Agcom

Oggi l’AGCOM deciderà come far rispettare l’Eurotariffa agli operatori

Giuseppe Tripodi -

A partire dal 30 aprile è entrata in vigore la nuova Eurotariffa, regolata dall’Unione Europea che stabilisce i costi massimi di roaming nei paesi del vecchio continente.

Tuttavia, non tutti gli operatori italiani hanno accolto la nuova tariffa europea in modo corretto: TIM e Wind sono già state denunciate dall’ADUC e, in generale, c’è ancora parecchia confusione tra gli utenti dei gestori italiani.

LEGGI ANCHE: Eurotariffa: cos’è e come cambia il roaming all’estero dal 30 aprile

Per questo motivo l’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha convocato i principali operatori mobili il 18 maggio e nella riunione del Consiglio di oggi, martedì 31 maggio, deciderà quali provvedimenti adottare per garantire che i gestori rispettino la normativa europea.

Via: Mondo3Fonte: AGCOM
  • Pol Pastrello

    Semplice … per far rispettare le regole sarebbe bastato che fosse previsto l’arresto dell’amministratore delegato delle compagnie TLC che non rispettano quanto previsto dai regolamenti. Se invece infliggono semplicemente delle sanzioni faranno orecchie da mercante come al solito … se il vantaggio economico è maggiore della sanzione che interesse avrebbero a rispettare i regolamenti?

    • eema

      La situazione delle tlc nei confronti delle regole è ridicola ma lo è altrettanto chiedere l’arresto per non rispettare queste regole..

      • Pol Pastrello

        Fare regole senza avere strumenti per farle rispettare equivale a non farle!
        Gli strumenti attuali non servono per dissuadere le compagnie TLC che bellamente hanno pure il coraggio di riproporre le stesse misure sanzionate con un altro nome …
        A me pare più ridicolo farsi prendere per i fondelli dai soliti noti … TIM in primis!

        • eema

          Gli strumenti attuali non servono per dissuadere => Arrestiamoli se violano queste regole!
          ma per favore..Diamogli strumenti SENSATI per farle rispettare piuttosto..

          • Pol Pastrello

            E quali sarebbero gli strumenti “sensati”? E’ a tua insindacabile discrezione?
            Gli strumenti attuali (sanzioni) non sono commisurati ai guadagni realizzati e quindi non servono a dissuadere gli operatori ad applicare comportamenti scorretti; ti basta vedere quello che è successo con TIM che ha riproposto la stessa opzione col silenzio-assenso sanzionata cambiandogli solamente il nome.
            Il buonismo e la ragionevolezza porta a questi risultati; trovo più ridicolo continuare a farsi prendere per i fondelli!

  • MeneS

    Chidendo agli operatori se per favore, almeno qusta volta, ci vengono in contro e in cambio verranno pagati?
    Perchè mi sembra che il potere di AGCOM sia di questo livello

    • Pol Pastrello

      Vai a vedere dove vanno a finire quelli di AGCOM a fine mandato e datti una risposta … 😉