Samsung-Pay-press-840x527

Samsung Pay costa un sacco: perdite per 16,8 milioni di dollari nel primo anno

Giuseppe Tripodi

Il futuro dei pagamenti è nel mobile, ma nessuno può negare che questa rivoluzione avrà un costo, e neanche basso. Samsung ha annunciato un po’ di cifre relative al primo anno di Samsung Pay: lanciato prima in Corea del Sud, e arrivato poi negli USA (dove adesso copre il 70% delle carte di credito e debito), questo servizio di pagamento è in rapida espansione e arriverà a breve in Cina, Regno Unito, Spagna, Australia, Singapore, Brasile e Russia.

Nonostante la rapida crescita, nel 2015 Samsung Pay ha portato alla società una perdita per 16,8 milioni di dollari, con ricavi netti di soli 4,2 milioni. Samsung Pay ha ora debiti per 23,6 milioni e patrimonio netto di 10,5 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE: Samsung Pay ha già più di 5 milioni di utenti

Tuttavia, l’azienda coreana considera Samsung Pay e altri prodotti (ad esempio Gear VR) come un investimento ed è conscia che ci metteranno del tempo prima di generare profitto. A tal proposito ricordiamo che Samsung Pay sta crescendo più velocemente di Apple Pay, il che dovrebbe dirla sul rapido tasso di adozione di questo servizio.

Via: GSMArena
  • TheJedi

    Forse è per questo che non lo stanno espandendo rapidamente, perdono già abbastanza così.

  • Michel Bianchi

    Per avere una cosi forte perdita penso che stiano veramente investendoci ,buono per gli utenti

  • krikstyan

    Perdita di 17 milioni per un azienda pagata 200 da ammortizzare in almeno 5 anni e vi sembra un risultato deludente? …che inoltre per adesso Samsung Pay è stato lanciato in soli 2/3 paesi, a me sembra un risultato fantastico per loro.