Italy's largest bank UniCredit is pictured in downtown Milan

Monhey, la nuova app UniCredit per pagamenti in mobilità (foto)

Leonardo Banchi

Che il futuro vada sempre più verso la possibilità di utilizzare il proprio smartphone per pagare non è certo una novità, ma allo stato attuale la situazione è decisamente tutt’altro che chiara e definita. La buona notizia per i clienti UniCredit, però, è il lancio della nuova app Monhey, che permetterà loro di effettuare pagamenti e molte altre operazioni collegate al proprio conto.

La banca in tasca

Monhey è dedicata agli utenti Android ed iOS che abbiano un conto corrente UniCredit o una Genius Card con Banca via internet attiva: tutti questi, dopo aver seguito la procedura di registrazione, potranno infatti gestire il proprio conto ed effettuare molte operazioni bancarie direttamente dal proprio smartphone.

LEGGI ANCHE: Con le nuove API di Google potremo pagare sul web con Android Pay

Le operazioni e funzionalità integrate nell’app sono davvero molte, e mirano a soddisfare le necessità della maggior parte dell’utenza conservando naturalmente un occhio di riguardo per la sicurezza. Con l’app Money potrete infatti:

  • Pagare i vostri acquisti avvicinando lo smartphone ai POS contactless
  • Inviare e ricevere piccole somme di denaro in tempo reale ai contatti in rubrica
  • Controllare le carte associate al conto
  • Confermare le operazioni con un codice di sicurezza o con la propria impronta digitale

Download gratuito

Monhey è disponibile gratuitamente per Android ed iOS. Se volete rendere davvero smart il vostro conto corrente UniCredit, potete quindi scaricarla sul vostro smartphone cliccando sul badge per il download gratuito che trovate a seguire.

Play Store badge

App Store badge

Fonte: Unicredit
  • NFC, giusto?

    • Ugo

      beh, i pos contactless vanno su nfc…

      • Pol Pastrello

        Ni; il comando del POS è NFC, viene generato un Token che lo smartphone invia tramite l’App attraverso la rete dati alla banca per effettuare la transazione …

  • Marco Lazzarotto

    L’applicazione rileva il root, ma si pui usare comunque con il modulo RootCloak