8.5

Pang Adventures (1)

Pang Adventures – come fare un remake (recensione)

Giorgio Palmieri Non avrete bisogno dei gettoni, almeno questa volta.

Nel corso degli anni, la francese DotEmu si è specializzata nell’adattamento mobile di perle videoludiche, un’operazione limitata però al solo porting. Con Pang Adventures, invece, la società ha deciso di sperimentare qualcosa di fresco creando, in collaborazione con Pastagames, un gioco nuovo basato su un franchise del passato. Scopriamo insieme come si è comportato sotto il nostro temibile torchio.

Duecento lire

Noto come Buster Bros. in America e Pomping World in Giappone, la serie Pang di Mitchell Corporation e Capcom nasce nel 1989 dalle ceneri del meno conosciuto Cannon Ball della Hudson Soft.

Pang Adventures (4)

Le regole del gioco sono molto semplici e allo stesso modo originali: l’obiettivo è distruggere dei palloni colorati in schemi sempre differenti con un arpione chiamato “pungiglione”. Quando le sfere vengono colpite, si scompongono in due più piccole, fino a scomparire una volta raggiunta la dimensione minima. Il protagonista può sparare solo in alto e solo un arpione per volta, che sparisce quando tocca una qualsiasi cosa. Le palle scoppiano sia toccando l’arpione stesso, che la corda lasciata da quest’ultimo, la quale può fungere anche da copertura. È imperativo schivare i globi colorati, poiché una sola collisione porterà il giocatore alla sconfitta.

Pang Adventures prende di peso il concept dell’originale e lo farcisce con nuovi contenuti e una grafica modernizzata a dovere. DotEmu e Pastagames non si sono piegate agli standard moderni del free-to-play, e hanno deciso di proporre la sua creatura a 2,99€ (senza acquisti in-app) mantenendo intatta la struttura tipicamente arcade della saga, anche perché, per chi non lo sapesse, il titolo era nato per i cabinati.

Pang Adventures (8)

Benché non sia celebre quanto altri giochi coin-op, e nonostante ritenessimo che la serie avesse già detto tutto nelle sue prime incarnazioni vista la lunga assenza sulla scena, Pang Adventures riesce non solo a meritarsi il nome dell’originale nel titolo, ma anche e soprattutto a superare la qualità dei predecessori. L’esperienza di gioco trasuda nostalgia da tutti i pori, ed è capace di offrire un intrattenimento di spessore sulle piattaforme mobili (e non solo, visto che Pang Adventures è disponibile anche su PlayStation 4, Xbox One e PC).

Rompi sfere di professione

Il gameplay non ha subito nessuno stravolgimento, e la transizione sul touchscreen è stata indolore: ci si può muovere a sinistra e a destra con i due pulsanti a schermo, mentre la pressione sull’apposito bottone consente di sparare con l’arpione (volendo il gioco supporta i gamepad). La peculiarità del gioco sta nell’impossibilità di saltare. Pertanto si è costretti ad evitare con meticolosità ogni pericolo e a conoscere perfettamente la propria arma e le sue dinamiche.

Le novità introdotte, non moltissime ma di spessore, vertono perlopiù sull’espansione del gioco originale, con nuove tipologie di armi (lanciafiamme e le stelle ninja, giusto per citare due esempi), nemici, livelli e nuove situazioni di gioco le quali cercano di valorizzare al meglio tutte queste idee. Gli oltre cento stage disponibili sono caratterizzati da sfere di colori e movimenti diversi, e soprattutto di tipologie diverse, come quelle esplosive, elettrizzanti e addirittura infuocate.

È interessante constatare come gli sviluppatori si siano impegnati con il level design, offrendo livelli dal sapore action affiancati ad altri che prevedono una minima parte di puzzle solving, con altrettanti che presentano persino dei boss, senz’altro divertenti ma veramente poco differenziati l’uno dall’altro.

Il rischio noia e ripetitività, per la sua natura arcade e rétro, purtroppo c’è sempre, e se la formula non saprà rapirvi difficilmente riuscirete a completare tutta l’avventura. L’offerta contenutistica garantisce però due modalità oltre alla classica Tour Mode: la prima, denominata Score Mode e sbloccabile dopo aver completato la Tour Mode, vi invita a completare l’intero gioco con tre sole vite, senza possibilità di continuare.

La Panic Mode è invece la punta di diamante, una sorta di survival molto divertente nella quale le bolle colorate vengono generate costantemente e in maniera casuale, e lo scopo è sopravvivere il più a lungo possibile. Una delle mancanze più grandi a livello contenutistico è la cooperativa, presente invece nelle edizioni console e PC.

Pang Adventures (6)

Concludendo, l’aspetto grafico è stato notevolmente pulito e potenziato, con dei protagonisti che sembrano uscire da un episodio dei Pokémon. Lo stile non sarà dei più ispirati, ma il colpo d’occhio è molto piacevole e coerente con i predecessori. Possiamo quindi ritenerci più che soddisfatti su questa prima operazione di rinfresco realizzata da DotEmu e Pastagames.

8.5

Giudizio Finale

Pang Adventures è un valido remake capace di farsi apprezzare dai fan di vecchia data, nonché in grado di ritagliarsi una nuova cerchia di appassionati delle esperienze arcade. C’è lo stesso odore dei cabinati, la medesima azione tipicamente anni novanta, un divertimento rétro che ben si sposa con lo smartphone nonostante l’età del concept.

PRO CONTRO
  • Estremamente divertente e gratificante
  • Esperienza arcade senza orpelli
  • Le novità introdotte sono coerenti con il gioco originale
  • Nessuna vera e propria evoluzione
  • L’assenza della co-op si fa sentire

App-Store-badge

Google Play Badge

  • ale

    ovviamente.. è …caro…

  • Danilo Eucaliptus

    Madóooo che notiziaaaaa , fantastico pang !!!!!! Quanti ricordiiiiii

  • Quanti ricordi <3