Se avete mai effettuato un acquisto in-app, lo rifarete!

Giuseppe Tripodi

La società di analisi Soomla ha pubblicato interessanti statistiche relative ai guadagni tramite gli acquisti in-app: ad esempio, sapevate che se avete mai comprato qualcosa tramite in-app purchase è molto probabile che lo rifarete ancora?

Secondo Soomla, infatti, chi ha già speso dei soldi per un contenuto di un gioco è sei volte più probabile che lo faccia di nuovo rispetto ad un giocatore che non ha mai investito in un acquisto in-app. E attenzione, non si parla necessariamente di altri elementi dello stesso titolo, ma anche potenziamenti o monete per altri giochi.

I dati forniti da Soomla sono particolarmente interessanti: nel Q1 del 2016 solo il 2% dei consumatori ha speso soldi tramite gli acquisti in-app ma, nonostante questa bassissima percentuale, il settore degli acquisti in-app ha un valore commerciale di 34 miliardi di dollari.

LEGGI ANCHE: Nel 2015 Clash of Clans e Game of War hanno generato più introiti dei 10 più redditizi giochi per console

L’analisi di Soomla ha coinvolto 20 milioni di videogiocatori in oltre 200 paesi e ha svelato che chi compra qualcosa nelle prime 24 ore dopo aver installato un gioco è nove volte più probabile che esegua un acquisto in-app su un altro gioco. Inoltre, il 40% dei giocatori che hanno speso almeno 25$ in un titolo, pagheranno contenuti anche in altri giochi.

Per quanto riguarda la suddivisione degli acquisti in-app, come potete vedere dal grafico di seguito il 65% dei profitti provengono da contenuti a vita (personaggi, livelli aggiuntivi, rimozione della pubblicità…), che hanno un costo medio di 2,60$.

soomla statistiche suddivisione acquisti in-app

Infine, il grafico qui sotto mostra le probabilità (incrementali) che un utente che ha già comprato qualcosa in gioco esegua degli acquisti in-app in un secondo e poi terzo e quarto titolo.

probabilità acquisti in-app dopo il primo

A questo punto la domanda sorge spontanea: quanti di voi lettori hanno mai effettuato acquisti in-app? E quanto spesso?

Via: VentureBeat