Surface Phone Panos Panoy

Surface Phone potrebbe arrivare ad aprile 2017, insieme a Redstone 2

Giuseppe Tripodi

Negli ultimi mesi abbiamo parlato più volte di Surface Phone, l’attesissimo smartphone che si spera possa risollevare le sorti di Windows 10 Mobile. Oggi si torna a parlare di questo dispositivo in seguito alle parole di Terry Myerson, dirigente Microsoft che ha ribadito l’impegno dell’azienda verso il suo sistema operativo mobile, suggerendo prodotti di prossima generazione che saranno particolarmente apprezzati dal settore business.

Sembra sempre più evidente che Lumia 950 e Lumia 950 XL siano stati dei tappabuchi, che non hanno destato grande successo tra il pubblico, anche a causa di un sistema operativo molto acerbo al lancio.

Windows 10 Mobile sta crescendo velocemente e alcune novità di rilievo arriveranno al grande pubblico con Redstone 1, il primo major update, divenuto noto anche come Windows 10 Anniversary Update, che verrà rilasciato quest’estate.

Surface Phone e Redstone 2

Il Surface Phone arriverà insieme a Windows Redstone?
Il Surface Phone arriverà insieme a Windows Redstone?

D’altronde, come più volte suggerito, le principali novità di Windows 10 Mobile verranno rilasciate con Redstone 2, un aggiornamento del sistema operativo che sarà orientato ai dispositivi mobili. Inoltre, nelle ultime ore si è sentito parlare anche di Redstone 3, su cui non ci sono ancora troppe notizie.

La Redstone 2 arriverà ad Aprile 2017 e ci sono buoni motivi per pensare che il Surface Phone verrà annunciato insieme a questo major update.

Il punto di forza su cui Microsoft punterà tutto è l’accoppiata Continuum e app Win32, che renderanno il dispositivo una vera alternativa ai computer: la società di Redmond dovrà giocare molto sul settore business, focalizzandosi su sicurezza e produttività.

LEGGI ANCHE: Editoriale: Perché Microsoft deve uccidere i Lumia e reinventare il mobile

Per quanto riguarda l’esecuzione delle app Win32, si è parlato spesso della possibilità che il Surface Phone possa adottare un’architettura x86 (basata su SoC Intel) per riuscire nell’impresa, ma non è da escludere l’idea che Microsoft possa preferire una soluzione basata sul cloud, con i software che vengono eseguiti in remoto, simile a quella implementata da HP nel suo Elite x3.

Insomma, Microsoft si giocherà tutto nel 2017 e potrebbe trovarsi davanti alla possibilità di rivoluzionare il mercato mobile ed accelerare l’integrazione con i desktop, lasciando indietro (almeno su questo settore) i due più agguerriti concorrenti, Android e iOS.

Fonte: Windows Central