Galaxy X display

Guardate come si piega il display flessibile di Samsung! (foto e video)

Giuseppe Tripodi -

Come abbiamo anticipato ieri, in occasione del SID 2016, conferenza annuale che si sta tenendo a San Francisco, Samsung ha mostrato al mondo il suo display flessibile che, secondo alcuni rumor, potrebbe essere montato a bordo di Galaxy X.

Si tratta di uno schermo da 5,7″ con risoluzione full HD (1920 x 1080 pixel), ma è incredibilmente sottile: 0,3 mm (e peso di 5 grammi), che fa sin modo che il display possa arrotolarsi lungo un tubo con raggio di 10 mm. Tuttavia, c’è da considerare che in un eventuale modello commerciale lo spessore dovrà necessariamente aumentare, in quanto nel modello mostrato al SID non è incluso il pannello touch. Inoltre, bisognerà trovare lo spazio per la batteria, dato che lo schermo che potete vedere nel video in fondo è alimentato esternamente.

LEGGI ANCHE: LG G Flex 3 arriverà ad IFA 2016 e sarà un G5 curvo?

Ma quello di cui abbiamo parlato finora non è l’unico display flessibile mostrato da Samsung: c’è anche un modello da 5,7″ con risoluzione QHD (2560 x 1440 pixel) e luminosità di 420 nit, ma che possiamo mostrarvi solo nelle foto in fondo (nessun sistema automatico di piegamento per questo).

Sebbene sia piuttosto facile immaginare futuri utilizzi per questi display, il fatto che esistano mockup e prototipi funzionanti non implica necessariamente che li vedremo effettivamente a breve, ma il video di seguito potrebbe farvi ben sperare.

Display flessibile Quad HD

Display flessibile Full HD

Via: SlashGear
  • HIkkI78909

    Ma la funzionalità effettiva di questa aggeggi? Che senso ha arrotolarsi lo smartphone in tasca?

    • the

      Sono delle tecnologie intermedie a quella definitiva, che sarà quella che ci farà avere dei telefoni piegati in due o in tre, praticamente tablet quando li usi, e grandi come gli attuali per metterli in tasca. Allo stato attuale il massimo che si riesca a fare con questa tecnologia sono gli schermi edge. Per quanto funzionalmente inutili almeno ce la fanno a monetizare con una tecnologia non definitiva!