3 italia final

3 Italia bloccherà le pubblicità invadenti

Giuseppe Tripodi -

Con un inaspettato comunicato, 3 Italia, e 3 UK, hanno annunciato una collaborazione con Shine Technologies per implementare il servizio di ad block di Shine sulla propria rete.

L’operatore adotterà quindi una tecnologia per bloccare le pubblicità invasive alla base, specificando che l’ad-blocking basato sulle reti è più efficace di quello ottenuto dalle applicazioni. Tre specifica infatti che questa operazione ha tre obiettivi principali:

  • Gli utenti non dovrebbero pagare traffico per ricevere pubblicità. Queste spese dovrebbero essere sostenute dalle compagnie pubblicitarie
  • La privacy e la sicurezza degli utenti devono essere completamente protette. Alcune compagnie pubblicitarie utilizzano le pubblicità per ottenere i dati degli utenti senza il loro consenso
  • I consumatori dovrebbero essere in diritto di ricevere solo pubblicità che siano rilevanti ed interessanti per loro, e non avere un’esperienza mobile degradata da pubblicità eccessive, intrusive, non gradite o irrilevanti

Nei prossimi mesi, Tre annuncerà i dettagli di questa iniziativa, volta a fornire una migliore esperienza mobile ai propri clienti. Specifichiamo che l’operatore parla di bloccare contenuti “excessive and irrelevant” e che, quindi, non si tratterà ovviamente di un’esperienza completamente priva di pubblicità.

LEGGI L’EDITORIALE: AdBlock, causa e soluzione di tutti i problemi di internet. Più o meno.

Inoltre, considerando anche il primo punto elencato da Tre, è possibile che il gestore adotterà una politica simile a quella di AdBlock Plus, in cui le compagnie pubblicitarie dovranno pagare un obolo e dimostrare che le loro pubblicità non sono intrusive, prima di superare il filtro.

Si tratta in ogni caso di un’importantissima svolta nel mondo della telefonia, che probabilmente avrà delle conseguenze anche alla luce della recente legge europea sulla neutralità della rete: staremo a vedere quali saranno le modalità adottate da Tre e come si evolverà la vicenda nei prossimi mesi.

Aggiornamento: Alleghiamo di seguito il comunicato stampa ufficiale di 3 Italia.

Il Gruppo 3 lavora a servizio per blocco della pubblicità indesiderata su dispositivi mobili
 
3 UK e 3 Italia hanno collaborato con successo con Shine Technologies per l’implementazione sulle proprie reti delle tecnologie Shine per il blocco della pubblicità sui dispositivi mobili. Questa iniziativa permetterà una rapida distribuzione della tecnologia di “ad-blocking” anche agli altri operatori del Gruppo 3.
Rispetto ai servizi basati su App, il servizio di “ad-blocking” integrato nelle reti mobili rappresenta una soluzione più efficiente per i clienti, poiché riesce ad intervenire su un numero maggiore di banner pubblicitari senza alterare l’esperienza e la velocità di navigazione.
La collaborazione con Shine non ha l’obiettivo di eliminare la pubblicità, che è spesso interessante e porta benefici ai clienti, ma di dare agli utilizzatori la possibilità di scegliere se e quando ricevere pubblicità sul proprio dispositivo mobile.
Gli obiettivi principali del Gruppo 3 sono:
1.    che i clienti non dovrebbero pagare per l’utilizzo dei dati consumati per visualizzare la pubblicità sul dispositivo mobile. Questi costi dovrebbero essere a carico degli inserzionisti.
2.    che la privacy e la sicurezza dei clienti debba essere completamente protetta. Alcuni inserzionisti utilizzano infatti la pubblicità per appropriarsi dei dati clienti senza che questi ultimi ne siano a conoscenza o abbiano dato il proprio consenso.
3.    che i clienti dovrebbero essere in grado di ricevere solo la pubblicità di loro interesse, senza che la loro esperienza e velocità di navigazione venga condizionata da una pubblicità spesso eccessiva, intrusiva e quindi non desiderata.
Nei prossimi mesi, il Gruppo 3 fornirà maggiori dettagli sulla collaborazione con Shine Technologies e il settore pubblicitario per assicurare ai propri clienti un’esperienza di navigazione mobile migliore, più personalizzata e trasparente.

Via: TheVergeFonte: Tre
  • http://www.egosistema.it/ Alessandro L

    ottimo, finalmente un po’ di regolamentazione in un business che è diventato troppo selvaggio. Dovrebbero prendere tutti esempio.

    • Giuseppe D’Anna

      esempio da chi? dalla 3? che ti abbonava a caso a servizi mai richiesti?

      • http://www.egosistema.it/ Alessandro L

        e i marò?

        • Andrea__93

          Siamo nel 2016..non fa più ridere ormai

          • http://www.egosistema.it/ Alessandro L

            scusa, cercavo di mantenere il livello della discussione

  • Plinky

    Beh era l’ora… da quando son passato a Tre ho cominciato ad avere redirect improbabili su pagine a pagamento. Ho dovuto ricorrere al barring per tutelare il mio credito… e ad un browser con adblock per non venire sbalzato via ogni 3 per 2 da troppi siti web.

    • mekssj86

      Quale browser?

      • Plinky

        Lighting Web Browser +

        Su xda lo trovi gratis, sul playstore è a pagamento.
        Cmq con Marshmallow anche il browser stock Samsung avrà l’ad block integrato.

  • https://plus.google.com/u/0/+GabrieleAuriemma/ G@br!eL

    da web developer dico: GRANDI, continuate su questa strada