Microsoft-Nadella

Secondo il CEO di Microsoft Continuum è il futuro della telefonia

Giuseppe Tripodi

Il CEO di Microsoft Satya Nadella è stato intervistato da Business Insider, con cui ha chiacchierato del futuro di Windows 10 Mobile. Per prima cosa, Nadella ha chiarito che agli occhi della società la versione per smartphone non è un qualcosa di diverso da Windows per HoloLens, Windows per PC o Windows per Xbox: esiste un solo Windows.

Girano su dispositivi con caratteristiche diverse, ma è un’unica piattaforma, un unico store, un unico strumento per gli sviluppatori. Si adatta per schermi differenti e diversi input e output.

Proseguendo, quando gli è stato chiesto cosa ne viene a Microsoft continuando a sviluppare la sua piattaforma mobile, Nadella ha risposto:

Non sto cercando di essere un altro produttore che segue le regole di qualcun altro. Quel che rende unici i nostri smartphone è Continuum e continueremo ad espanderlo al massimo.

Proprio come con i Surface, dove siamo stati riusciti a creare una categoria. Tre anni fa la maggior parte delle persone avrebbe chiesto “cos’è un convertibile?”, mentre adesso anche Apple ne ha prodotto uno. E a tre anni da adesso, spero che la gente possa dare un’occhiata e dire “o wow, giusto, è un telefono che può essere anche un PC!

Il CEO della società ha continuato parlando dell’importanza che potrebbe avere questa soluzione nei mercati in via di sviluppo come l’India, dove attualmente viene adottata una politica mobile first (ossia ci sono più smartphone che PC).

LEGGI ANCHE: Editoriale: Perché Microsoft deve uccidere i Lumia e reinventare il mobile

Quanto affermato da Nadella si sposa benissimo con quel che abbiamo detto nel nostro editoriale: sembra ormai chiaro che la miglior strategia per Microsoft sia puntare su Continuum, ossia sull’integrazione tra mobile e desktop.

La società di Redmond è leader indiscussa nell’ambito PC e, qualora una soluzione unica mobile/desktop si rivelasse vincente nel prossimo futuro, Microsoft sarebbe già anni avanti a Google ed Apple.

Fonte: MSPU