force-feeling-phone-software-lets-mobile-devices-sense-pressure-orig-20160526

ForcePhone promette un force touch facile per tutti (video)

Massimo Maiorano

Ansiosi di provare il force touch sui vostri dispositivi senza troppi patemi d’animo? Sappiate che presso la University of Michigan è stato realizzato un sistema in grado di rispondere egregiamento alla vostra richiesta.

Il sistema è stato chiamato ForcePhone, e lavora esclusivamente lato software sfruttando microfono e speaker già presenti su un qualsiasi smartphone e tablet attualmente in commercio. ForcePhone forza il dispositivo ad emettere continuamente un suono18 kHz, che l’orecchio umano non può percepire, ma che il microfono integrato può tranquillamente sfruttare per rilevare tocchi aventi differente pressione (non solo sul display) grazie alla modifica del pitch, traducendo poi automaticamente il tutto in comandi da eseguire, come può essere l’apertura di un’applicazione o di un menù.

LEGGI ANCHEI dubbi su Project Ara del fondatore di Phonebloks

ForcePhone è comunque lontano dall’essere perfetto, tuttavia una demo del progetto sarà presentata nei giorni 27-29 giugno in quel di Singapore, al MobiSys 2016. Un’ottima idea dunque, che speriamo possa arrivare presto nelle mani di tutti.

Via: Engadget
  • Il sogno di qualunque ricercatore essere pagato per qualcosa di cui non frega nulla a nessuno. Dovendo emettere suoni in continuazione poi già mi immagino il consumo energetico.

  • realist

    (ForcePhone forza il dispositivo ad emettere continuamente un suono a 18 kHz, che l’orecchio umano non può percepire)

    Ma le vostre (poche) cellule impazziranno bwahahahahha

  • the

    Ma come l’orecchio umano non può percepire! Io riesco a sentire i 18 kHz, anche se è la zona che comincia ad essere attutita. Ma comunque i bambini sentono tranquillamente fino a 20 kHz ed oltre, mentre i cani sentono fino ad attorno ai 45 kHz ed i gatti 77 kHz. Già mi infastidiscono non poco i suoni per mandar via piccioni e gabbiani che sono attorno a quella frequenza, immagino la felicità di cani e gatti con telefoni che sparano 18 kHz in continuazione… E la felicità della batteria dei telefoni, gli altoparlantini dei telefoni sono molto sacrificati alle alte frequenze (ed anche i microfoni), quindi per compensare bisognerà alzare molto il volume, e di conseguenza il consumo. E per cosa poi? Per una gesture che può essere tranquillamente sostituita con il tenere premuto (cosa che avviene anche su iphone se per dire), o per dire qualcosa di più fine dalla rilevazione della dimensione dell’impronta del dito sullo schermo?