Apple fail kernel panic final

Gli iPhone hanno registrato molti più problemi di Android, nel Q2 2016 (foto)

Giuseppe Tripodi Lo dice la compagnia di analisi Blancco Technology Group ed è la prima volta nella storia che iOS risulta meno affidabile di Android.

Blancco Technology Group è una società che si occupa di sicurezza e sviluppa SmartChk, un importante software di diagnostica in grado di identificare i problemi di smartphone Android e iOS, utilizzato in diversi centri di riparazione per riparare i dispositivi.

Questa azienda pubblica periodicamente un report in cui condivide le statistiche raccolte tramite il proprio programma di diagnostica. Nel resoconto di agosto, relativo al secondo trimestre 2016, viene registrata un’importante inversione di tendenza: per la prima volta, sono stati registrati molti più problemi su iPhone che su smartphone Android.

Precisiamo che quel che la compagnia definisce failure è un qualsiasi problema relativo al lato software: si va dai crash delle app a disconnessioni del WiFi, passando per arresti improvvisi della fotocamera, problemi di risposta del touch e così via.

Tra tutti gli iPhone e iPad analizzati nel Q2, ben il 58% dei dispositivi iOS ha registrato un qualche tipo di problema, mentre solo il 42% è stato impeccabile lato software. Al contrario, il 35% dei modelli Android ha fallito un qualche tipo di test, ma il 65% ha superato senza intoppi l’analisi.

rapporto crash android ios

Ripetiamo che si tratta di un dato in controtendenza rispetto al passato: iOS era sempre risultato molto più stabile rispetto ad Android e la stessa Blancco Technology Group conferma questo dato.

Parlando dei singoli modelli, i dispositivi iOS che hanno registrato più crash di qualche tipo sono stati gli iPhone 6, seguiti da iPhone 6s, iPhone 6s Plus, iPhone 6 Plus e iPhone 5s. Per quanto riguarda il campo Android, la maggior parte dei dispositivi che hanno riscontrato problemi sono marchiati Samsung; seguono Lenovo, LeTV, Motorola e ASUS. Nello specifico, invece, lo smartphone che ha registrato più crash è il Le 1S, seguito da Le 1s Eco e Lenovo Vibe K5 Plus. In ogni caso, tenete presente che si tratta di statistiche fortemente influenzate dalla diffusione (ossia: è ovvio che gli smartphone Samsung e iPhone 6, tra i dispositivi più venduti al mondo, siano quelli su cui vengono registrati più problemi).

LEGGI ANCHE: Gli utenti iOS spendono (molto) di più per gli acquisti in-app

Passando alle cause di fallimento dei testi, su iPhone la maggior parte (65%) dei problemi sono causati da app che crashano, seguiti da problemi di WiFi e poi cuffie. Al contrario, su Android trionfano i guai con fotocamera e batteria, seguiti da problemi al touch e speaker.

Dulcis in fundo, passiamo alle app che crashano più spesso; su iOS il software più instabile è Snapchat, seguito da Instagram e Facebook. Su Android, invece, quale poteva essere l’app che crasha più spesso, se non Google Play Services?

Se volete saperne di più, nella galleria di seguito potete trovare un po’ di grafici che mostrano visivamente i problemi più comuni di iPhone e smartphone Android.

Via: PhoneArena
  • mirkone89

    Sbaglio o il grafico a torta è errato?

    • cro$tac€i

      Si non tiene conto delle proporzioni.

    • peppeuz

      Sì, è errato e credo riprenda le proporzioni del trimestre precedente.

      Lo avevo notato, ma era così nel report e non avrei potuto modificarlo, neanche volendo.

  • Mario I/O

    Io da una compagnia che non sa fare un grafico a torta non mi aspetto niente di buono.

    • peppeuz

      LOL

    • JC 4X

      ahahhhah 😀