tribunale

AGCM multa Telecom Italia e altre 6 società per 28 milioni di euro

Lorenzo Quiroli

L’AGCM, ossia l’autorità garante delle comunicazioni e del mercato, ha ufficializzato una multa, o meglio una sanzione, nei confronti di sette società, ossia Alpitel, Ceit Impianti, Sielte, Sirti, Site, Valtellina e Telecom Italia, con l’accusa di aver violato l’articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Secondo quanto riportato dalla nota ufficiale rilasciata:

L’accordo, informa una nota, ha riguardato il coordinamento, tra il 5 luglio 2012 e l’1 febbraio 2013, delle offerte economiche e di altre condizioni contrattuali nelle procedure per la selezione dei fornitori predisposte dalle societa’ Wind e Fastweb; nonche’ quello sulle informazioni relative all’erogazione dei servizi di manutenzione correttiva (cosiddetta assurance). Questa attivita’ viene effettuata per ripristinare il servizio in caso di guasti segnalati dai clienti finali o per malfunzionamenti della rete, a cui Telecom consente di accedere agli operatori telefonici alternativi (Olo). A giudizio dell’Antitrust, le condotte lesive della concorrenza consistono nella determinazione coordinata delle condizioni economiche contrattuali e delle informazioni trasmesse al regolatore, con l’obiettivo di limitare il confronto competitivo e prevenire l’evoluzione delle forme di erogazione disaggregata dei servizi tecnici accessori

AGCM

LEGGI ANCHE: 3 Italia multata di 232.000€

L’istruttoria ha permesso una serie di incontri che hanno visto le aziende da sanzionare, volti a stabilire la giusta cifra da presentare come risarcimento per il servizio disaggregato di manutenzione correttiva end-to-end.

Fonte: Mondo3
  • Alberto LXI

    Fino a che non si condannano penalmente una sanzione per elevata che sia a loro fa il solletico.

    • Okazuma

      Esatto e aggiungo che “condannare” una società non ha molto senso, piuttosto dovrebbero condannare i responsabili o i singoli dirigenti delle società stesse e vedi come cambia la musica

      • Pol Pastrello

        Concordo pienamente!
        Visto che i dirigenti vengono pagati come nababbi le condanne penali sarebbero commisurate al loro stipendio, Marco Patuano in primis!
        Ci hanno messo 3 mesi per ripararmi un guasto; in varie occasioni hanno cercato di addebitarmi la colpa dei problemi della loro rete. Dopo che hanno sistemato non vogliono pagare i danni che mi spettano …
        Si comportano come dei ladri e truffatori!

      • Alberto LXI

        Esatto.