Pokémon GO Pokémon Vicini

Pokémon GO, ecco come funziona il nuovo sistema di tracciamento: ci sono anche i Pokémon vicini! (video)

Lorenzo Delli -

Come accennato nell’articolo di poche ore fa relativo all’aggiornamento 0.33.0 (Android) / 1.3.0 (iOS) di Pokémon GO, Niantic Inc. sta testando un nuovo sistema di tracciamento dei Pokémon diverso dal sistema a orme previsto nelle prime versioni del gioco, rimosso a causa di malfunzionamenti di vario genere.

Qualche fortunato giocatore in giro per il mondo sta già testando il nuovo sistema di tracciamento che Niantic ha intenzione di implementare in pianta stabile in Pokémon GO. La schermata dove prima potevamo trovare l’elenco dei Pokémon vicini e le relative orme è suddivisa in due, con una metà comprensiva dei classici Avvistamenti, l’altra dedicata invece ai Pokémon vicini.

Pokemon GO nuovo sistema tracciamento

Come si può notare dagli screenshot, la schermata Nearby (che dovrebbe essere tradotta con Vicini o con qualche sinonimo) mostra una serie di Pokémon collocati nei pressi dei pokéstop vicini. Premendo su uno di questi, e poi premendo il pulsante View, l’interfaccia di gioco effettuerà uno zoom all’indietro evidenziando il pokéstop. Proprio il pokéstop rimarrà poi evidenziato con un simbolo rosa nella vostra interfaccia di gioco.

I Pokémon vicini appariranno solo se siete a portata del pokéstop selezionato. La sezione relativa agli avvistamenti invece non vi fornirà informazioni a riguardo dell’eventuale avvicinarsi dei Pokémon, ma servirà solo a segnalarvi la loro presenza nei dintorni. Tappandoci sopra non accadrà nulla.

LEGGI ANCHE: Tutte le novità dell’ultimo aggiornamento di Pokémon GO

A quanto pare queste nuove funzionalità sono al momento esclusiva del suolo statunitense, e le prime testimonianze arrivano dalla cittadina di San Francisco. Non vi aspettate quindi di riceverla troppo presto: è possibile che venga introdotta stabilmente a partire dalla prossima settimana, o magari a settembre quando saranno stati effettuati più test in più città.

Fonte: TechCrunch