pictar

Pictar, il “modulo” che aggiunge grip e controlli manuali alla fotocamera degli iPhone (foto)

Vezio Ceniccola -

Gli smartphone di nuova generazione stanno puntando moltissimo sulla qualità fotografica, ma nonostante abbiano sensori ed ottiche eccezionali in grado di soddisfare anche gli utenti più esigenti, difettano in una componente fondamentale: la praticità dei controlli.

Per risolvere questo tipo di problema sui dispositivi Apple è stato ideato Pictar, una specie di modulo fotografico nato da una campagna di grande successo su Kickstarter e disponibile in due dimensioni. Una volta inserito un iPhone al suo interno, il modulo permette di controllare l’app dedicata attraverso vari controlli manuali: un pulsante di scatto con due livelli di pressione e 3 ghiere per controllare zoom, esposizione ed un’altra funzione programmabile a piacimento.

LEGGI ANCHE: Nel teleobiettivo di iPhone 7 Plus non c’è la stabilizzazione ottica: ecco cosa ci aspetta nel 2017

Inoltre, Pictar dispone anche degli attacchi per laccetto, treppiede e flash e, grazie ad una parte in materiale ergonomico, garantisce una presa più salda e stabile.

Altra cosa interessante è che il modulo non usa il connettore Lightning, ma comunica con lo smartphone tramite ultrasuoni, che vengono ricevuti dal microfono dell’iPhone ed interpretati dall’app di Pictar.

La versione base del modulo si adatta a varie generazioni di iPhone, precisamente 4/4S/5/5S/6/6S, mentre per il 6 Plus e il 6S Plus bisogna acquistare Pictar Plus, che ha dimensioni maggiori. La società assicura che non c’è nessun problema anche per iPhone 7 e 7 Plus, che hanno dimensioni simili ai predecessori, ma per ora la compatibilità non è dichiarata ufficialmente.

Riguardo ai prezzi, per la versione base si parte dai 90$ (100$ per la Plus) più spese di spedizione, ma ci sono varie combinazioni tra cui scegliere, alcune delle quali includono anche utili accessori. Le spedizioni dovrebbero iniziare da dicembre.

L’idea alla base di Pictar non è sicuramente tra le più originali – ad esempio, ricorda molto LG Cam Plus, il modulo fotografico dedicato a LG G5 – ma potrebbe essere una soluzione indicata per l’utente avanzato che cerca un maggior controllo per la fotocamera del proprio iPhone. La società produttrice sta cercando finanziamenti per realizzare anche una versione Android, e vedremo se nei prossimi mesi arriverà anch’essa sul mercato.

Via: TechCrunch