App-Android-final

Entro il 2020 spenderemo 102 miliardi di dollari all’anno per le app

Giuseppe Tripodi

La nota società di analisi App Annie ha pubblicato oggi un report relativo all’andamento degli Store delle applicazioni, i cui ricavi continuano a registrare un’importante crescita, anche grazie a mercati in cui gli smartphone sono in ascesa.

Ancora una volta l’App Store guadagna molto più, con ricavi quasi il 90% superiori rispetto a quelli del Play Store; questo dato è influenzato dagli abbonamenti tramite acquisti in-app di app come HBO NOW, Spotify e Netflix, ma solo in parte. Per quanto riguarda le categorie, le classifiche sono state dominate ancora una volta dalle app social: ai primi posti delle classifiche di USA, UK e Giappone troviamo Facebook, Facebook Messenger, LINE, Instagram, Snapchat e Twitter.

È interessante notare anche che i bot, settore in grande ascesa, vengono percepiti non come alternative delle applicazioni, quanto piuttosto come estensioni delle stesse.

LEGGI ANCHE: Passiamo sempre più tempo utilizzando lo smartphone

Passando al fattore economico, secondo le stime di App Annie, entro il 2020 spenderemo più di 102 miliardi di dollari all’anno in applicazioni (indifferentemente tra i vari Store e inclusi acquisti in-app); nel 2015 ne sono stati spesi 42 miliardi e per il 2016 è prevista una crescita del 24$, con un traguardo di 52 miliardi di dollari.

App Annie ricavi app

A contribuire a questa crescita ci saranno anche i paesi dove gli smartphone in ascesa: nella “classifica” stilata da App Annie troviamo India, Brasile, Argentina, Messico e Indonesia. Inoltre, c’è da tener presente che la fascia media del mercato è più valida e, col tempo, diventerà sempre più facile trovare dispositivi economici ma comunque molto validi.

app annie mercati emergenti

 

Via: AndroidAuthorityFonte: AppAnnie