WhatsApp crittografia

Tutte le comunicazioni via WhatsApp sono da oggi crittografate (foto)

Nicola Ligas - Messaggi, note vocali, chiamate, ecc. La crittografia end-to-end è completa in WhatsApp.

Da oggi WhatsApp è completamente crittografata, questo significa che tutte le comunicazioni scambiate tramite l’app sono sicure, e questo include messaggi (già da tempo crittografati), chat di gruppo, allegati, note vocali, e chiamate, indipendentemente dal sistema operativo utilizzato: Android, iOS, Windows Phone, Nokia S40, Nokia S60, Blackberry, e BB10, a patto che venga utilizzata l’ultima versione dell’app.

WhatsApp invierà una notifica all’interno delle chat agli utenti quando le loro conversazioni utilizzeranno la crittografia end-to-end, e lo stato di crittografia di ogni chat sarà visibile nelle informazioni della stessa. Ecco alcun esempi di messaggio, sia per chat singole che gruppi.

I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end. Tocca per maggiori informazioni.

I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end. Tocca per confermare.

I messaggi che invii in questo gruppo sono ora protetti con la crittografia end-to-end. Tocca per maggiori informazioni.

Cui segue un ulteriore chiarimento, diverso a seconda che sia una conversazione singola o un gruppo:

I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end, il che significa che WhatsApp e terze parti non possono leggerli o ascoltarli.

I messaggi che invii in questo gruppo sono ora protetti con la crittografia end-to-end, il che significa che WhatsApp e terze parti non possono leggerli.

In caso di problemi, come ad esempio se tutti i partecipanti ad un gruppo non avessero ancora aggiornato all’ultima versione di WhatsApp, otterrete un messaggio simile:

I messaggi che invii in questo gruppo non sono crittografati end-to-end perché i seguenti destinatari devono aggiornare WhatsApp:

Se vorrete maggiori informazioni, sarete semplicemente rediretti sul sito di WhatsApp nella parte relativa alla sicurezza: https://www.whatsapp.com/security/. Premendo su Conferma visualizzerete invece il codice di sicurezza relativo a quella conversazione.

Una volta che un contatto sarà riconosciuto come tale, non verrà più scambiato testo in chiaro con questo, nemmeno se dovesse effettuare un downgrade dell’app. Alla fine tutti i client non compatibili scompariranno, e le nuove versioni di WhatsApp non accetteranno ne trasmetteranno testo in chiaro.

LEGGI ANCHEBlackBerry si esprime sul caso Whatsapp e Facebook

Per verificare l’autenticità della propria sessione, gli utenti potranno scansionare un apposito codice QR presente nelle impostazioni dell’app, ma se voleste ulteriori dettagli tecnici, li trovate in questo PDF.

Play Store badge

App Store badge

WindowsStore_badge_Italian_it_Black_small_154x40

BB Badge

Fonte: Open Whisper Systems
  • enricorov

    E’ sorprendente la lentezza di Whatsapp rispetto a Telegram.

    Un anno fa, mi lamentavo del fatto che Whatsapp non crittografasse i messaggi.
    Ora Telegram ha canali, bot, supergruppi, e continua ad avere le menzioni, gli hashtag cliccabili, gli sticker.
    Ora Whatsapp crittografa i messaggi.

    • Fighi Blue

      #megliotelegram in poche parole

    • Mattia

      Anche Signal è molto buono, lo sto provando in questi giorni 🙂

    • monline79

      Veramente Whatsapp è circa 1 anno e mezzo che usa la end-to-end per i messaggi. Leggi bene l’articolo…

    • Mattexx

      Peró Whatsapp é Whatsapp altro che Telegram. A quelli di Telegram gli piacerebbe avere lo stesso numero di utenti che c’ha Whatsapp un’app che riusciva stargli sopra anche quando si pagava un’abbonamento annuale.

      • enricorov

        Whatsapp ha la sua base d’utenza perchè è apparsa nel momento giusto sul mercato. E’ ovvio che chi usa Whatsapp da una vita non ha voglia di passare ad un’altra applicazione, specie se non è interessata alle funzioni aggiuntive.

        E’ però vero che chi ha interesse in queste funzioni troverà Telegram migliore.

      • Fotonic

        Questo ti fa solo capire quanto la gente è pecora.

        • Mattexx

          Ora c’é CiaoIM l’app rivoluzionaria di Stonex che é una spanna sopra tutti ma quasi nessuno se la usa

          • Fotonic

            Fantastico, ho letto adesso ma purtroppo arrivo tardi.
            Vabè, aspettiamo l’app di messaggistica dell’FBI a questo punto, privacy e criptatura alle stelle. 🙂

    • s789

      Con Telegram puoi anche telefonare?

      • enricorov

        No, ma sticazzi. Ogni singola chiamata con Whatsapp non partita accidentalmente in un nanosecondo era disturbata/problematica/muta. Una applicazione di messaggistica serve per i messaggi, non per chiamare. C’è Skype per quello.

        • Alessandro Fiorito

          Quindi un’app di messaggistica è inutile che faccia chiamare, però è un di più il fatto che si possano ricevere news (feed rss questi sconosciuti) e cercare gif. Va be’.

          • enricorov

            Ma perché dovrei usare un’altra applicazione per i Feed RSS quando posso avere tutto qua? È sempre comunicazione scritta, quindi è giusto che sia integrata in Telegram.

            Non ho mai detto che chiamare tramite Whatsapp è ‘inutile’. Ho riportato la mia esperienza, che è sempre stata pessima, anche con una buona connessione.

            Lo ribadisco ancora una volta: ognuno è libero di fare quello che gli pare.

          • Alessandro Fiorito

            Ma tu puoi usare l’applicazione che vuoi per leggere i feed, figurati – ho provato i canali di Telegram, alcuni li troveranno comodi ma nulla a che vedere con una vera app per RSS com Feedly – ciò non toglie che sia una funzione assolutamente secondaria rispetto a quello a cui serve l’app. Il punto è che nell’altra conversazioni mi esalti funzioni assolutamente superflue, per quanto lecite e comunque un di più. Qua invece si parla di una delle poche funzioni correlate alla messaggistica e mi dici che “una applicazione di messaggistica serve per i messaggi, non per chiamare.” La coerenza dove?

            PS. Ho provato anche le chiamate su Wapp, a volte non sono un granché ma a volte ho fatto chiamate pulitissime Italia – Svezia in 3G, dipende molto ovviamente dalla connessione di chi ti riceve. Skype in movimento non l’ho mai usato, quindi non so se funzioni molto meglio, in ogni caso compensa con un’app poco funzionante e che consuma molta batteria. Ma anche fosse migliore, il discorso è lo stesso: Feedly funziona molto meglio per ricevere news che Telegram; usa Feedly, no?

          • enricorov

            Quando ho detto che secondo me le chiamate non sono importanti intendevo che a me, in un’applicazione di messaggistica, delle chiamate non importa, come penso sia per la maggior parte dell’utenza, che ha un piano dati+chiamate+sms. Se devo chiamare, uso le chiamate normali, o Skype quando sono sotto wifi.

            I canali sono un ‘in più’, è vero, ma a me sembra una cosa molto utile, e pratica.

            Comunque, tornando al punto, i motivi per cui sono uso Telegram e non Whatsapp sono i seguenti:

            – Più client indipendenti, sopratutto utilissima la versione web.
            – Citazione dei messaggi, praticissima nei gruppi.
            – Customizzabilità del client (uso Plus messenger, per i temi).
            – Tutto il resto, di cui all’utente medio non importa nulla (canali, bot, supporto alle .gif, eccetera)

      • Simone

        Se la qualità è quella di wa preferisco non poter telefonare

    • Alessandro Fiorito

      Tutto gli si può dire a Wapp, tranne che nell’ultimo anno non sia cresciuto tantissimo. Gli aggiornamenti hanno preso un buon andamento e il distacco con Telegram è ormai quasi recuperato (Ok gli hashtag, ma bot e canali sono cose che nulla aggiungono alla messaggistica e i supergruppi sono inutili)

      • the

        Mai provato pollbot per decidere qualcosa su un gruppo? Finchè le cose non si provano non si possono capire del tutto. Spiega ad un cavernicolo perchè ci sia bisogno delle finestre!

        • giuscam94

          Il bot dei sondaggi è fighissimo e utile. In un gruppo spesso si mette ai voti 🙂

        • Alessandro Fiorito

          Quello è comodo che ci sia, concordo, ma quanti altri utili ce ne sono? E quanto volte lo si usa dopo le prime tre volte per provare quant’è figo? Non dico che Telegram non sia superiore per carità, ha delle funzioni oggettivamente molto comode. Ma ormai non è più giustificato il passaggio considerando la differenza di utenze – messo in conto anche che Wapp, a differenza di due anni fa che era ferma, sta migliorando molto l’applicazione.

          • the

            Sempre con le novità ci si chiede se siano o meno utili, anche whatsapp ci si chiedeva che utilità avesse dato che c’erano gli sms che funzionavano anche senza internet! Comunque la differenza più grossa tra whatsapp e telegram sta proprio nella base, oltre che nella filosofia: telegram è aperto, a partire dalla base cloud che ti permette di usare un account su infiniti dispositivi, per arrivare all’apertura a qualsiasi tipo di file. Whatsapp gira su un solo dispositivo, e la versione web è un accrocchio che funziona una volta si e una no (e che passa per lo smartphone) ad esser buoni, e consente di inviare solo foto e video ricompressi, e da poco pdf. La limitazione sembra essere a livello di protocollo, che è praticamente di una generazione indietro… Il resto delle funzioni di telegram sono più o meno implementabili, tanto è vero che quando whatsapp è diventato gratuito si era lasciato intuire che qualcosa simile ai bot verrà inserito.

      • enricorov

        Ma proprio no, i bot sono parte integrante della messaggistica, specie nella ‘versione’ inline da poco aggiunta. Prova @automemebot, @vid, @gif, eccetera. Certo, roba goliardica, ma tant’è.

        • matteo masi

          mah..io ho installato telegram e l’ho usato per un po’..interessante era il bot per il tracking dei pacchi e ho provato il boto di netflix..
          a parte i primi due pacchi seguiti tramite telegram poi mi sono dimenticato di averlo e ho utilizzato le solite tecniche di tracking(amazon traccia benissimo e non si sente molto il bisogno di qualcosa di alternativo)..il bot di netflix ho smesso di usarlo perchè mandava troppe notifiche..

          quindi si..interessante, sono funzioni in più, ma personalmente non indispensabili e la mancanza della maggior parte dei miei contatti non mi fa propendere per telegram..

          • enricorov

            Infatti è giusto che si possa scegliere, in base alle proprie necessità. Io uso molto i canali per le notizie in ambito tecnologico, e gli inline bot.

        • Alessandro Fiorito

          Ah be’, roba utilissima che mi fa decidere quale sistema di messaggistica utilizzare

          • enricorov

            A te, forse no. A me queste cose interessano, quindi le uso.

    • sciacallo010

      Messaggio più imprevedibile del finale di un porno, #megliotelegram sotto una news su Whatsapp non s’era mai sentito

      • enricorov

        Mai messi hashtag della minchia. Semplicemente constatavo che Telegram continua ad avere più funzioni di Whatsapp.

        Io sono e so di essere dalla parte di Telegram, perchè è open source, e perchè mi serve poter mandare messaggi da più dispositivi (computer, telefono, ecc). Ho scritto un commento provocatorio perchè è chiaramente e semplicemente una piattaforma di messaggistica più completa di Whatsapp. Poi ognuno è liberissimo di scegliere quello che più fa per lui, ci mancherebbe.

        • sciacallo010

          Ah, #scusa

    • dgero83

      Peccato che i server di telegram su cui c’è un backup che non puoi non fare, siano in qualche posto sconosciuto della Siberia e cifrati ancora con SHA1, superato nel 2006 come standard, e che sarà bucabile con un laptop tra meno di un anno.

      • enricorov
        • dgero83

          ah se lo dichiara telegram che lo sha1 va bene, io sto zitto.

          • enricorov

            Telegram è open source, e ci sono svariate migliaia di dollari in palio per chi trova una vulnerabilità nel sistema. Accomodati.

          • dgero83

            Il client è open source. I server hanno SW proprietario. Guarda caso.

          • enricorov

            Chiedo scusa, non avevo letto bene. In ogni caso, io preferisco avere il dubbio che ci sia la possibilità per qualcuno di spendere qualche mesetto a decifrare i miei dati, piuttosto che avere la certezza che Facebook vi abbia accesso, o comunque ne tragga beneficio economico.

            Tra l’altro, il destinatario dei messaggi e la data/ora dell’invio/ricezione dei messaggi crittati end-to-end via Whatsapp rimangono sui loro server.

            Poi, ad ognuno il suo.

          • dgero83

            Facebook non vi ha accesso dato che i dati sono cifrati

  • #ciaoim for president

  • Matteo

    i telegram fanboy sono i peggiori. Gente adulta che si attacca agli hashtag cliccabili e agli sticker pur di dire #megliotelegram. Disintossicatevi dalla bimbominkiaggine che siete adulti e vaccinati.. Pietà.

  • Marco Assini

    Ma la crittografia va confermata scambiandosi la scannerizzazione del QR Code o è già a posto senza fare nulla?
    Nelle info c’è scritto “Tocca per confermare”.

    • paola

      ma i messaggi escono normali

  • juza

    I messaggi che avete inviato fino ad oggi non erano un c…. sicuri!
    Bene, complimenti!

  • Matteo Quetti

    Scusate una cosa, ieri sera ho provato a fotografare il QR di un altro telefono col mio (e la stessa cosa all’inverso, dall’altro telefono ho fatto scansionare il mio), ma dopo la conferma con la V in campo verde al posto del QR restava comunque la stessa schermata con il codice QR, e la procedura poteva essere ripetuta. E’ configurato correttamente? Devo rifare?

  • paola

    ma i messaggi non escono crittografati ma escono normale