radio FM

Una petizione ha riportato la radio FM negli smartphone USA

Giuseppe Tripodi

Sono moltissimi gli utenti che rimpiangono gli smartphone dotati di radio FM, una funzione sempre meno presente nei dispositivi moderni. Tuttavia, come abbiamo già spiegato, molto spesso non si tratta di una mancanza hardware, ma semplicemente di un’oculata scelta influenzata dagli operatori, che preferiscono che gli utenti utilizzino le radio online per ovvi motivi economici.

Alla luce di questa evidenza, negli Stati Uniti era stata lanciata una campagna chiamata Free Radio on my Phone, che ha portato grandi risultati: operatori come T-Mobile, Sprint e AT&T hanno accettato di sbloccare le radio FM sui loro dispositivi, come testimonia il recente aggiornamento dei Galaxy S7 e Galaxy S7 edge di T-Mobile, che ha proprio introdotto il supporto alla radio.

LEGGI ANCHE: Il vostro smartphone potrebbe avere una radio FM, anche se non lo sapete

La campagna è stata supportata anche da nomi importanti del settore, quali National Public Radio, American Public Media e Federal Emergency Management Agency, ma non è ancora riuscita a piegare Verizon ed Apple. Adesso Free Radio on my Phone si è spostata verso il Canada, dove gli operatori Bell e Rogers hanno rilasciato dichiarazioni che fanno ben sperare.

Anche in Italia la situazione delle radio FM su smartphone non brilla e sono davvero pochi i dispositivi che la integrano: quanti tra i nostri lettori rivorrebbero questa funzione sui propri smartphone? Fateci sapere cosa pensate sull’argomento nei commenti qui sotto.

Via: Phandroid