Il Marocco non vuole il VoIP: gli operatori bloccano chiamate su WhatsApp, Skype e Viber

Giuseppe Tripodi -

Brutte notizie per gli utenti marocchini che utilizzano le chiamate audio di WhatsApp, Skype, Viber o qualsiasi altro servizio VoIP: i tre principali operatori nazionali  hanno infatti bloccato la possibilità di utilizzare questo genere di servizi in 3G e 4G, e anche sotto WiFi la situazione è nettamente peggiorata.

Si tratta di un durissimo colpo per tutti gli utenti, specialmente considerando che le chiamate via internet sono uno dei mezzi più comodi per contattare i propri cari che vivono all’estero.

Secondo quanto riportato, le compagnie telefoniche si sarebbero accordate contro i servizi VoIP, ritenuti responsabili per la diminuzione dei guadagni, il che renderebbe troppo caro l’acquisto delle esose licenze per le attività di telecomunicazioni. Proprio a causa delle suddette licenze, pare che il governo marocchino non abbia disdegnato questa iniziativa, che ovviamente porterà maggiori guadagni nelle casse dello stato.

I media nazionali, infatti, riportano che già in passato le istituzioni nazionali avevano avvertito Facebook (WhatsApp), Microsoft (Skype) e Viber della necessità di acquistare una licenza per poter fornire servizi di comunicazione vocale in Marocco.

Insomma, c’è già chi parla di un vero e proprio cartello tacitamente appoggiato dal governo, al quale gli utenti si stanno giustamente ribellando ma senza risultati.

Grazie a Mustapha

Via: L'Espresso