Corning Gorilla Glass 5

Corning presenta il nuovo Gorilla Glass a prova di selfie

Giuseppe Tripodi - Il nuovo Gorilla Glass 5 è in grado di resistere a cadute da altezze piuttosto elevate.

Corning ha svelato il Gorilla Glass 5, nuova versione dei suoi famosi pannelli di vetro chimicamente rinforzati in grado di resistere a graffi e cadute, già adottati da moltissimi produttori di smartphone.

Secondo quanto riferito dalla società, il Gorilla Glass 5 è stato realizzato per resistere a cadute da altezze elevate: dovrebbe essere a prova di voli dall’altezza delle spalle e anche gli amanti dei selfie più imbranati possono tirare un sospiro di sollievo, poiché Gorilla Glass 5 sopravvive all’80% di cadute da 1,6 metri.

LEGGI ANCHE: Qualcomm presenta Snapdragon 821

Questo nuovo modello è il doppio più resistente di Gorilla Glass 4, suo predecessore introdotto nel 2014, e garantisce una maggiore resistenza in caso di cadute su superfici irregolari.

Il Gorilla Glass 5 è spesso solo 0,4 mm (contro i precedenti 0,6 mm), per la gioia di tutti i produttori che vogliono puntare a smartphone con vetri più sottili. Attualmente il marchio Gorilla Glass è utilizzato da 4,5 miliardi di dispositivi in tutto il mondo, da moltissime aziende tra cui Samsung, HTC, Lenovo, Huawei, LG, HP e ASUS.

Via: TheVerge
  • .v.v.v.

    Vi siete dimenticati Sony! Ah no! Avete ragione voi! Sony monta vetri sconosciuti!
    (Neanche Dragontrail! Inutile affidarsi a wiki!)

    • peppeuz

      Il mistero dei vetri di Sony…! 😀

      • Obi-Wan

        su wikipedia dicono che Z3 e Z5 montano gorilla glass. In realtà anche modelli precedenti. Lo Z Ultra anche se non segnalato monta gorilla glass

  • Elektrosphere

    Ma infatti, Sony che cavolo di vetri monta?

    Comunque, i vetri diventano sempre più resistenti, mentre le scocche, sempre più delicate
    WTF

  • Già il Gorilla Glass 3 per i miei standard è indistruttibile figuriamoci il 5

  • Il Falso

    Sono anni che sento i soliti discorsi, ma alla fine il vetro alla gente si stronca sempre c’è poco da fare.