TIM

Unione Europea: l’opzione roaming di TIM non è legale

Giuseppe Tripodi

A partire dal mese di maggio i costi per il roaming in Europa sarebbero dovuti diminuire sensibilmente, grazie all’adozione della nuova Eurotariffa: tuttavia, le cose non sono andate esattamente come previsto, specialmente per i clienti TIM e Wind che si sono visti attivare automaticamente delle offerte che non avevano richiesto.

L’ADUC ha già denunciato il comportamento scorretto dei due gestori, ma mentre Wind consente facilmente di disabilitare l’opzione, l’offerta più fastidiosa è senza alcun dubbio l’Europa Daily Basic di TIM. L’operatore ha pensato bene di attivare questa opzione per tutti i suoi utenti, senza alcuna informazione in merito e senza la possibilità di disattivarla per passare all’Eurotariffa base, salvo chiamare il servizio clienti per spiegare le proprie ragioni ad operatori confusi che non sanno bene come agire.

LEGGI ANCHE: Cos’è e come funziona la nuova Eurotariffa?

È insomma evidente che l’Europa Daily Basic ha scatenato parecchio malcontento in rete e alcuni utenti hanno contattato direttamente la Commissione Europea, che ha risposto con una lettera firmata da Wolf-Dietrich Grussmann, responsabile del dipartimento DG Connect, che potete trovare in fondo.

Nel testo si legge chiaramente che le nuove regolamentazioni non permettono all’operatore di

applicare tali tariffe giornaliere o a costo fisso periodico come la tariffa base applicabile agli utenti all’entrata in vigore del regime transitorio. A maggior ragione, tali tipologie di tariffe non possono essere il solo piano tariffario disponibile per gli utenti. Al contrario, l’utente deve espressamente aderire a tali offerte

Inoltre, Grussmann assicura che il proprio dipartimento lavora a stretto contatto con le autorità nazionali per la regolamentazione del mercato (AGCOM, ad esempio), al fine di assicurare una supervisione e corretta applicazione delle disposizioni.

Insomma, sembra che non ci siano scusanti per TIM, che nell’ultimo periodo sta collezionando un’infrazione dopo l’altra: qualcuno di voi ha avuto problemi con la tariffa Europa Daily Basic negli ultimi tempi?

Gentile XXX,

Desidero innanzitutto ringraziarla per la sua email del 2 maggio 2016 inviata al Direttore Generale della DG CONNECT Roberto Viola, che mi ha chiesto di risponderle in sua vece. Nella sua email fa riferimento ad alcune anomalie concernenti il profilo tariffario di base per il roaming applicato da un operatore italiano. A tale riguardo, desidero sottolineare che il Regolamento Roaming (UE) No 531/2012 prevede una regolamentazione generale dei servizi roaming nell’Unione, che include sia una regolazione dei prezzi che delle salvaguardie a tutela della trasparenza delle offerte e del consumatore.

In merito alla regolazione dei prezzi al dettaglio, a partire dal 30 Aprile 2016 è entrato in vigore il regime transitorio previsto dal Regolamento Roaming (UE) N. 531/2012 come modificato dal Regolamento (UE) N. 2015/2120 (in seguito Regolamento Roaming); tale regime prevede che gli operatori possano ancora applicare alle condizioni domestiche un sovrapprezzo per il roaming pari agli attuali prezzi massimi all’ingrosso regolamentati, ovvero 0,05€ al minuto per le chiamate effettuate, 0,02€ per SMS inviato, 0,05€ per MB di traffico dati e 0,0114€ al minuto per le chiamate ricevute, purché la somma totale non superi rispettivamente 0,19€ per minuto di chiamate effettuate, 0,06€ per SMS inviato e 0,20€ per MB di traffico dati (il livello massimo della vecchia Eurotariffa). Questo regime transitorio si applica fino alla definitiva abolizione del sovrapprezzo applicato al traffico roaming utilizzato quando si viaggia periodicamente all’interno dell’Unione, previsto per il 15 Giugno 2017, a seguito della revisione dei mercati roaming all’ingrosso.

Questo regime transitorio dovrebbe già comportare importanti benefici per i consumatori, con una sostanziale diminuzione del prezzo per il roaming in particolare laddove la tariffa domestica preveda un pacchetto dati/minuti/SMS ad una cifra fissa, poiché in tal caso per il traffico roaming consumato all’interno del pacchetto, solo il primo sovrapprezzo summenzionato può essere richiesto dall’operatore, non il livello massimo.

In aggiunta alla summenzionata regolazione dei prezzi, il Regolamento Roaming prevede delle tutele nel caso in cui un abbonato decida di abbandonare il regime di base ed aderire ad una tariffa alternativa.

In particolare, durante il regime transitorio, l’articolo 6 sexies comma 1 del Regolamento Roaming prevede che tale paragrafo “non preclude la possibilità di offrire ai clienti in roaming, per una tariffa giornaliera o qualsiasi altro costo fisso periodico, un certo volume di consumo di servizi in roaming regolamentati, a condizione che il consumo dell’intero importo di tale volume conduca a un prezzo unitario per chiamate in roaming regolamentate effettuate, chiamate ricevute, SMS inviati e servizi di dati in roaming che non superi il rispettivo prezzo al dettaglio nazionale e il sovrapprezzo massimo di cui al primo comma del presente paragrafo”. Questa disposizione di fatto ammette la coesistenza di tariffe già sviluppate durante i precedenti regolamenti roaming, basate su tariffe fisse periodiche piuttosto che sulla tariffazione a consumo, con la tariffa base basata sul regime transitorio.

Tuttavia, tale disposizione non permette all’operatore di applicare tali tariffe giornaliere o a costo fisso periodico come la tariffa base applicabile agli utenti all’entrata in vigore del regime transitorio. A maggior ragione, tali tipologie di tariffe non possono essere il solo piano tariffario disponibile per gli utenti. Al contrario, l’utente deve espressamente aderire a tali offerte.

Mentre la Commissione Europea non ha il potere di intervenire su dispute individuali fra consumatori e operatori, il Regolamento Roaming prevede che le autorità nazionali di regolazione, come AGCOM in Italia, “verificano e vigilano sull’applicazione del presente regolamento all’interno del proprio territorio”.

A tale riguardo, le Linee Guida recentemente adottate dal BEREC2, l’organo che coordina a livello europeo le autorità nazionali di regolazione nel campo delle comunicazioni elettroniche, al fine di guidare gli operatori nell’applicazione corretta applicazione del Regolamento Roaming e le autorità di regolazione nell’assicurare una supervisione ed applicazione coordinata di tali disposizioni in tutta Europa, fornisce degli importanti elementi per garantire la piena trasparenza ed informazione per i consumatori, al fine di evitare pratiche commerciali abusive che vanifichino i benefici del regime transitorio. In particolare il paragrafo 16 di tali Linee Guida in merito a tali tariffe a pagamento fisso giornaliero o periodico durante il periodo transitorio chiarisce che il consenso dell’utente è necessario per poter trasferire l’utente verso tali piani tariffari.

Infine, i miei servizi sono in stretto contatto con le autorità nazionali di regolazione, inclusa in particolare AGCOM, e BEREC al fine di assicurare una supervisione ed applicazione coordinata di tali disposizioni in Europa.

Spero che tali informazioni le risultino utili.

Distinti Saluti, Wolf-Dietrich

Via: HWUpgrade
  • TheJedi

    Ma nessuno parla dei costi di Tre che sono anch’essi non a norma.

    • Alessandro

      Avoja se ne parlano, solo che ormai la cosa è risaputa. Mentre da wind e Tim uno non si aspetta certe pratiche

      • TheJedi

        Io non vedo lettere dell’UE, azioni del AGCOM, so solo che nonostante gli aumenti dell’Eurotariffa dovrebbero essere intorno ai 6 cent, io ne ho molti di più, con il picco su internet.

        • Alessandro

          Perché sono tutti ladri, purtroppo

  • Honor 6+

    Quando mai le cose sono legale in Italia…..!semmai truffatori legalizzati verrebbe da dire

  • Pol Pastrello

    TIM? Sta per Truffatori Incalliti Meschini?
    Conosco un caso di una Internet Key con la tariffazioni ad ore che effettuava due collegamenti contemporaneamente consumando il doppio delle ore. All’utente veniva impedito di controllare il log delle connessioni per poter far valere le proprie ragioni … per problemi di privacy a detta loro.
    Una volta messi spalle al muro hanno regalato un tot di ore che si sono consumate anche queste con connessioni multiple contemporanee … e ci sono pure connessioni nelle ore notturne con chiavetta spenta (non alimentata da corrente).

  • francone

    Finalmente!

  • vicioman

    Certo che nelle varie associazioni di categoria o agenzie di controllo devono essere arrivate persone a cui TIM non sta molto simpatica…

    • Alessandro

      Possibile, ma certo che anche Tim ci sta mettendo del suo

  • luigi gimmi

    Errore: LETTERA COMMISSIONE “EUOPEA”

  • Ingorante

    Anche Wind aveva tentato di fare LA TRUFFA. All’inizio pareva non si potesse disabilitare… comodo per chi abita vicino ai confini di stato: ti scalano soldi senza motivo.

    • Guarda che è illegale anche disabilitandola, perché se hai all inclusive i minuti inclusi dovrebbero valere anche all’estero. Al momento, l’unica che fa così è vodafone.

  • Account

    Ogni giorno c’è una notizia sull’operato “illegale” della TIM. È quasi imbarazzante.

    • Zio68

      Devono rientrare dei soldi spesi per il nuovo logo

      • L0RE15

        …ma non lo hanno pagato “in natura” con minuti, sms e GB gratuiti?! (ovviamemte spendibili in Italia ma anche in Europa)

  • mario

    l’hanno passata liscia tante di quelle volte che non riescono a credere a quello che succede negli ultimi tempi

  • Giovanni Bonvento

    La Tre è l’operatore più subdolo. Ha lasciato che Tim e Wind fossero palesemente più illegali di lui per passare inosservato 😀

  • Qualcosa si muove. Non è legale neanche quella di Wind, perché anche disattivandola non tiene conto del fatto che i minuti che hai in Italia devono essere fruibili anche all’estero. Perciò speriamo che si pronuncino anche su quella. Io intanto sto per passare a vodafone.

    • Barbatex

      Dove c’è scritto che i minuti di una promo devono essere fruibili all’estero?

      • Giovanni Bonvento

        nel regolamento EU 2120/2015. Trovi il documento originale sul sito dell’Unione Europea. Anche la 3 allo stato attuale infrange la legge.

        • Barbatex

          Ehm. Qui non c’è scritto.

          • Sì che c’è scritto, guarda l’immagine

          • Barbatex

            Ah. L’avevo saltata. Grazie per l’info.

  • cip93

    Giusto approfittarsene giusto anche pagare care aziende