imessage-app-store-1

Sullo store di iMessage ci sono già 1650 app, ma più della metà sono sticker a pagamento (foto)

Vezio Ceniccola

Durante l’evento di lancio dei nuovi iPhone 7, Apple ha presentato anche la versione rinnovata di iMessage, che ha trasformato l’app di messaggistica in una piattaforma per app e servizi, così come aveva fatto Facebook col suo Messenger già qualche tempo addietro.

Dopo quasi due settimane dall’apertura dello store interno ad iMessage, gli analisti stanno iniziando a tirare le somme ed hanno scoperto che sulla piattaforma ci sono già 1650 app, di cui ben 1251 sono sticker pack. Numeri non indifferenti, se ci aggiungiamo anche il fatto che, tra gli sticker pack, ben 944 sono a pagamento e solo 307 gratuiti.

LEGGI ANCHE: Facebook Messenger si integra nella schermata di sblocco degli iPhone, ma solo se avete iOS 10 (foto)

Altra categoria da tenere d’occhio è quella dei giochi, che nel suo insieme conta 92 elementi, ed è seguita da una lunga lista di app per la produttività, la condivisione, il divertimento e così via, come potete vedere nei grafici riportati nella galleria a fine articolo.

Questi dati ci fanno capire come negli utenti si stia iniziando a sviluppare un modo diverso di usare e cercare le app, che non sono più applicazioni indipendenti da cercare sullo store principale, ma diventano servizi e mini-app integrate in altre piattaforme, soprattutto quelle di messaggistica.

Non sappiamo se questa tendenza continuerà a crescere o si stabilizzerà, ma è interessante notare questa evoluzione e capire come tutto questo potrà in futuro impattare sull’uso quotidiano del nostro smartphone. Meglio un’app indipendente o una piattaforma integrata?

Via: TechCrunch