App Windows Phone final 1

Microsoft punta al porting delle app, ma lascia fuori Android

Giuseppe Tripodi

Notoriamente Microsoft sta spingendo sul porting delle app per ampliare il proprio Store per Windows 10 Mobile. A tal proposito, è interessante ricordare che ieri la società di Redmond ha annunciato l’acquisizione di Xamarin, piattaforma per lo sviluppo di applicazioni mobile cross-platform (Android, iOS, Windows) utilizzando C#.

Oltre Xamarin, Microsoft sta spingendo sui cosiddetti Bridge, ossia degli strumenti per portare app realizzate per altre piattaforme su Windows 10 Mobile. Nello specifico, si parla di tre tool:

  • Web Bridge
  • Project Centennial, per portare app Win32 e .NET
  • Project Islandwood o Windows Bridge per iOS

LEGGI ANCHE: Windows 10 Mobile potrebbe arrivare anche su OnePlus 2, 3 e Xiaomi Mi 5

Rimane fuori Project Astoria, ossia lo strumento per convertire le app Android: già da tempo questo bridge sembrava essere stato messo da parte, ma adesso Microsoft ha comunicato le ragioni dietro questa scelta. Secondo quanto riferito dalla società, la possibilità di scegliere tra due diversi bridge stava portando confusione tra gli sviluppatori di app multipiattaforma, che non sapevano quale preferire: per questo motivo, il team ha deciso di concentrarsi su Windows Bridge per iOS, lasciando fuori la variante per Android.

Microsoft suggerisce agli sviluppatori che avevano utilizzato Android Bridge di dare un’occhiata a Xamarin, su cui la società spingerà molto nei prossimi mesi.

Fonte: Windows
  • Paolo Romano

    Molto meglio. Solitamente la controparte IOS delle app è migliore rispetto a quella Android, quindi meglio attingere di là piuttosto che il contrario

    • Anders Ge (f.k.a.”usagisan”)

      Senza contare la quantità di app più o meno famose da cui attingere.