logo 3 italia final

ADUC invita gli utenti a denunciare 3 all’AGCOM

Giuseppe Tripodi

Nelle scorse settimane ha fatto molto discutere la decisione di 3 Italia di riportare l’Opzione 4G LTE a pagamento: dopo aver rimosso tutti i costi del 4G, l’operatore ha ripristinato il pagamento di 1€ al mese per poter beneficiare della sua rete più veloce.

Potenzialmente ancora più grave, sembrerebbe che l’operatore stia cercando di far pagare l’LTE anche sui contratti in abbonamento in cui l’accesso alla rete 4G era garantito da contratto e non da un’opzione aggiuntiva.

DA NON PERDERE: 3 Italia sta modificando i vecchi contratti per far pagare l’LTE?

Ma a prescindere di quest’ultimo cavillo, secondo l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori (ADUC) il ripristino del pagamento dell’LTE da parte di 3 non sarebbe una generica “variazione contrattuale” (come l’ha definita l’operatore), ma l’attivazione di un servizio non richiesto.

3 Italia, infatti, aveva precedentemente abilitato indistintamente il 4G a tutti gli utenti, attivandolo di default (anche a chi non ha uno smartphone che può beneficiare di questa tecnologia); portare poi l’opzione a pagamento costituirebbe quindi una pratica commerciale scorretta.

Per questo motivo, l’ADUC ha denunciato la questione all’AGCOM e invita tutti gli utenti che non sono d’accordo a fare altrettanto, suggerendo di:

Qualcuno dei nostri lettori si muoverà in tal senso? Fatecelo sapere nei commenti e, ovviamente, non mancheremo di aggiornarvi su sviluppi futuri.

Via: TariffandoFonte: ADUC