Videochiamate WhatsApp

WhatsApp potrebbe introdurre la segreteria telefonica

Giuseppe Tripodi -

Sembra che WhatsApp stia spingendo ancora su funzioni che esulano dai normali messaggi di testo: dopo averci suggerito le videochiamate, adesso le traduzioni anticipano l’arrivo di una possibile segreteria telefonica.

Tra le stringhe da tradurre, infatti, si legge proprio Voice mail, che lascia intuire la possibilità di lasciare un messaggio quando qualcuno non risponde ad una chiamata.

LEGGI ANCHE: WhatsApp vuole sostituire le mail nell’invio di documenti?

Certo, c’è già la possibilità di registrare un messaggio vocale come alternativa al messaggio di testo, ma la dicitura Voice mail potrebbe implicare una sorta di registrazione automatica nel caso qualcuno non risponda. Attualmente la stringa è presente solo nelle traduzioni dell’app per iPhone, ma possiamo assumere che, nel caso venisse rilasciata, una funzione simile arriverà in breve tempo anche su Android.

Via: SmartDroid
  • Danilo74

    un’altra idea rubata a ciaoim?

  • TheAlabek

    Ma vale la pena?
    Mandare un Audio non ha la stessa funzione?

  • L0RE15

    non capiaco tutta questa voglia di usare whatsapp per le chiamate visto che:
    – qualunque operatore regali minuti a profusione e la qualita’ di una chiamata GSM e’ mille volte mwleglio di quella schifosa vista sino ad oggi con WA
    – chiamare con WA fa sprecare MB di traffico dati che, contrariamente ai minuti di chiamate su rete GSM, nessuno regala…anzi costano cari…
    – terroristi, delinquesti o spaccoatori a parte, non vedo un reale motivo per voler bypassare le classiche chiamate che, oggi come oggi, sono intercettate quotidianamente (almeno, io personalmente non ho nulla da nascondere e, a fine chiamata, saluto sempre gli eventuali “ascoltatori esterni”, giusto per cortesia)
    – non capisco cosa ci possa guadagnare WA/FaceBook visto che non penso siano in molti quelli che ancora non usano la messaggistica di WA e decidano di cominciare invogliati dalla funzione telefono…(mi riferisco quindi al potere dinl WA di portare nelle mani di FaceBook un grande imbuto di raccolta di dati personali, soprattutto di chi non usa FaceBook)…