescendo rapidamente, HTC storica con la sua qualità costruttiva e le sue prospettive o Samsung per essere sulla cresta dell’onda. Vi chiediamo quindi di mettere da parte per quanto possibile la propria “cotta” del momento e cercare di rispondere sul lungo termine. Quale marchio vi ispira più fiducia sul lungo termine e perché?

  • laspas

    Purtroppo Apple. Se spendo 800 euro adesso so che tra 3/4 anni il mio dispositivo sarà ancora supportato ufficialmente a differenza dei terminali android.

    • carlo

      teoricamente google sui pixel supporterà il telefono 2 anni per gli aggiornamenti di versione e 4 per le patch di sicurezza, sarebbe stato meglio un 3 e 5 anni o anche meglio 3 e fino a quando ce ne sono a sufficienza in uso da giustificare il supporto. ma cmq 4 anni di aggiornamenti di sicurezza non sono male.

      • scumm78

        in realta’ sono 2 anni per gli aggiornamenti e solo 3 per quelli di sicurezza.

        • carlo

          ancora peggio.

    • scumm78

      e’ anche il marchio che vanta la minore svalutazione economica nel tempo quindi sicuramente un buon investimento.

      • laspas

        Anche questo è vero. Se compro un 7 adesso lo posso rivendere tranquillamente tra un anno, due e anche tre. Se prendo un s7 tra 2/3 anni faccio più fatica sicuramente.

    • ILCONDOTTIERO

      Ottimistico pensare che ti duri 3/4 anni , favola di cappuccetto rosso. Chiaramente parlo di un terminale perfettamente funzionante.

  • andrea marcheschi

    Stonex.

    • MeneS

      Io mi fido di loro, é certo che se dicono una cosa poi non la fanno

      • andrea marcheschi

        In quella allora vince Turing ^^

    • ILCONDOTTIERO

      Quoto , poi come suoneria metterei la canzone di DjFrancesco XD .

  • magicblack

    Da utente Android ed amante di quello che è Android all’origine non posso che mettere Google. Gli aggiornamenti costanti e garantiti per quei due anni sono un qualcosa decisamente di più rispetto agli oltre OEM Android. Certo, un altro anno garantito non sarebbe male, anzi. Ma, almeno, quei due anni si fanno in tranquillità e con la certezza di ricevere aggiornamenti. Senza considerare la pulizia, la velocità e l’immediatezza del firmware dei Nexus/Pixel che è un’altra cosa rispetto ai firmware degli OEM. Ovviamente la mia valutazione è stata puramente sul software, l’hardware è sempre un discorso relativo. Ma ormai Google è da un po’ che equipaggia i Nexus/Pixel di hardware di ultima generazione, anche lì, quindi, guadagna punti per la fiducia nel lungo periodo.

    • carlo

      considerando che l’esperienza troppo AOSP nelle recensioni dei telefoni qua su AW è sempre un punto a sfavore io aggiungo a google, fregabdomene dell’esperienza AOSP, Xiaomi e Apple. Apple lo sappiamo cosa fa e Xiaomi riesce a tenere aggiornati i terminali, magari non sull’ultima versione di Android ma sicuramente sull’ultima versione di MIUI e con le patch di sicurezza, praticamente tutti i telefoni che ha messo in commercio negli ultimi 5 o 6 anni.

  • realist

    xiaomi. dopo il gt i9000, solo xiaomi tra amici e familiari.

  • Daniele Bisceglia

    Ho un LG g5 ma continuo a preferire Apple, giustificando i suoi costi esosi. In 4 anni ricevono aggiornamenti, cosa che altre marche non fanno. Di contro non puoi cambiare la batteria, per me grosso plus, capita spesso di usare altri caricatori che la rovinano prima del previsto, per il g5 pochi euro e la cambio.

  • HabemusFerdo

    Mai avuto un iPhone o un prodotto Apple in generale ma comunque Apple è l’azienda che mi da più fiducia

    • ILCONDOTTIERO

      Certo a gestire il tuo portafoglio sono dei campioni e ti fanno sentire molto più leggero .

  • Casper

    Se parliamo di lungo termine e di aggiornamenti non c’è storia. Solo Apple può dare tranquillità. Il punto è che non sono sufficienti, come leggo in molti commenti, 2/3 anni di aggiornamenti e patch. Apple aggiorna per anni e subito e se gli altri vogliono trasmettere la stessa sicurezza c’èv solo una strada. Aggiornare per anni e subito.

    • TheAlabek

      E poi far laggare lo smartphone per fartelo cambiare

      • Casper

        Vero anche quello ma la massa non ha problemi con i Lab, quelli danno fastidio solo agli appassionati. Personalmente è una cosa che non provo da anni perché ogni anno cambio Cell, però, se dovessi tenere un telefono per esempio per 5 anni rinuncerei di sicuro ad Android che è il mio sistema preferito e comprerei iPhone proprio per la garanzia che da sul supporto dei prodotti.

        • TheAlabek

          Ma che ne fai di un dispositivo aggiornato ma: che non supporta tutte le funzioni in maniera anche subdola e viene azzoppato nelle prestazioni?

          • Casper

            Non supporterà le novità hardware ma non è che zoppica. Gli aggiornamenti sono vitali in primis per la sicurezza. I dispositivi Apple dopo anni non zoppicano più di tanto. Sono sempre usabilissimi. Se non mi interessassero gli aggiornamenti non avrei nemmeno uno smartphone e mi comprerei un semplice telefono.

  • Psyco98

    Xiaomi: mi da più fiducia a lungo che a breve termine. Aggiorna i terminali per anni e si sta vedendo una crescita esponenziale della qualità dei suoi prodotti (chi si ricorda i primi redmi?).
    Ha del potenziale, e molto, anche senza considerare i suoi prezzi.

  • TheAlabek

    Google e Xiaomi
    Aggiornano il giusto senza azzoppare i terminali, e nel caso non ti basti, ti butti sulle beta (modding) e campi all’infinito

  • XDA Developers.

    • PineappleHaze

      Stavo per dire Nexus ma alla base é tutto grazie ad XDA, hai perfettamente ragione

  • MeneS

    Ultimamente Xiaomi, i terminali li segue, sbaglia solo durante il lancio perché non escono perfetti ma dopo alcuni mesi sono sempre tra i migliori.
    HTC ha troppi problemi ultimamente mentre oneplus non si capisce che stanno facendo…

  • enx

    Sony! Assolutamente!! Basta guardare l’assistenza è meglio di Apple anche su gli aggiornamenti!

    • m477

      Ah, quindi posso entrare in uno Sony store con un Xperia difettoso, e dopo dieci minuti riceverne uno nuovo? E posso ricevere aggiornamento fino al quarto/quinto anno dall’uscita del mio dispositivo?

      • enx

        No ma basta registrarti su top care di Sony Mobile, spedire il Sony difettoso anche di un paio d’anni e ti spediscono l’ultimo modello “NUOVO Non ricondizionato come la Apple” di pari valore nel giro di 24 ore, informati!

        • ILCONDOTTIERO

          Perché glielo hai detto , li hai tolto la terra sotto i piedi . Non puoi farlo …. Uffaa . Io a casa di Sony ho tutto , escluso gli Smartphone però mai dire mai 😉 .

        • m477

          Io ho avuto un’esperienza davvero pessima con il Z2. Ho dovuto mandarlo quattro volte in assistenza prima che il mio problema fosse risolto. Ogni volta circa 20 giorni. La prima volta mi hanno addirittura mandato un preventivo di circa quattrocento euro, per ciò che effettivamente era un diffetto di fabbrica. Sento parecchie storie di Sony che si rifiuta di cambiare Z3 e Z5 a utenti che si sono ritrovati il vetro posteriore rotto, senza cadute né urti.
          Apple mi ha cambiato un MBP del 2009 con scheda logica morta con uno del 2012, per mancanza di pezzi di ricambio, gratuitamente.

  • GeXKinG

    Metterei anche nokia

  • Jack O’Malley

    Beh, Sony se decidessi di spendere più di 400€ in uno smartphone, altrimenti Xiaomi.

  • ILCONDOTTIERO

    Io per tanto sono con Windows mobile 10 Lumia 830 e Android Samsung S3 , stravedo per Xiaomi se arrivasse in Italia ufficialmente lo prenderei al volo , la Nokia by Android so che saranno Sharp rimarchiati e non hanno più il fascino di un tempo .
    La Mia classifica é questa
    1. Xiaomi
    2. Huawei
    3. Microsoft Surface Phone ( Se esce )
    4. Lg
    5. Samsung
    6. Apple
    8. Sony

    • Danziger

      Gli Android di Nokia saranno prodotti da Foxconn, esattamente come gli iPhone di Apple.

      • ILCONDOTTIERO

        Forse hai le idee abbondantemente offuscate . I telefoni li fa Sharp in toto nella fabbrica di foxcoon ci mettono il logo Nokia un launcher e qualche app stop . Niente di più e niente di meno , stai dando troppo valore ad una azienda che non esiste più quella di un tempo . Hai mai preso un lumia ( ormai defunto ) che prende dove gli Smartphone fatti da foxcoon non prendono ? No allora di cosa stiamo parlando. Hai mai provato a telefonare etc. parlo di qualità costruttiva che non vedremo più e vedremo solo fumo negli occhi in futuro . Piuttosto ce di molto meglio in giro e di Nokia mi ci soffio il naso. Saluti . La mia classifica la ho fatta valutando tutti gli aspetti e non quelli da fanboy .

        • Danziger

          Calma, mi sa che ti sei fatto dei film. Sai quanti Nokia ho mai comprato in vita mia: zero. Quindi non supporre che io sia un fanboy Nokia (cosa che non lo sono, visto che non mi sono mai piaciuti, neanche quando era il primo produttore mondiale di cellulari). Ti ho solo scritto che i nuovi Nokia saranno costruiti da Foxconn, cosa risaputa. Ma evidentemente dovevo specificare anche che il rumor che il nuovo Nokia fosse uno Sharp si è poi dimostrato essere un fake. Per quanto riguarda la classifica, personalmente ti possono dire che in cima ci piazzo tutta la vita HTC (ho un One M7 da 3 anni e mezzo, e non mi ha ancora dato un problema).

          • ILCONDOTTIERO

            Sinceramente il mio amico m7 lo ha buttato e non scherzo . Come linea adoro htc e sono serio ma ha fatto troppi scivoloni lo metterei in 11ma posizione. Io ero uno di quelli innamorato del htc m8 , fatalità credo hanno fatto scuola sulla linea di quei prodotti. Poi non mi piace la loro politica , all’inizio erano un esempio da seguire .

          • Danziger

            Parli in maniera un po’ troppo generica. Perché il tuo amico lo avrebbe buttato? Poi cosa intendi quando dici che non ti piace la loro politica?

    • boosook

      Si, ma cosa centra con la domanda il fatto che stravedi per xiaomi? Qui si stava chiedendo una cosa diversa.

      • ILCONDOTTIERO

        Lo Smartphone deve piacere e deve darti anche assistenza aggiornamenti etc. Cosa che Xiaomi fa , se solo arrivasse in Italia ufficialmente sarebbe una gran cosa per tutti .

  • m477

    Se me lo aveste chiesto 2 anni fa, avrei sicuramente riposto Motorola. Ora, probabilmente Apple.
    Tra le aziende aziende per cui non ho neanche un minimo di fiducia c’è LG al primo posto, dopo la mia esperienza con l’assistenza, i bootloop di G4 e v10, e la qualità approssimativa di G5.

    • realist

      apple e per i pecoroni.
      per chi non sa usare un terminale (che non ci vuole un genio) e per chi va dietro la moda.
      il mercato rispecchia brillantemente l’utenza.

      • AleSuperfly

        classico luogo comune di chi è semplicemente un fanboy

      • Marcio

        O per chi dimentica la grammatica.

        • realist

          meglio la logica della grammatica.

      • Luca

        Ma cosa c’entra il terminale?

        • m477

          Beh, gli aggiornamenti non sono due, ma circa quattro. Per quanto riguarda i crash, non mi pare proprio, ma dispositivi come il 4s e il 5 al terzo aggiornamento hanno subito un rallentamento sostanziale. Ciò non è successo con 5s.
          In ogni caso io valuto molto l’assistenza. Negli ultimi anni, con tutti i top gamma che ho avuto (LG, HTC, Sony), ho sempre trovato difetti di fabbrica. L’unica assistenza con cui non ho dovuto litigare per ottenere una riparazione è stata quella Apple.

      • m477

        Apple è per chi preferisce Apple. Sì, c’è molta gente che compra l’iPhone per moda, ma questo è vero pure di Samsung. È stupido fare di tutta l’erba un fascio, e sentirsi superiori. Android non è né più né meno difficile da utilizzare. lo utilizzo dai tempi del dream, ho usato tutte le major release, ci programmo (anche se hobbisticamente), ai tempi di Froyo e Gingerbread ho anche fatto diversi porting di rom. La facilità d’uso e la moda non hanno influito minimamente sulla mia decisione di prendere un iPhone. Ho avuto a che fare con l’assistenza di LG, HTC, Sony, e Motorola, e sono state tutte una tortura. L’ultima esperienza con il G3, tra assistenza, qualità dei materiali, e mancata ottimizzazione del software è stata la spinta necessaria a farmi provare finalmente iOS.

  • Marco F

    senza dubbio Huawei..anche se attendo con impazienza l’arrivo in Europa di Xiaomi

    • Alessandro Montix

      ma come si fa a votare huawei nel lungo periodo? Posso capire chi apprezza i loro telefoni, ultimamente stanno lavorando bene, ma nel lungo periodo ancora ha molto da dimostrare

  • AleSuperfly

    negli ultimi 2 anni ho avuto più esperienza sia android che iOS (wp invece, non fa per me).
    Per quanto android sia ‘più divertente’ e spesso mi invogli a ripassare di lì, difficilmente come telefono principale mollerò iphone (se non per brevissimo tempo)..e non è solo per una questione di aggiornamenti, che chiaramente a livello di tempistiche sono ottimi e ci mancherebbe vista la manciata di dispositivi diversi che apple deve seguire, ma anche a livello di assistenza generale..fino a quando non ci saranno negozi diffusi stile apple store anche per gli altri produttori, l’assistenza post vendita di apple sarà sempre non una ma due/tre spanne sopra tutti gli altri..
    hai un problema, chiami, se non si risolve ti presente in apple store e il problema è risolto, con un intervento tecnico o con un telefono sotitutivo..senza dover spedire terminali in assistenza senza tempistiche precise su quando lo riavrai in mano…e per chi il telefono lo usa per lavoro questa è una manna dal cielo vera e propria..
    Samsung, se non ricordo male dai tempi in cui presi s6 edge, con l’iscrizione al servizio di assistenza exclusive, mi pare garantisse la risoluzione dei problemi in pochi giorni (2-3 se non erro)..inzìa a non essere male ma è diverso rispetto a portare il telefono in assistenza alle 15 e alle 15:30 tornare a casa col telefono riparato/sostituito..
    Se non erro, mi pare che huawei abbia aperto un primo centro assistenza a Milano e questa secondo me è una mossa davvero importante per un marchio molto ambizioso che punta a spodestare proprio apple e samsung…spero che anche gli altri produttori seguano questo esempio

    • Matteo Bonanomi

      guarda che manco mio nonno sente più il bisogno di far richieste di assistenza nei negozi fisici! =) scherzi a parte, ho avuto molto a che fare con l’assistenza HP (laptop), ASUS (laptop e tablet) per dei problemi tecnici in cui si è resa necessaria la riparazione e dal momento in cui è passato il corriere a ritirare al momento in cui l’ho rivisto, saranno passati a malapena 10 giorni in ogni caso. Con l’assistenza LG e Samsung ho invece avuto contatti telefonici per sistemare alcuni problemini, e li ho sempre trovati abbastanza preparati. Poi diciamo che smanetto abbastanza con pc e smartphone quanti il 90% delle volte mi basta quel che so per risolvere qualche problema software, ma scusa tanto non citerei l’assistenza come differenza principale tra Apple e tutti gli altri. Fregacazzi i negozietti fighetti con tutti i commessi a riverirmi, io voglio un terminale android con un ottimizzazione software da paura.

      • AleSuperfly

        qua si sta parlando di dare fiducia ad un marchio sul lungo termine, io la mia fiducia la dò a chi, al minimo problema, mi fornisce la soluzione (sia essa con un intervento o con la sostituzione) SUL MOMENTO.
        dici di essere uno smanettone e che quindi gran parte dei problemi te li risolvi da solo, ma gli smanettoni sono una piccola parte dell’utenza (sia essa android o iOS).
        Mi dici che hai avuto a che fare con l’assistenza asus/hp e sei rimasto senza pc (anche se l’articolo penso sia più riferito al campo smartphone, e non so come si comporti apple per l’assistenza in questo ramo, possedendo un pc lenovo) per 10 giorni…vorrei sottolinearti la sottile differenza tra il rimanere senza il proprio dispositivo per 10 giorni o uscire dal negozio mezz’ora dopo esserci entrato con il proprio dispositivo riparato/sostituito…ci ballano giusto quei 9 giorni e mezzo di differenza..dici nulla 🙂
        possiamo discutere fino a domani sul fatto che i prodotti apple costino un rene (pur avendo ovviamente una svalutazione minore, tant’è che ogni volta che ho venduto un iphone usato sono riuscito a comprarmi un terminale android nuovo) e quanto spesso e volentieri magari non valgano quel che costino (non che i terminali android top di gamma siano regalati, ma sappiamo tutti come poi nello street price calino mooolto più velocemente di quanto cali un iphone) ma, soprattutto per chi i propri dispositivi li utilizza in ambito professionale, ma anche per chi semplicemente per motivi personali non vuole ritrovarsi ‘a piedi’ per giorni/settimane, a livello di assistenza reputo apple imbattibile al momento.
        e questo per dire che mi piacerebbe davvero vedere colossi come samsung aprire i proprio ‘samsung store’, ripeto, come FORSE ha iniziato piano piano a fare huawei

      • Alberto Smith

        Asus 2 mesi per sostituirmi un tablet difettoso con uno nuovo!!!! Mai più Asus.

  • Cippoz89

    Poi il risultato del sondaggio sarà pubblico?

  • ciao986

    I top di gamma Samsung a mio parere sono dei dispositivi Solidi, in grado di durare anche per molto tempo

    • Danziger

      Se non esplodono…

      • Matteo Bonanomi

        dopo il casino del Note sicuramente il grado di affidabilità salirà alle stelle, non potendo permettersi un altro errore, e non potendo nemmeno cominciare a scavare il fondo! =) Scherzi a parte, se non fosse stato per questo scivolone n po’ troppo esplosivo, anche io sarei andato su Samsung tutta la vita (per quel che riguarda Android). Peccato che i Nexus siano estinti e i Pixel siano troppo giovani per essere considerati un progetto affidabile, se no quello sarebbe stato un ottimo candidato.

        • Danziger

          Guarda potrebbe essere come dici tu, se non fosse che Note 7 è stato solo l’apice, ma già in passato altri smartphone Samsung hanno avuto problemi simili anche se in casi molti limitati da non destare troppe preoccupazioni come invece è accaduto per il Note 7. Va inoltre detto che però altre marche non hanno nemmeno avuto questi casi limitati.

        • Flavio Migliorati

          Ehm… ora esplodono anche certe lavatrici samsung…

      • ciao986

        Eh. Però la Samsung è comunque intervenuta tempestivamente e si è presa le sue responsabilità, per me’ questa vicenda è più un +1 per la Samsung che altro, poi vabbè, il Galaxy Note 7, oltre che una buona arma per l’ISIS( x) ), era anche un ottimo terminale

        • Danziger

          C’è chi ha avuto l’automobile incendiata e da buttare, o chi è finito in ospedale vomitando nero dopo aver respirato le esalazioni del suo Note 7 che ha emesso di notte mentre dormiva, a causa dell’ “intervento tempestivo” di Samsung, il tutto per far uscire il Note 7 prima, senza fare adeguati test, il che per me si traduce non in un -1, ma -infinito.

          • ciao986

            Questa è solo un ipotesi, e ufficialmente il problema è stato detto essere della batteria, non dello smartphone, non è detto che non abbiano fatto i dovuti test, può esserci stato qualche problema(o qualche manomissione :/) nel processo di produzione delle batterie

  • Mauro

    La mia risposta è: nessuno
    C’è solo marketing, perciò ricevi i tuoi due major updates, e chi s’è visto s’è visto. Di eccezioni ce ne sono ben poche. E voi preferite ios o Android da questo punto di vista?
    https://masc98.wordpress.com/2016/11/03/android-vs-ios/

  • Psyco98

    Tutti a dire apple, e fino ad iPhone 6s avrei liquidato con un de gustibus, ma davvero così tanta gente si fida di un’azienda che ha levato la maggior parte degli standard da tutti i suoi nuovi dispositivi?

    • Agente NWO N. Matricola 666

      Per quanto sia una scelta discutibile la rimozione del jack, chi compra iPhone 7 ha comunque la possibilità di usare cuffie standard con l’adattatore compreso nella confezione.

      • Psyco98

        Però non potrai mai essere sicuro che iPhone 8 avrà lo stesso connettore e potrà usarlo anche lì, dovendo sprecare altri soldi in adattatori: mi riferivo principalmente a questo.
        Avrai sempre la migliore assistenza, ma non sarai mai sicuro di essere compatibile nemmeno con i tuoi stessi prodotti, e questo non mi da un’idea di sicurezza.

        • m477

          Beh, o continuano ad usare il connettore lightning, o si adeguano all’usb-c. Non si mettono a cambiare il connettore per sfizio.

        • Agente NWO N. Matricola 666

          Beh io per sicurezza qui sopra intendevo altro 😀
          Comunque la tua è una critica ragionevole e mi trovi d’accordo. In effetti, Apple è stata costretta dalla UE a mettere in vendita adattatori compatibili con lo standard micro usb in quanto più diffuso. E ora ne trovi a iosa. Tuttavia sono adattatori a parte. Io mi auguro che l’introduzione della usb-c sui Macbook abbia fatto cambiare idea a quelle teste di c.. e introducano quello standard dal prossimo iPhone 🙂
          Per il jack, invece, trovo che non sia una rinuncia così imprescindibile. Mi spiego, io non ho mai usato le cuffie durante la ricarica del dispositivo, sicuramente alcuni lo faranno, ma quanti?:) In più, il mercato spinge da anni verso il wireless, non a caso ci sono cuffie wireless da 5€ fino a centinaia di euro. Poi si può anche tornare indietro eh 🙂 tutto dipenderà dal mercato, Apple seguirà la sua filosofia ma è sempre un’azienda che punta agli utili 🙂

    • boosook

      A me iphone non piace perche’ ios e’ una chiavica, ma e’ sicuramente il piu’ supportato e la qualita’ costruttiva non si discute, percio’ se dovessi comprare il telefono senza tenere conto del sistema operativo e del prezzo e con l’unico criterio “prendo il telefono che potro’ tenere per piu’ tempo possibile” e’ chiaro che la scelta andrebbe su iphone. Poi e’ un falso problema, dato che e’ molto improbabile che un telefono venga tenuto piu’ di 2/3 anni.

      • Agente NWO N. Matricola 666

        iOS è una chiavica perché?:D se a te non piace è un conto, ma bene o male come funzionalità si equivalgono sia iOS che Android 🙂 la stessa personalizzazione che viene vantata da Android è relativa, chi vuole personalizzare seriamente l’os deve fare il root. E su iOS facendo il jailbreak puoi ottenere gli stessi risultati 🙂
        Hai ragione sul fatto che puoi tenere un telefono Android anche più di 2/3 anni ma ne risentirai in sicurezza. Certo puoi affidarti al modding in modo da installare Android N su un Galaxy S2, ma quanti sono smanettoni a tal punto?:)

        • boosook

          Guarda, la personalizzazione non mi interessa, tengo android stock senza root su nexus. Ho anche iphone e proprio non riesco a farmelo piacere… troppo comode certe feature di android che su ios mancano, troppo più smart google now rispetto a siri, troppo macchinosa l’interfaccia utente su iphone, assurda la gestione di widget e notifiche. Per contro, non mi viene in mente praticamente niente che su android mi faccia rimpiangere ios. Poi sono gusti, certamente.

          • Agente NWO N. Matricola 666

            E’ quello che intendevo 😀 Alla fine, lato user experience, si riduce tutto alle preferenze dell’utente. Non c’è uno che va meglio e uno che va peggio 🙂

  • Agente NWO N. Matricola 666

    Non capisco sinceramente questo astio a prescindere dei prodotti Apple. Vero, ci sono i fanboy che difendono a spada tratta anche l’indifendibile, ma certi android user non sono da meno con i loro terminali. Ora come ora sul lungo periodo è proprio Apple quella che ispira più fiducia. E lo dico per un semplice fatto: è più matura in fatto di assistenza e aggiornamenti. Ho recentemente cambiato il mio iPhone 5 dopo 4 anni di onorato servizio. Comprato con iOS 6 e quest’anno aggiornato ad iOS 10, certo qualche mancanza c’è, qualche rallentamento pure, ma sfido qualunque terminale di altri competitor a reggere 5 major update e restare impassibile. Del resto l’hardware sugli smartphone non può essere aggiornato. Forse solo la strada che sta percorrendo Google con i nuovi Pixel potrà eguagliare.
    Vogliamo parlare di privacy e sicurezza? L’elevato margine di guadagno di Apple è dettato anche da un minor uso di dati personali per la profilazione degli utenti. Google con Android non è proprio un campione di privacy per via della sua politica aziendale. Del resto quando un prodotto è gratis il prodotto sei tu. Mentre in fatto di sicurezza io mi fido molto di più di un’azienda che quando scopre una vulnerabilità la chiude in tempi lampo. Quanti smartphone android hanno patch di sicurezza attempate? Questa è una delle più gravi falle del sistema usato da Google per la distribuzione di Android. Purtroppo oggi sicurezza e privacy sono diritti che paghi cari.
    Molti, che probabilmente non hanno mai provato iOS, parlano di carenze varie ma sinceramente non ne ho mai avute di così indispensabili, a parte cavolate di marketing come schermi QHD e ricarica wireless che ne faccio anche a meno; per non parlare di batterie da centomila milli ampere ma con un’ottimizzazione talmente schifosa da non coprire una giornata. Sull’appstore c’è di tutto e di più e vi assicuro che non ho mai avuto difficoltà in nessun ambito: ftp, nas, app di gestione cloud e per quello che manca c’è sempre il jailbreak a patto di una minor sicurezza (esattamente come con il root). Forse l’aspetto che mi mancava di iPhone era una vera interfaccia OTG che comunque non uso di certo tutti i giorni.

    Ps: ora ho uno xiaomi mi5, quindi non sono di certo un fanboy Apple, da utente abbastanza consapevole non mi lamento di Android, tutt’altro. Volevo provare qualcosa di nuovo e non avevo soldi per l’iPhone 7 (sic!). In più, oggi terminali da 3/400€ non hanno nulla da invidiare ai top gamma.

    • vincenzo di gesù

      azz è più lungo il tuo intervento che l’articolo..!! xD

      • Sela

        Vero, però ha detto tutto in modo oggettivo, senza fare il fanboy. Personalmente sono d’accordo su tutto quello che ha detto!

        • Agente NWO N. Matricola 666

          Thanks buddy 🙂

      • Agente NWO N. Matricola 666

        Sono un fanatico dell’argomentazione 😛

    • boosook

      ” L’elevato margine di guadagno di Apple è dettato anche da un minor uso di dati personali per la profilazione degli utenti”. Qui ho smesso di leggere. 😀

      • Agente NWO N. Matricola 666

        La semantica è importante: non ho detto che Apple non profila gli utenti, ma che ne fa un uso minore. Ogni azienda nel campo dell’IT profila gli utenti, ma c’è chi lo fa in modo statistico e chi in maniera mirata. Per ora, dalle dichiarazioni di esperti (molto più di me) e manager di aziende di sicurezza, Apple è molto più avanti di Google. Poi tutto è relativo, magari tra 10 anni Google sarà campionessa di privacy e Apple investita da un Datagate-bis 😀
        Qualcuno ha mai provato a controllare la cronologia delle posizioni dalla voce “geolocalizzazione” su Android? E’ molto divertente 😀

        • boosook

          Certo, io la controllo sempre la cronologia delle posizioni, per me è una funzione utile! E’ un problema? Si può disattivare… ma si perdono certe funzioni avanzate di Google Now, che gli utenti apple si sognano e che si basano sulla posizione e sull’apprendimento delle tue abitudini di movimento.
          Sinceramente preferisco l’approccio di Google di tenerla bene in vista e rendere chiaro agli utenti cosa sta facendo, perché non credere che l’app di Facebook non faccia la stessa cosa…
          Per il resto, bisogna vedere cosa si intende con privacy quando si parla di android (e cosa intendevano i tuoi amici esperti)… ci si sta riferendo solo a Google o al produttore del telefono? Si sta parlando di falle che possono esserci nelle versioni di android dei vari costruttori che non vengono aggiornate? Si sta parlando del fatto che su android non tutti i telefoni hanno un sensore biometrico e la cifratura? Tutto vero, ma non è Google… se si parla di Google, allora consideriamo solo i Nexus/Pixel…

          • Agente NWO N. Matricola 666

            Ma non è il caso di scaldarsi comunque 🙂 Ho parlato della geolocalizzazione di Google per fare un esempio, e Facebook non la prendo nemmeno in considerazione dato che è maglia nera su questi temi. Il punto che volevo far cogliere era: quanti sanno tutti i dati che vengono raccolti? Io, te e molti utenti consapevoli lo sappiamo, ma non siamo la massa 🙂 Secondo me tutti i servizi a rischio privacy dovrebbero essere disattivati di default (come la geolocalizzazione) o attivati (come la crittografia). Vuoi un altro esempio? Siri funziona allo stesso modo di Now 🙂 Ha praticamente le stesse funzioni, ormai ritengo che non solo l’hardware ma anche il software si equivalga 🙂 Dove perde Siri vince Now e viceversa, l’apparente distacco verrà colmato con l’aggiornamento successivo e così via in un loop potenzialmente infinito.

            Sulla dicotomia Google/Android hai ragione spesso ci si confonde. Ma è Google a sviluppare Android e ha tutto il potere di vincolare gli altri brand a determinati standard, qui il concetto di open-source è abusato, secondo me. Sulla sicurezza non deve esserci la libertà di implementarla o meno. Se Google distribuisce l’ultima versione di Android ai vari produttori e questi poi modificano la possibilità di crittografare lo smartphone è colpa sia del produttore, ma anche di Google. Se Google aggiorna le patch di sicurezza e il produttore non aggiorna il problema è lo stesso e così via. Prendi Windows o Linux, decine di produttori montano sui propri pc, o possono montare, questi so e tutti quanti ricevono gli aggiornamenti in contemporanea. Ovvio, i produttori di pc non modificano l’so a proprio piacimento come accade con Android ma la possibilità di fornire aggiornamenti mirati a tutti c’è eccome. Ciononostante, da Lollipop le cose sono cambiate e la strada battuta da Google migliora di anno in anno, quindi il mio non è un attacco a prescindere verso Android. Anzi, nemmeno Apple è perfetta ma credo che per ora sia un passo avanti 🙂

            Ovviamente questa è la mia opinione 🙂

          • boosook

            Ok, scusa, ma… la cronologia delle posizioni non mi sembra affatto che sia attiva di default. In fase di configurazione del telefono, Google chiede di attivare la geolocalizzazione e la cronologia delle posizioni. Viene spiegato cos’è, come controllarla e che può essere in ogni momento disattivata. Ora, se l’utente medio non legge neanche le schermate prima di premere avanti cosa dovrebbe fare Google, rinunciare a una delle sue feature più importanti? Io non credo.
            Su Siri e Now: hanno un’impostazione diversa. Siri è molto più forte nei comandi vocali, ma Now è impareggiabile nel darti notifiche in maniera proattiva. Ti faccio un esempio: ieri sera ero a casa di un amico. Avevo fatto una ricerca su maps per come arrivare lì con i mezzi pubblici, ero andato e sceso a una determinata stazione. A un certo punto mi arriva una notifica da gnow che mi dice: guarda, l’ultimo treno per tornare a casa da quella stazione lo hai alle 23.30, esci di casa entro le 23.15 se vuoi prenderlo. Queste cose Siri se le sogna. Un altra volta avevo iniziato a andare a un appuntamento fisso il martedì dopo il lavoro. Ebbene, Now aveva imparato che il martedì, e solo quel giorno, io facevo un tragitto differente in auto e arrivavo in quel luogo sempre alla stessa ora e mi mandava notifiche sulle condizioni del traffico e il tragitto migliore. Per non parlare di quando sei in viaggio, di come ti visualizzi la carta d’imbarco dell’aereo al momento giusto, di come ti avverta se l’aereo è in ritardo, di come ti dica “esci adesso per arrivare due ore prima e prendi questi mezzi”, e un sacco di altre cose che non sto a dire. Queste cose si fanno tracciando l’utente. E Google, ripeto, avverte che lo sta facendo… io personalmente non capisco cosa dovrebbe fare di più! 😉 Insomma, sarebbe giusto non fare innovazione perché ci sono in giro degli analfabeti informatici che non hanno voglia di leggere cosa c’è scritto in una schermata prima di cliccare su ok?

          • Agente NWO N. Matricola 666

            Errore mio 😀 intendevo la cronologia delle posizioni. Ma doppio errore mio, anche la cronologia non è attiva di default 🙂 Quindi chiedo venia per il refuso 🙂
            Comunque a parte la divagazione sulla geolocalizzazione, quello che intendo con privacy è il maggior impegno di Apple dopo lo scandalo Datagate del 2013 rispetto agli altri competitor. Ogni assistente vocale ha bisogno di dati personali per funzionare, come hai dimostrato tu nell’esempio con Now. Questi dati, per essere elaborati, vengono ovviamente spediti ai server dell’azienda per fornire l’input desiderato. Google è un’azienda che offre servizi gratuiti, in quanto il suo modello di business si basa sulla pubblicità, quindi sul fornire a terzi i dati dei propri utenti per fornire pubblicità mirate. Apple, invece, racimola utili più sulla vendita di hardware che di software gratuito. Per questo motivo non ha bisogno di leggere e mandare a terzi i dati del singolo utente. Resta il fatto che questi dati vengono raccolti ugualmente per far funzionare Siri. Per mantenere anonimi i dati degli utenti, e al tempo stesso fornire tali servizi, iOS 10 ha introdotto la differetial privacy. Eccoti qui il funzionamento: http://www.lastampa.it/2016/06/15/tecnologia/idee/cos-la-privacy-differenziale-e-perch-potrebbe-cambiarci-la-vita-uWozTffgwRFjmYJ3azedrI/pagina.html
            Ci sono critici riguardo alla precisione ottenuta grazie a questo sistema. Tuttavia ritengo un plus ad Apple di provarci e se funzionerà tanto meglio 🙂

  • malapropysm

    Di tutti questi, siamo onesti, giusto Apple. Produce gli smartphone più longevi in assoluto in termini di aggiornamenti software e obsolescenza programmata. Asus in rapporto qualità prezzo non è male a mio avviso. Samsung ridicola.

  • Lucente

    Ho votato Apple pur avendo solo dispositivi Android. Il supporto in ambito Android è troppo frammentato, vedere le statistiche di aggiornamento, con dispositivi che ricevono l’ultima release quando è uscita quella ancora più nuova. Samsung fa un buon lavoro per i top di gamma. Le altre si equivalgono.

  • Marco Missere

    Xiaomi, OnePlus e Samsung.

  • Manuel

    Sony a causa dell’Xperia Z3 che da tre anni a questa parte mi ha dato soltanto soddisfazioni, un top di gamma meraviglioso. Bel design, ottimo hardware e software. Per non parlare della fotocamera che registra a 1080p60!

    • Mett

      Peccato che poi il nulla 🙁

    • Confermo, Z3 avuto ed è stato un gioiello!

    • Psyco98

      Gli Z3 ottimi telefoni, Z3c probabilmente il migliore in assoluto quell’anno e il migliore per qualità/prezzo tra tutti i compatti precedenti e successivi.

  • Francesco Vaccarella

    Stonex a mani basse

  • Darioxx96

    Sony, sto ancora usando uno z1 compact comprato poco dopo l’uscita mai un problema e batteria che dura ancora…Samsung ultimo posto telefoni che dopo 6 mesi cominciano ad avere problemi, dopo 1 anno cominciano a non funzionare più i tasti e si è pure rotta la porta usb.

    • mdma

      A me si è bruciata la CPU del compact! Ma è stata colpa mia.. l’ho usato sotto il sole di luglio senza preoccuparmene e bom, si è spento. Dispositivo stupendo.

      • Darioxx96

        Cavolo…e pensare che io un giorno ho deciso di togliere il thermal trottling e lasciare accesi tutti i core alla massima frequenza e fare uno stress test per vedere a che temperatura arriva la cpu: 101 gradi e poi ho smesso perchè secondo me non si spegne ma aspetta lo scioglimento, ma senza fare robe di sto genere gli 80/85 gradi non li supera, probabilmente avrai avuto una cpu difettata che col primo riscaldamento eccessivo si è danneggiata

        • mdma

          Ero sotto i 40* del sole, sono stato io pirl4 ma ecco, non credevo che aspettasse la combustione per spegnersi! Oltretutto era appena fuori garanzia da due mesi, quindi niente: lo tengo come cimelio.

  • Josèls

    A costo di essere impopolare,ma credo che con Samsung andrò sempre sul sicuro.
    Stavo per aggiungere Google,ma prima voglio vedere che politica adottano con il lancio dei Pixel.

  • Pierluigi Barile

    OnePlus sicuramente se mantengono i soliti prezzi.

  • Apple sicuramente

  • Krait

    vedo che molti non hanno compreso la domanda, che è effettivamente più complessa di quello che potrebbe sembrare, in quanto si devono tenere in considerazione variabili che potrebbero non rispecchiare il reale utilizzo, sopratutto perché ognuno ha la propria percezione del “lungo periodo”

    se per esempio fossi abituato a cambiare dispositivo ogni 2/3 mesi, già un anno potrebbe essere un considerato un lungo periodo, ed in questo caso probabilmente opterei per HTC, la quale è garanzia di ottimizzazione SW e quindi per quel periodo di tempo potrei stare tranquillo di non dovermi preoccupare di rallentamenti o bug che invece potrei riscontrare con altre aziende, a causa di aggiornamenti acerbi o mala-ottimizzazione

    in un intervallo di due anni invece, indubbiamente o Google o Apple, dato che se è vero che praticamente tutti gli OEM offrono 24 mesi di supporto, è anche vero che a causa della lentezza con cui rilasciano gli aggiornamenti, potrei ritrovarmi il dispositivo con una versione di sistema ‘obsoleta’, solo perché non sono riusciti ad aggiornarlo entro il termine del supporto

    se invece dovessi mantenere un device per 3 anni, in quel caso direi che la migliore alternativa sarebbe Apple, dato che al momento non c’è nessun’altra azienda che offre supporto così a lungo

    però, se eventualmente dovessi superare anche i 3 anni, in quel caso sarei più propenso per un Googlephone o un OnePlus, dato che se è vero che Apple comunque mi manterebbe aggiornato l’iPhone, è anche vero che i dispositivi più vecchi si ritrovano con un sistema castrato e più lento a causa delle risorse HW ormai insufficienti, mentre con le due aziende citate precedentemente, sarei comunque sicuro di avere supporto tra gli sviluppatori indipendenti, per via della filosofia ‘mod friendly’ che accompagna i loro dispositivi

    • Agente NWO N. Matricola 666

      Verissimo ciò che dici, ma considera sempre che non tutti sono in grado o vogliono cimentarsi con il modding. Se tutti sapessero moddare allora i vari brand aggiornerebbero la propria linea ogni 2/3 anni, Android avrebbe il 100% del mercato e Apple non esisterebbe più da un pezzo 😀

      • Krait

        Questo si, di fatto, nonostante abbia cercato di analizzare il più oggettivamente possibile, le mie considerazioni risultano comunque personali, basate mie competenze e sulle mie preferenze

        D’altra parte però, se in una qualche realtà parallela gli update fossero veramente gestiti esclusivamente col modding, non esisterebbe proprio il concetto di supporto post-vendita e quindi anche iOS sarebbe conforme a quell’ipotetico mercato

  • skelektron

    Cotte a parte, Apple è quella coi device più longevi, si può preferire Android quanto si vuole, ma soprattutto se si prende un device della serie S si avranno ottime prestazioni a lungo, oltre alla certezza di avere l’ultima versione disponibile dell’OS per almeno 3 anni. Si può preferire Android per tanti motivi, ma in quanto a longevità non c’è discussione che tenga, solo io modding può tenere vivo un device Android più a lungo…

    • boosook

      il senso della domanda non era questo! 😉

    • PasquAle

      …specialmente se è un Nexus!

  • Francesco Padalino

    Un conto è parlare di supporto nel lungo periodo, un altro è la FIDUCIA.

  • Ariano88

    STONEX senza nessun dubbio….o forse uno…. ma stonex sicuramente

    • boosook

      Io infatti ho votato Stonex! 😀

  • And91

    Google e Apple in questo caso non ci sono storie.
    Se poi si considerano rom e compagnia bella allora il diacorso cambia visto che virtualmente qualsiasi dispositivo diventa longevissimo.

  • Aymen

    Sicuramente Google ed Apple, ma per favore del robottino verde ho scelto la prima. Google che ha dimostrato con i suoi Nexus di aggiornarli per almeno due-tre anni e che è per forza di cose la prima a dare determinate versioni android e che nonostante, ad esempio, il Nexus 5 non riceva più aggiornamenti ufficiali Google, molti sviluppatori si sono comunque impegnati a ‘creare’ rom che portino Android N su un dispositivo morto, tecnologicamente parlando.

    • Aymen

      Scusate il mio italiacano, ma non ho voglia di modificarlo ;P

  • lostinjericho

    Mio malgrado ho votato Apple, in ballottaggio con Google. Io credo che Google debba fare ancora un po’ di strada per arrivare ai livelli di “fiducia” di Apple…

  • Dovreste fare anche quello come peggior produttore e li LG nn avrebbe rivali!

    • vortex67

      Mah…io uso LG da una vita e non ho mai avuto un problema.

    • Paolo

      sui cellullari hai ragione ma sulle tv il mio samsung tv dopo 4 anni kaput invece la mia lg 32 pollici presa appena è uscita il digitale terreste va benissimo come un orologio svizzero

  • yammo

    Voglio proprio vedere Samsung dove si piazza dopo gli ultimi fail.

    • M-Redstone

      Certo che se tutte le volte tiriamo in ballo il “batterygate” Samsung sarà sempre ultima in tutte le graduatorie… quello che si deve valutare non è l’episodio sfortunato (la cui gravità non è in discussione) ma l’affidabilità media dei vari modelli nel lungo periodo. E in questo non è certo ultima… neppure prima, ma cmq messa abbastanza bene

  • Teo

    Ragazzi, io ho votato Xiaomi. È l’unico produttore che veramente aggiorna i dispositivi anche dopo anni.
    Voi potreste dire che anche Apple lo fa, ma sui device più vecchi gli ultimi aggiornamenti ammazzano l’esperienza utente…
    Ho la MIUI 8 su dispositivi da 120€ e vi posso assicurare che nemmeno con le rom AOSP sarebbero così veloci

  • Nigel

    vabbè mi pare chiaro che sia Apple… assistenza senza eguali, aggiornamenti per lunghi periodi… io ho avuto per 8 anni apple, e ora sono passato a Huawei. Qualche mese fa, la batteria dell’iphone 5c della mia compagna si è gonfiata, ha alzato lo schermo. La garanzia era scaduta da 1 anno. Siamo andati all’Apple store e ce l’hanno cambiato. Non so, provate a fare la stessa cosa con un Samsung o con un Huawei…

    • Steve

      ho avuto 4 samsung, mai problemi, quindi mai usata assistenza: perché dovrei votare apple (o sony, htc chi vuoi tu)? perché altri mi raccontano che l’assistenza (e quindi ne hanno dovuto usufruire, mentre io no segno che ho avuto device più affidabili) è ottima?

      • Nigel

        sei stato fortunato magari. se ti si fosse rotto però? dove andavi? in un centro samsung… glielo lasciavi, e lo rivedevi in qualche mese… io ho avuto sfortuna con la apple, sono entrato nel centro, e sono uscito con un telefono nuovo 😀

        • Steve

          se vai su internet, trovi tanti che hanno avuto pessime esperienze con l’assistenza apple, magari sei tu il fortunato

  • Steve

    un sondaggio difficile da usare per successive statistiche o articoli. per me potrebbe ispirarmi un marchio perché in x anni non mi hai mai tradito, per altri invece conta la rivendibilità a lungo termine, per altri ancora gli aggiornamenti oltre i 24 mesi..insomma, ognuno voterà per motivi diversi, quindi il risultato finale avrà relativamente senso. se invece ci si basa, come pare dal cappello introduttivo, solo sugli aggiornamenti allora andrebbe sistemato il titolo di articolo e sondaggio

  • RF

    Per passione ho cambiato diversi dispositivi top di gamma e tra quelli regalati ai parenti i samsung sono quelli ancora in vita e che non mollano mai neanche tra le mani di chi non sa cosa sia un aggiornamento. Questa è la mia esperienza

  • E vi fate pure questa domanda? Google Pixel Nexus Google Pixel Nexus Pixel Google Nexus

  • Mattisekk722

    E i risultati?

  • Ghiro90

    Io ho votato Xiaomi che senza neanche entrare ufficialmente in Europa e i USA è riuscita ad affermarsi , quindi pensando al futuro arriveranno ad un pieno supporto ed assistenza tecnica.
    Per non parlare del già affermato supporto software (ricordo che vengono ancora aggiornati ril redmi 1 e redmi 1S)
    Non mi risulta che altri marchi aggiornino terminali così datati

    Forza Xiaomi continua così , ti aspetto in Europa

  • Paolo

    Io WIKO costano poco sono belli e hanno gia android 6 e vanno bene

    • Non ho un nome

      Si poi devi usare l’assistenza e li sei fottut0

  • alessandro

    Motorola! Probabilmente l’unico marchio con una storia vera presente sul mercato oltre all’ottima qualità dei prodotti

  • eric

    …scontato dire Apple per tutta la “catena” di supporto pre.post-durante ecc ecc ecc
    ma essendo un “ecosistema a parte” preferisco valutare android e dico Sony
    …vende meno ma è una dei più affidabili….viene ben supportato nei tempi (anche se non velocemente) e gli aggiornamenti migliorano sempre il device e sono stabili….(non come molti Samsung ed LG)
    …è l’unico android che riesce a mantenere un certo “valore” nel tempo (gli altri dopo 24 mesi sono invendibili)
    …benchè molti non la pensino così da Z5 in poi hanno probabilmente il miglior comparto fotografico nel punte e scatta (che è quello che interessa all’utente)
    …chi lo sceglie lo fa a “ragion veduta” senza essere obnubilato da pubblicità martellanti
    Avrei evitato di mettere in questa “lista” i cinesi puri in quanto vengono meno ad uno dei criteri di “fiducia” in quanto non ufficiali importati e garantiti dalla casa madre sul territorio

  • silvio

    Io Samsung, dopo averne cambiati tanti di telefoni e di varie casa produttrici..mi sono trovato meglio con Samsung. L’unico problema che sul mio vecchio s6 non riconosceva la carica veloce. Vado al centro assistenza e mi sostituiscono il telefono dopo un breve controllo. Ma in generale con Samsung esclusa quella volta nn ho mai avuto problemi con device a portare in assistenza.