Calendario dell'avvento (19)

Il Calendario dell’Avvento di MobileWorld – 19 dicembre

Giorgio Palmieri

Cinque: come le dita delle mani, dei piedi, come i giorni che mancano alla vigilia di Natale. Passiamoli insieme con il Calendario dell’Avvento, la rubrica che vi segnala giornalmente un titolo di qualità da assaporare sul vostro dispositivo.

SCOPRI IL GIOCO DI IERI: 18 dicembre

In base a cosa scegliamo il gioco? Semplice. Prendiamo un evento accaduto in passato nello stesso giorno di dicembre e ne estrapoliamo un particolare per scegliere un gioco secondo la nostra libera interpretazione.

L’evento di oggi

Il 19 dicembre 1955 debuttò ufficialmente Scarabeo, variante italiana di un altro gioco da tavolo intitolato Scrabble.

 

Quante amicizie perse.
Quante amicizie perse.

C’è un famosissimo titolo su Android e iOS che deve parte del suo successo proprio a Scarabeo e Scrabble: parliamo di Ruzzle.

Perché dovreste giocarlo?

È frenetico, ma nel senso positivo del termine. La sua velocità mette in moto il cervello del giocatore come pochi altri sanno fare sulle piattaforme mobili. In fondo ci sarà un motivo se è riuscito nell’intento di catturare oltre cinquanta milioni di utenti in tutto il mondo.

Lo scopo del gioco è tanto banale da dire quanto difficile nella pratica: bisogna trovare più parole possibili in due minuti all’interno di un insieme di lettere. Provatelo anche solo per cultura videoludica visto il successo che lo ha coinvolto.

Perché non dovreste giocarlo?

La descrizione di Ruzzle parla chiaro, e pone una domanda: ti piacciono i giochi di parole? Se risposta è un secco no, statene alla larga. Semplice e indolore.

APPROFONDISCI: 5 giochi per stimolare la mente

L’episodio di oggi 19 dicembre de il Calendario dell’Avvento si conclude qui. L’appuntamento è per domani, sempre sulle nostre pagine! Non mancate!

App Store badge

Play Store badge

  • Martino Fontana

    “Ti piacciono i giochi di parole?”
    No, non fanno ridere.

  • Inter Triplete

    Finlandia, ottobre 2013. Sono agganciato alla Wifi dello Starbucks. Finisco una partita, si sente il classico “ding” dei risultati. Un tizio mi guarda e dice: “Ruzzle!”. Aaahhh… i videogiochi… Ci danno pure l’illusione di essere un unico popolo, pensa! 🙂