icona-whatsapp-instagram-facebook-istock

WhatsApp inizierà a condividere i dati dei suoi utenti con Facebook

Giuseppe Tripodi -

Con un post sul blog ufficiale, WhatsApp ha annunciato uno storico cambiamento ai termini del contratto con gli utenti, nonché l’informativa per la privacy. Ci sono diverse novità “minori”, come ad esempio maggiori informazioni relative a crittografia end-to-end e chiamate vocali, ma il vero punto centrale è la condivisione di dati con Facebook.

A partire dalle prossime ore, infatti, vedrete apparire un popup che vi invita ad accettare i nuovi termini e, eventualmente e solo se lo volete, a condividere i dati dell’account con Facebook. Premesso che le nuove norme sono consultabili per esteso a questo indirizzo, vediamo cosa cambia.

LEGGI ANCHE: Adesso si possono inviare GIF in WhatsApp, più o meno

Condivisione dati tra WhatsApp e Facebook: cosa cambia?

In primo luogo, potete stare tranquilli: nulla di quel che inviate via WhatsApp verrà “letto” da Facebook, né messaggi, foto o quant’altro. Di questo potete esser certi perché la crittografia end-to-end implementata rende effettivamente impossibile la lettura dei dati scambiati tra due utenti da parte di terzi, anche da parte di Facebook stesso. Per maggiori informazioni sul protocollo di  crittografia utilizzato, Open Whisper System, potete dare un’occhiata al sito ufficiale.

Inoltre, WhatsApp non venderà i vostri dati a terze compagnie: gli unici a poter beneficiare delle informazioni relative al vostro account saranno Facebook e le altre aziende che fanno parte del gruppo (trovate l’elenco a questo indirizzo).

Detto questo, se accetterete le nuove condizioni, WhatsApp condividerà con Facebook alcune informazioni relative al vostro account, incluso il numero di telefono e l’ultimo accesso.

Questi dati permetteranno al social network di profilare meglio gli utenti, per offrire pubblicità mirata su Facebook, suggerire nuovi amici pertinenti, bloccare i messaggi di spam e proporre nuovi servizi. Come spiegato dal post, infatti, WhatsApp rimarrà gratuito e senza pubblicità, ma la società ha intenzione di aprire la propria piattaforma alle aziende.

WhatsApp, insomma, potrà essere utilizzato come servizio di assistenza dalle compagnie di cui siete clienti: ad esempio, potrete ricevere la conferma di un biglietto del treno acquistato, così come eventuali informazioni relative a ritardi di un aereo, ad un prodotto che volete acquistare che è tornato disponibile e così via. Insomma, tutte le comunicazioni che adesso avvengono via SMS, potranno avvenire su WhatsApp.

Tuttavia, c’è da riconoscere che non è ben chiaro quali saranno i limiti imposti alle aziende da parte di WhatsApp: il rischio che le “comunicazioni mirate” da parte delle società si concretizzino effettivamente in messaggi pubblicitari è alto e WhatsApp dovrà lavorare bene per evitare che questo avvenga.

Vale la pena specificare che, in ogni caso, la condivisione dei dati con Facebook non renderà il numero visibile su Facebook, ma sarà utile al social network e alle altre aziende affiliate per la profilazione degli utenti.

E se non ho un account Facebook?

La scelta vi riguarda comunque: non si tratta solo di associare l’account WhatsApp al proprio profilo Facebook, ma anche di condividere le informazioni personali con Facebook in quanto azienda. Insomma, anche se non avrete pubblicità mirata sul social network o altro, dovete comunque decidere se Facebook (in quanto azienda) potrà usare i vostri dati per fini statistici e quant’altro.

Come non accettare la condivisione dei dati tra WhatsApp e Facebook

Se tutta la vicenda non vi convince, è possibile non accettare la condivisione dei dati (numero incluso) con Facebook , e WhatsApp spiega qui come fare.

In sostanza, prima di cliccare su Accetto, dovrete cliccare sul piccolo tasto Leggi; vi si aprirà una nuova schermata, dove in basso troverete questa dicitura:

Condividi le informazioni del mio account WhatsApp con Facebook per migliorare le mie esperienze con inserzioni e i prodotti di Facebook. Le tue chat e il tuo numero di telefono non verranno condivisi su Facebok a prescindere da questa impostazione.

A questo punto dovete rimuovere la spunta accanto al messaggio e, successivamente, cliccare Accetto: in questo modo potrete continuare ad utilizzare il servizio, ma non condividerete i vostri dati con Facebook.

termini whatsapp

Inoltre, anche dopo aver accettato i nuovi termini, avrete 30 giorni di tempo per modificare la vostra scelta, andando su Impostazioni > Account > Condividi info account. Una volta terminato il mese di tempo, non potrete più cambiare questa impostazione.

condivisione account facebook whatsapp

 

  • Okazuma

    Con questa “scusa” rivenderanno tutti i numeri di telefono ai call-center per le liste profilate.
    Se non volete rotture di balle su cellulare, NON condividete questi dati

    • simone

      Il numero di telefono lo hanno già, quindi volendo possono aver già venduto il tuo numero

    • Giuseppe Tripodi

      Non gridiamo subito al complotto: c’è scritto esplicitamente che i dati non potranno essere venduti ad aziende terze.
      WhatsApp condividerà le info sugli account con Facebook e le altre società del gruppo (trovi l’elenco qui: https://www.facebook.com/help/111814505650678 ).

      Ci sono valide ragioni per non voler condividere le informazioni dell’account ma, a meno che FB non acquisti anche una ditta di call center, nessuno vi disturberà più o meno di prima.

      • L0RE15

        ok, non glieli venderanno: glieli faranno solo sbirciare per qualche ora…

        Non nascondiamoci dietro ad un dito: le grosse aziende hanno il coltello dalla parte del manico, i garanti non garantiscono una cippa (almeno in Italia) e un singolo utente (o anche gruppi, vedi class action) utente può far ben poco contro quei colossi! Colossi che, anche quando esagerano e vengono beccati, poi si vedono recapitare multe irrisorie…
        La veritá è triste e dice che dei dati i Grandi fanno quello che vogliono e le pagine di scartoffie da spuntare o firmare per il cliente sono, anzi, per certi versi un qualcosa che li rende ancora più lontani e più forti nei confronti del cliente!

        • peppeuz

          Facebook è una realtà talmente gigantesca che difficilmente avrebbe un qualche tipo di vantaggio nel vendere/condividere/fornire dati sui suoi utenti ad altre aziende. Preoccupazioni simil possono aver senso con aziende minori che effettivamente potrebbero trarre benefici economici nella vendita dei dati degli utenti, ma FB non ha difficoltà a portare a casa la pagnotta.

          Questo non implica in alcun modo che io sia contento nel sapere che il mio numero di telefono e le mie attività su WhatsApp andranno in mano anche a FB (infatti sono combattuto sul dare o meno il consenso), ma diciamo che tendo a fidarmi quando dicono che non venderanno i dati a terzi.

          • the

            Ok, però se è così adesso non è detto rimanga per sempre. C’è poco da fare, ogni tanto su vari siti ti compare “sono cambiati i termini di servizio, leggi qui”, e ti propongono una decina di pagine in legalese. A quel punto ciecamente schiacciamo su accetto, anche perché altrimenti non si usa più il servizio.
            In secondo luogo, ma che attività vengono condivise? In teoria le conversazioni di whatsapp sono criptate, guardano quando faccio l’accesso e se sono online tardi mi propongono pubblicità di caffè in facebook? Sarebbe la morte sua tra un buongiornissimo e l’altro!

          • peppeuz

            I dati più sensibili tra quelli condivisi sono il numero, la lista di amici e l’ultimo accesso: evidentemente queste tre informazioni combinate sono sufficienti per una profilazione utile degli utenti.

            Sulla crittografia delle chat non ci sono molti dubbi: utilizzano il protocollo più sicuro che ci sia, che tra l’altro è anche open source.

    • the

      Credo che se hai facebook messenger abbiano già il tuo numero. E comunque in qualche modo penso riescano ad avere il numero, io non ho facebook, ma comunque ogni tanto mi chiama sky dicendomi che hanno delle promozioni, e sanno il mio nome e cognome. Io sicuramente non do via tanto facilmente il mio numero quando le app me lo chiedono…

    • Michele Pattaro

      In Whatsapp,leggo che il numero non viene diffuso.

      • Tiwi

        è una balla

        • Michele Pattaro

          In ogni caso ho scelto di non aderire.

    • Tiwi

      tanto sarà fino al 25 settembre..poi sarà obbligatorio, almeno cosi leggo in giro

  • Simone Boschiroli

    Che bello non avere WhatsApp. Davvero davvero bello.

    • Henrysk

      Yap!

  • Quindi chi non ha un account FB non dovrà fare nulla ??

    • Giuseppe Tripodi

      No, anche chi non ha un account Facebook deve decidere se condividere o meno i dati.

      A prescindere che tu abbia o meno un profilo su FB, infatti, devi scegliere se il tuo numero di telefono e gli altri dati possano essere inviati o meno a Facebook in quanto azienda, che potrà utilizzarli anche a fini statistici etc.

      Però è una domanda legittima, adesso lo spiego meglio nel post.

  • Carmine

    Quindi in cambio del mio consenso cosa ottengo? pubblicità mirata, no grazie.

    • Tiwi

      la ottiene anche in cambio del tuo NON consenso

  • adorno

    Uhm chissà che questa scelta aiuti a creare un po’ di diffidenza intorno a WhatsApp spingendo gli utenti verso Telegram ed il futuro Allo.

  • Antonio

    Telegram, arrivo!

  • Tiwi

    è fatta..disistallato

    • Henrysk

      Cosa hai disinstallato?

      • Tiwi

        WA

  • Henrysk

    Fourtuna che WhatsApp non c’è l’ho, ma ho Telegram.