asapdash

ASAP Dash, powerbank da 5.000 mAh che si ricarica in 15 minuti (foto e video)

Massimo Maiorano

ASAP Dash è un progetto nato sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo e che potrebbe attirare la vostra attenzione per una peculiare caratteristica che lo distingue dai “rivali”.

Si tratta essenzialmente di un powerbank dal corpo in alluminio disponibile in varie colorazioni (Gunmetal, Gold, Silver), dalle dimensioni/peso contenute e con capacità pari a 5.000 mAh. Tuttavia, l’importante caratteristica di cui ASAP Dash è in possesso è la possibilità di essere caricato completamente in 15 minuti, grazie alla innovativa tecnologia utilizzata per la realizzazione del prodotto. ASAP Dash può essere caricato in auto o tramite i tipici ingressi USB/microUSB, non manca poi un tasto dedicato alla visualizzazione della carica residua tramite i 4 led presenti e la compatibilità con vari dispositivi, specialmente Android ed iOS.

LEGGI ANCHE: Sony FES: l’orologio e-paper nato sul crowdfunding disponibile per fine mese

Per maggiori dettagli al riguardo ma soprattutto per finanziare il progetto (partenza da 89 dollari) consigliamo di visitare la pagina dedicata alla campagna di ASAP Dash.

  • TheAlabek

    Meglio caricare una notte uno da 20.000mha che questa robaccia da soli 5000mha

    • Obi-Wan

      la 20mila mi dura quasi 2 settimane…

      • TheAlabek

        Se ho necessità di un powerbank, significa che minimo mi serve un altra ricarica allo smartphone, 5000 mha non mi bastano mai nella vita

        • Filo

          Comprane 4

          • TheAlabek

            e li metto in serie

  • Emilio Spider

    Se la matematica non è un’opinione, per ricaricare una batteria da 5.000 mA/h in 15 minuti ci vuole un caricabatterie da 20.000 mA/h, ossia una corrente di 20 Ampére.
    Come può essere ricaricato da una normale porta USB che di Ampére ne eroga solo 0,5 ???
    Ci vorrebbero 40 ore.
    Quelli tipici da Apple di Ampére ne erogano 2,1.

    • Angelo

      Già col fast charge 3 = 12V/1.67A …. se rifai i conti con questi valori ci vuole molto meno di quello che hai detto te….ma sempre molto di più di quanto dichiarato da loro…non per nulla è un prodotto “in studio”

      • Riccardo Laiolo

        Se solo aveste dato anche un’occhiata alla pagina linkata del progetto potevate evitare di sparare sentenze e giudizi a caso. Per la ricarica rapida del powerbank bisogna usare il suo caricatore, non una usb qualsiasi.

        • Emilio Spider

          Io non sparo né sentenze né giudizi, ho solo fatto una logica moltiplicazione, sulla base dell’articolo scritto in italiano.
          Forse qualcuno conoscerà benissimo l’inglese, ma non sa scrivere molto bene in italiano, se ha scritto come titolo dell’articolo “si ricarica” anziché “ricarica il cellulare” in 15 minuti.
          Peraltro il video dopo lo ho guardato, ma non ho visto una chiara inquadratura del caricatore, si vede solo uno spinotto.
          A che punto del video è? Forse mi è saltato.

          • Riccardo Laiolo

            “ho solo fatto una logica moltiplicazione, sulla base dell’articolo scritto in italiano.”

            Quindi nell’articolo c’è scritto che il power bank si ricarica in 15 minuti tramite USB… a me sembra che ci sia scritto che può essere ricaricato in 15 minuti e che può essere caricato anche in auto utilizzando un comune caricatore usb.

            “Forse qualcuno conoscerà benissimo l’inglese, ma non sa scrivere molto bene in italiano, se ha scritto come titolo dell’articolo “si ricarica” anziché “ricarica il cellulare” in 15 minuti.”

            Il power bank non ricarica il cellulare in 15 minuti.

            tra l’altro perché dici che per caricarlo con una usb standard ci vogliono 40 ore?

          • Emilio Spider

            Perché la USB standard (quella del PC) ha un’erogazione massima di corrente di 500 mA (milliampére) dopodiché, per evitare di bruciare la motherboard, il software ne stacca l’alimentazione, come farebbe un salvavita. Con 500 milliampére per ricaricare una batteria da 5000 mA ci vogliono 10 ore (5000/500).

            Altro caricabatterie hanno indicato la max corrente erogabile, ma come hanno già detto si trovano da 1 – 1,1 – 1,5 – 2,1 Ampére.
            Per i 5000 mA in 15 minuti (titolo dell’articolo) ci vorrebbero 20 Ampére.

            Il 40 ore è un mio errore (chiedo scusa) dovuto al fatto di guardare il rigo precedente, dove scrivevo dei 20.000 mA necessari per caricare in 15 minuti.
            Ho rivisto 20.000 invece di 5.000.

            Ma poco cambia riguardo alla impossibilità di certi caricamenti ultrarapidi.

            Nell’articolo non si dirà proprio “nella stessa frase” che si carica da USB in 15 minuti, ma lo si scrive in due frasi consecutive, e collegate logicamente.

            Peraltro, non c’è un descrizione chiara né la foto del caricatore apposito, quello che caricherebbe il prodotto in soli 15 minuti, come da titolo.

            E se si parla di caricare il cellulare, anche la batteria del cellulare deve essere di ultimissima generazione e predisposta ad una ricarica così veloce, pena la cottura.

            Il video, come altri di Indiegogo, è bello ma poco informativo.
            Anche se ho aderito ad una dozzina di prodotti su Indiegogo, questo l’ho saltato proprio perché poco dettagliato tecnicamente.

            Diciamo che l’articolo è quantomeno “vago”, ma per alcuni potrebbe risultare anche fuorviante.

    • Yammo

      quelli apple di solito sono da 1 A, quelli di ipad sono da 2,1