roaming istock final

Iniziano con Wind le riduzioni dei prezzi per l’estero

Giuseppe Tripodi

Quando lo scorso anno parlavamo delle nuove normative dell’Unione Europea che avrebbe ridotto e poi eliminato i costi di roaming, aprile 2016 ci sembrava ancora molto lontano. Ma adesso la scadenza è (quasi) arrivata: a partire dal 30 aprile, tutti gli operatori dovranno adeguarsi e ridurre i costi di roaming.

La prima a dare un annuncio in tal senso è stata Wind, che ha comunicato la sua nuova tariffa per l’estero. All’interno dell’Unione Europea, per un costo di 2€ al giorno, avremo a disposizione:

  • 15 minuti per chiamare
  • 15 minuti per ricevere
  • 15 SMS
  • 50 MB di traffico internet

LEGGI ANCHE: Wind presenta un nuovo canvass

Come potete vedere da voi, non si tratta di un’offerta così conveniente, ma rientra comunque all’interno dei canoni previsti dall’Unione Europea.

Al superamento delle soglie, il costo per le chiamate effettuate è di 9 cent/min, per quelle ricevute è di 1,39 cent/min, per gli SMS inviati è di 5,7 cent/SMS e per la connessione dati è di 6,4 cent/MB. Le chiamate effettuate hanno una tariffazione al secondo dopo il primo scatto di 30 secondi, quelle ricevute sono tariffate a secondi, la connessione dati è tariffata a Kbyte.

Potete leggere tutte le novità di Wind per l’estero a questo indirizzo.