Jobs aveva ragione: you’re holding it wrong

Giuseppe Tripodi - La risposta di Jobs al cosiddetto "antennagate" di iPhone 4 aveva senso (e questo lo sapevamo) e un nuovo studio svela come cambia la ricezione in una mano o nell'altra.

You’re holding it wrong.

Questa era stata la lapidaria risposta di Steve Jobs ai giornalisti che si lamentavano del cosiddetto antennagate,ossia dei gravi problemi di ricezione di iPhone 4, che perdeva spesso il segnale in chiamata.

La replica di Jobs era stata irriverente e supponente (ma chi conosce il personaggio non avrebbe nulla di cui stupirsi) ma, in fondo in fondo, un po’ di ragione Jobs ce l’aveva. Il grave problema di iPhone 4 era che le bande per l’antenna venivano facilmente coperte con le mani, bloccando la ricezione e spesso interrompendo le telefonate. Per limitare le lamentele, Apple aveva regalato dei bumper in gomma che evitavano la possibilità di ostruire le antenne con le dita o il palmo.

In ogni caso, siamo tornati a parlare del lontano antennagate (era l’estate 2010) perché probabilmente sono pochi gli utenti che sanno quanta differenza faccia tenere lo smartphone con la mano destra o con la sinistra.

Un nuovo studio ha recentemente affrontato la questione, con risultati parecchio interessanti; i test sono stati condotti dal Consiglio nordico, forum di collaborazione che si occupa di cooperazione sociale ed economica nei rapporti tra Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia Svezia e alcuni territori autonomi.

La prova principale dell’esperimento è stata condotta simulando una telefonata e misurando il segnale che viene emesso dallo smartphone; il test è stato condotto in una stanza con materiale isolante alle pareti (al fine di diminuire eventuali interferenze) e utilizzando mani e teste sintetiche con densità simile a quella della carne umana.

DA NON PERDERE: Analisi dello stato delle reti LTE in Italia

Come potete vedere dalla tabella qui sotto, in alcuni casi c’è davvero parecchia differenza nel tenere lo smartphone con la mano destra o con la sinistra: questo avviene perché ogni dispositivo ha una precisa struttura all’interno e reggerlo in un certo modo può ostruire o meno l’antenna e interferire con la diffusione delle onde. A dirla tutta, in realtà, le discrepanze maggiori sembrano riscontrarsi proprio con gli iPhone: iPhone 6s Plus passa da 6,5 decibel milliwatt (dBm) se tenuto con la mano sinistra a ben 18,7 dBm se tenuto nella destra.

ricezione-cellulari-mano

Aggiungiamo che spesso la differenza si nota maggiormente durante una chiamata rispetto alle altre operazioni; questo succede perché anche la testa blocca le onde inviate dal dispositivo, che magari non dà alcun problema mentre si naviga su internet né tenendolo con la destra né con la sinistra.

La morale è che se notate cali di segnale durante una telefonata può aver senso cambiare mano (specialmente se siete mancini, a quanto pare), oppure tenere lo smartphone in modo diverso o, meglio ancora, utilizzare le cuffie.

Insomma in casi di problemi di ricezione, probabilmente you’re holding it wrong.

Via: IlPostFonte: Quartz