Google-AMP-Logo

Le AMP di Google festeggiano un anno: ecco come hanno migliorato l’esperienza di lettori ed editori

Andrea Centorrino

Le Accelerated Mobile Pages (AMP) sono una tecnologia sviluppata da Google e resa disponibile in maniera open source a tutti gli editori che vogliano migliorare l’esperienza utente dei propri lettori (e non solo): il progetto di BigG festeggia un anno, e per l’occasione la società svela alcune statistiche.

A quanto pare, il 53% dei naviganti mobili abbandona un sito se questo non viene caricato entro 3 secondi: grazie ad AMP, una testata come il Whashington Post ha rilevato un incremento del 23% nel numero di lettori che accedono nuovamente al sito entro una settimana.

Alcune testate tedesche, invece, hanno registrato un aumento dei clic sulle inserzioni pubblicitarie presenti nelle proprie pagine del 220%, con punte del 600%. Fra i siti famosi che hanno adottato AMP nell’ultimo anno troviamo Pinterest, Reddit, Bing ed eBay (solo per citarne alcuni).

L’anno che verrà porterà tante novità, tutte consultabili nella roadmap ufficiale pubblicata da Google: per questo mese, ad esempio, la società ha in programma l’attivazione di una nuova funzione che mostrerà un’icona accanto alle pagine che supportano la tecnologia AMP nei risultati delle ricerche: in questo modo, il risultato che ci interessa verrà mostrato in meno di un secondo.

TUTTO SU: Google Pixel | Google Pixel XL

E se pensate che questa tecnologia consumi banda “di nascosto” per permettere un caricamento così veloce, o che le pagine abilitate siano poche, Google è pronta a smentirvi: AMP utilizza 10 volte meno dati rispetto ad una pagina tradizionale, ed al momento sono disponibili oltre 600 milioni di pagine AMP in 104 lingue diverse. Niente male per una tecnologia così giovane, no?

Fonte: Google Blog