eccesso velocità

Il malware che vi manda la multa per (vero) eccesso di velocità

Emanuele Cisotti

Le mail di scam sono ormai all’ordine del giorno tanto che ormai in molti abbiamo imparato ad ignorarle di istinto, ma proprio questo motivo chi crea questi sistemi (e che di questi sistemi vive) trova ogni giorno modi sempre più raffinati per farci cascare nella trappola.

La notizia di oggi riguarda una serie di mail ricevute da alcuni abitanti della cittadina Tredyffrin in Pennsylvania con mittente le autorità locali. In questa mail veniva riporta una contestazione di eccesso di velocità riportando dati reali o comunque molto plausibili, come il nome dell’utente, il tratto di strada realmente percorsa, il limite di velocità e la vera velocità (oltre il limite) del conducente. Il modo in cui questa mail è stata composta è quantomeno astuto e si basa su dati raccolti da app infette o confezionate su misura e installate in modo malevolo o incauto sugli smartphone degli utenti.

Queste app infatti avrebbero registrato oltre ad alcuni dati (come il nome ed il cognome) anche la posizione GPS e da questa estratto la velocità di marcia. Nella mail era poi riportato un link alla foto della targa del veicolo trasgressore che era in realtà poi un malware vero e proprio. Ingegnoso, non trovate? Questo è sicuramente un caso sporadico ma è comunque un buon insegnamento per tutti: attenzione a cosa installate e dove portano i link delle mail che ricevete.

Via: The VergeFonte: Philadelphia
  • TheJedi

    Peccato che la polizia non mandi le multe via mail, come al solito bisogna essere dei polli a cascare in ste cose.

    • Però è utile per capire se si ha il malware sullo smartphone e nel caso formattare!

    • A parte che è accaduto in Pensicosa e non in Italia, il mio comune di residenza ha la mia email in database (data volontariamente) per ogni tipo di comunicazione, multe incluse.

      • TheJedi

        In nessun paese del mondo le multe vengono notificate via mail.

        • Hai preso multe in ogni dove per poterlo affermare al 100%?

        • Alan Domio
          • TheJedi

            Appunto, PEC, non mail. Io la PEC non ce l’ho, quindi non mi possono notificare le multe in quel modo. Come me il 99% delle persone la PEC non ce l’ha.

          • “in nessun paese del mondo”… la PEC ha valore legale solo in Italia, altrove o ci sono altri sistemi (nazionali, non c’è ancora, se mai ci sarà, uno standard internazionale) oppure banali mail anche a domini normali come @gmail o @outlook

          • TheJedi

            La PEC ha valore legale solo qui, ma è come una raccomandata, fidati che qui in Germania (quindi non in Burundi) ti notificano le multe solo via posta, nessuno mai notificherà una cosa come una multa via mail, basta solo dire “eh ma non mi è arrivata” e nessuno potrà verificare realmente se è arrivata o meno, se non chiedendo al provider di fornire i dati.

          • Conosco (e combatto) il sistema PEC. E so cosa succede in Germania.

            Ma nell’articolo non si parla dell’Italia, della Germania o di qualche altra nazione del vecchio (in ogni senso) continente.
            No, si parla di uno stato degli USA.